DALL'ARCHIVIO - L'etica della neo-dittatura

ANNO 2008 Maurizio Blondet

 

 I vecchi con l'Alzheimer hanno «il dovere di morire»: lo ha dichiarato la baronessa Helen L. Warnock in un'intervista ad una rivista della Chiesa di Scozia (1). Lady Warnock, che le autorità britanniche misero a presiedere il Comitato Etico che ha consentito la manipolazione genetica degli embrioni (lo storico «Rapporto Warnock»), è considerata la più alta autorità in filosofia morale in Inghilterra.



«Se sei demente, stai sprecando la vita della gente che ti cura, le vite della tua famiglia, e stai sprecando le risorse del Servizio Sanitario Nazionale».

Dunque il dovere per ognuno di stilare il testamento biologico per l'auto-eutanasia: «nominare qualcuno che agisca in tuo nome se diventi incapace... Non c'è niente di sbagliato nel sentire che devi farlo per il bene degli altri oltre che di te stesso».

Nessuno scandalo. Interroghiamoci sinceramente: nel profondo del cuore, non diamo tutti ragione alla baronessa? Siamo tutti parte di questa visione strumentale della vita e di questa etica dell'efficienza. E non è nemmeno colpa nostra, in fondo: è che siamo dentro la «struttura di peccato» del sistema basato sul denaro. Pesiamo tutto in denaro, noi stessi ci lasciamo soppesare per quanto valiamo in soldi, abbiamo bisogno di denaro, «il tempo è denaro», eccetera.

Perciò la baronessa ha ragione. Entro il sistema vigente di «valori», il suo ragionamento non può essere contrastato.

Lo si potrebbe solo da un altro sistema: quello che chiama la dedizione ad un malato incosciente e inguaribile non uno «spreco», ma una «prova» o un dono, una «missione»,  o una croce - come sfida di santificazione che Dio ti ha mandato, e di cui dovrai rendere conto.

Ma questo sistema è tramontato nelle coscienze, e a farlo vivere non basta qualche Angelus del Pontefice. Occorre - occorrerebbe - che il dono di sè, la accettazione della «Croce», la missione, fosse «valorizzata» dalla società stessa, persino dalle leggi. Non è questo il caso.

Altrimenti ci ribelleremmo con fischi e bastoni al sorgere di Comitati Etici - tragica e ridicola invenzione post-moderna - di cui quello che la baronessa ha presieduto è il più famoso.

Lo scopo dei Comitati Etici non è di riaffermare i comandamenti morali come inviolabili, ma di adattare la morale alle necessità dei numeri, della scienza, in definitiva dei bilanci, del business. La loro arma segreta è la statistica.

Per una famiglia con un vecchio padre demente, è dura; ma ciò che sembra schiacciante si riesce a fare, giorno per giorno, perchè «ad ogni giorno basta la sua pena». Ma se si dice: esistono 700 mila malati di Alzheimer in Inghilterra, o 300 mila aborti clandestini, ecco che il problema ci schiaccia tutti. Diventa di bilancio.

Così sarà sancito un nuovo comandamento, un nuovo dovere mai prima udito: il dovere di chiedere la tua morte, per «non sprecare» i soldi del Servizio Sanitario Nazionale.

Eliminare «le bocche inutili» e i dementi con il motivo che guastano la razza ariana, no, che orrore. Ma con il motivo che sprecano fondi della Sanità, perchè no? Resteranno più fondi per salvare le banche in difficoltà.

E' la morale del Goldman's Reich, attualmente instaurato: supremo dovere della nazione, salvare gli speculatori.

Interessante vedere fino a che punto la giunta composta dal segretario al Tesoro Hank Paulson e dal governatore della FED Bernanke ha assunto pieni e discrezionali poteri.

Hanno ricevuto 700 miliardi di dollari per comprare, con il neonato Resolution Trust, «attivi» che le banche e non-banche speculative non riscono a vendere. Ma quali «attivi» (ossia debiti )? E a quali prezzi? La questione è cruciale.

Le istituzioni finanziarie hanno questi «attivi» (vari titoli di debito) scritti in bilancio al valore facciale; ma se li dovessero vendere, o anche solo contabilizzare, ai prezzi correnti di mercato (mark-to-market), gli azionisti di quegli enti perderebbero immediatamente il proprio capitale, quello che davvero hanno sborsato di tasca loro, non il denaro dei clienti. E siccome le banche come Goldman Sachs sono «leveraged» a 30 ad 1, ossia per 1 dollaro di capitale proprio hanno debiti e «titoli» per 30 dollari, basta che quei titoli vengano venduti al 3% in meno, per rendere (o rivelare) Goldman e le sorelle del tutto insolventi: il capitale proprio non basta a coprire le perdite. E qui le svalutazioni sono dell'ordine non del 3%, ma del 40%.

Conseguenza: il Resolution Trust dovrà comprare quegli «attivi tossici» invendibili ad altissimo prezzo, altrimenti tutta l'operazione di salvataggio degli speculatori fallisce.

In pratica, il nuovo organo di governo finanziario d'eccezione si appresta a regalare cifre enormi, a carico dei contribuenti, alle banche d'affari e alla speculazione che ha rovinato il sistema. Ma qual è la «giusta» misura del regalo?

Non c'è un modo obbiettivo per saperlo: quelle «merci» che il Tesoro USA comprerà non hanno mercato, non sono offerte in nessuna Borsa. Bisogna pur che gli speculatori abbiano il sufficiente, ma non troppo. E come si fa a stabilirlo?

Qui ci sarebbe spazio per un formidabile Comitato Etico, che stabilisse il «dovere» per le super-banche non già di morire (questo non si fa alla banche, Lady Warnock), ma almeno di non «sprecare» i soldi della gente che lavora, e che queste banche hanno già rovinato provocando il collasso finanziario, e dunque la perdita di milioni di pensioni americane.

Ma invece, ecco cosa ha fatto il nuovo Reich. Il decreto di Bush che crea il Resolution Trust recita: «Le decisioni prese dal Segretario (al Tesoro Paulson) sono insindacabili e affidate alla discrezione, e non possono essere soggette a revisione di nessun tribunale nè ente amministrativo» (2).

Insomma: cosa farà Paulson, a chi distribuirà i soldi e come, ogni sua azione, è stata preventivamente dichiarata sopra la legge. Nè ora nè mai potrà essere contestata in nessuna sede giudiziaria nè amministrativa; chi si ritenesse danneggiato da decisioni di Paulson non potrà appellarsi contro di esse. Non c'è ricorso possibile. Sopra Paulson, non c'è nessuna autorità.

Ecco il nuovo Sovrano.

Un così totale potere non è mai stato assegnato in nessuna repubblica a nessun organo esecutivo. Oggi, in USA, l'ordine esecutivo ha decretato la propria immunità davanti all'ordine giudiziario (alla faccia della separazione dei poteri).

Non basta: i poteri di Paulson nell'acquisto di «attivi» vengono definiti per decreto come illimitati.

«Gli acquisti s'intendono essere attivi connessi a mutui residenziali e commerciali, che possono includere titoli coperti da mutui (mortgaged-baked securities) o prestiti integri», si legge nel diktat; ma «il Segretario (Paulson) può a sua discrezione, in consultazione con il presidente della Federal Reserve (Bernanke), comprare altri attivi, secondo riterrà necessario per stabilizzare efficacemente i mercati finanziari» (3).

Capito? Con 700 miliardi, Paulson può comprare quel che gli pare. Anche Microsoft o tonnellate d'oro, a sua discrezione. La sua sola giustificazione: invocare lo stato d'eccezione.

Non stupisce che - come rivela il New York Times (4) - «le ditte finanziarie stanno facendo intensissima lobby per ottenere che siano coperti (ossia comprati dal Resolution Trust) non solo gli investimenti dubbi collegati ai mutui, ma ogni genere di cattivi investimenti».

Secondo Bloomberg, le finanziarie fanno pressione sui membri del Congresso, che fanno pressione sul Governo, per includere nei salvataggi «i debiti sulle carte di credito, i finanziamenti per l'acquisto di auto a rate, i prestiti agli studenti ed ogni altro genere di attivi in difficoltà».

«Nello stesso tempo, le banche d'investimento stanno manovrando per indicare quali "attivi" il Tesoro toglierà dai libri contabili delle istituzioni finanziarie, un ruolo che può fruttare a questi aspiranti supervisori centinaia di milioni di dollari in commissioni».

Insomma, tutto intero il «libero mercato» vuol farsi comprare dal Tesoro, dato che i prezzi saranno altissimi ad insindacabile giudizio di Paulson; un ultimo grande affare, protetti dalla immunità preventiva contro ogni dubbio di immoralità e di illegalità.

Il potere finanziario è diventato legibus solutus, più di Stalin, più di Hitler.

McClatchy Newspapers ricorda, senza suscitare alcuna rivolta, che Hank Paulson è stato fino al 2005 il capo di Goldman Sachs, e che allora ha fatto guadagnare alla banca d'affari 5,6 miliardi di dollari, e ne ha ricevuto compensazioni per 38 milioni. E Paulson, andando al Tesoro, s'è portato dietro una quantità di alti dirigenti di Goldman, fra cui a luglio Ken Wilson, proprio in previsione del salvataggio da compiere.

Goldman Sachs è stata, sotto Paulson, un «attore notevole delle emissioni di titoli basati su mutui». E secondo Bloomberg, «Goldman Sachs e Morgan Stanley saranno tra i massimi beneficiari del piano di salvataggio architettato e guidato da Paulson». Il conflitto d'interesse è evidente, lamenta  McClatchy (5). Ed è dir poco.

Qui è il sistema speculativo de-regolato che, anzichè essere sottoposto a regole da un'autorità pubblica, si è conquistato il pieno diritto di governarsi a proprio totale arbitrio e profitto.
Ma perchè lamentarsi? Una società che assegna ai malati di Alzheimer il dovere di morire per non pesare sui pubblici bilanci e non «sprecare», è ovvio che abbia consegnato ai miliardari speculatori il comando assoluto, senza controllo morale e legale alcuno.

E' la morale del Nuovo Reich finanziario. E chi accetta l'una, accetta anche l'altra, perchè nel sistema tout se tient. 
 





1) Martin Beckford, «Baroness Warnock: dementia sufferers may have a duty to die», Telegraph, 19 settembre 2008.
2) «Treasury financial bailout proposal to Congress», Wall Street Journal, 20 settembre 2008.
3) «Proposed Treasury authority to purchase troubled assets», US Department of the Treasury, Press Room, 20 settembre 2008.
4) Jenny Anderson, «Big financiers star lobbying for wider aid», New York Times, 21 settembre 2008.
5) Kevin Hall, «Can you trust a Wall Street veteran with a Wall Street bail-out?», McClatchy Newspapers, 21 settembre 2008.



Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I più letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext