CIAO CIAO GAO

Gian Antonio Orighi per 'La Stampa' 24/10/2012

 

 GAO PING, L'"AL CAPONE" CINESE, ARRESTATO A MADRID PER EVASIONE E RICICLAGGIO - "L'IMPERATORE" AVREBBE RIPULITO ILLEGALMENTE UN MILIARDO DI EURO



Lo chiamano l'imperatore, il cinese Gao Ping, finito in galera a Madrid per una colossale evasione fiscale e riciclaggio di 1 miliardo di euro. Conosciutissimo, persino dal re Juan Carlos, che si è fatto fotografare insieme a lui, famoso mecenate di gallerie d'arte, Gao Ping, nativo di Hang Zhou, era a capo di una miriade di imprese che importavano senza pagare le tasse merci dalla patria natale, le vendevano ai diffusissimi negozi gestiti ovviamente da cinesi e non pagavano un centesimo di imposte.


Non solo: prestava soldi a 200 imprenditori spagnoli lucrando sui loro capitali ad alto tasso di interesse (6%). Durante il suo arresto, hanno trovato in un suo capannone 5 milioni di euro cash.


Elegante e raffinato, esperto conoscitore dei media, si era fatto intervistare l'anno scorso persino da El Paìs. Gao ha cominciato la sua carriera venti anni fa, sbarcando a Siviglia, dove c'è ancora il ristorante che gestivano i suoi familiari. Ma è caduto nelle mani della giustizia, insieme a 69 suoi connazionali, proprio grazie alla evasione delle imposte, come Al Capone.


Nonostante il suo impero, che aveva base a Fuenlabrada, nell'hinterland di Madrid, dichiarava all'anno solo sette milioni di euro. Ed è cosí finito nel mirino prima del fisco, poi della magistratura.


 Mentre gestiva la sua holding, che importava dalla Cina ogni anno circa due mila containers pieni zeppi di mercanzia di ogni tipo, usava i suoi gorilla armati per intimidire i connazionali che non gli pagavano i prestiti da usuraio, spacciava droga e sfruttava la prostituzione via il suo maxi-ristorante di Leganés, il Shangrilá, il più grande d'Europa. Il suo potere era tanto grande, e le sue amicizie cosí influenti, che dava gli ordini al cellulare, nella lingua nativa, senza usare alcuna precauzione, compreso quelli delle spedizione punitive dei suoi sicari.


L'Imperatore non ha fatto una piega quando l'hanno arrestato la settimana scorsa insieme con la moglie, Lizhen Yang, nel suo palazzo da mille ed una notte nella madrilena Somosaguas. Intanto la polizia cerca l'hard disk della contabilità in nero delle sue imprese e i tanti imprenditori che si servivano dei suoi servizi tremano. Ed alla galleria di arte contemporanea Iberia di Pechino, 4 mila metri quadrati, fanno i salti mortali per far dimenticare che il proprietario era proprio Gao.



Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I più letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext