2 – Alle sciacquine in vacanza in Africa lo stato non paghi la vacanza

Silvana De Mari

Alle sciacquine in vacanza in Africa lo stato non paghi la vacanza





“Sono andata in Etiopia, nella bellissima regione del Sidamo, nel 1986 e ci sono andata perché ero chirurgo e mancavano chirurghi. L’Africa manca di tecnici, in compenso è ricca di africani che sanno fare un mucchio di lavori, senza il minimo problema, sicuramente meglio dell’europeo perché loro conoscono il posto. Quindi se siete capaci di amputare un arto, se siete capaci di eseguire un parto, se siete capaci di scavare un pozzo, se siete medici, chirurghi, ostetriche, veterinari o ingegneri, infermieri professionali no perché ci sono già le loro, ma qualche infermiera possiamo anche mettercela. Allora, se andate nel Terzo mondo siete dei soccorritori. Se non sapete fare nessuna di queste cose siete sciacquine.


Cioè individui a competenza zero che se ne vanno per il mondo convinti che il mondo sia il loro posto Erasmus, con il loro zainetto e il cellulare per farsi i selfie. Perché se non avete competenze, l’unico motivo per cui andate in terra d’Africa è il selfie con il bimbo africano. Negli anni ’80 fu fatta una legge terribile in Italia: era il periodo dell’Anonima sequestri, molte persone erano sequestrate, fu fatta una legge atroce: qualsiasi cosa succeda, tuo figlio lo fanno a pezzi e te ne mandano un pezzo alla volta, non puoi pagare il riscatto. Altrimenti ti imputiamo di concorso in sequestro di persona.


Questo pose fine ai sequestri.


Facciamo immediatamente questa legge: la sciacquina che se ne va in giro per il mondo cominci ad avere chiaro in mente che se le cose vanno male il popolo italiano non le pagherà la vacanza studio. Inoltre, questo fiume di denaro che è tolto al popolo italiano vuol dire bambini che moriranno di leucemia perché malcurati, persone che moriranno di ustioni perché mancano in molti posti del sud i centri antiustionati.


Con la stessa cifra con cui è stato pagato il riscatto di una sola persona, avremmo potuto riscattare dalle miniere di oro del Burkina Faso 4mila bambini africani. Avremmo potuto pagare 40mila corsi di infermiera professionale. E invece abbiamo finanziato il terrorismo con il denaro di questi riscatti della sciacquina di turno che deve andare in Africa oppure in Iraq oppure in Siria a portare la sua clamorosa incompetenza. Abbiamo finanziato il terrorismo.


Quante chiese con i cristiani  dentro saranno fatte saltare grazie all’esplosivo comprato per queste persone. Facciamo una legge che d’ora in poi, chiunque se ne vada in giro a salvare il pianeta secondo le sue idee lo fa a proprio rischio e pericolo. Il popolo italiano non può più pagare questo perché non è sensato che lo stato italiano finanzi il terrorismo internazionale. Io ho salvato la mia, certo, grazie a quel denaro moriranno in Africa almeno 500mila africani, ma tanto a te cosa te ne importa, l’importante è che tu hai salvato la tua.


Per cui, sciacquine, statevene a casa: non sapete amputare un arto, non sapete seguire un parto, non sapete scavare un pozzo, non siete inutili, siete dannose. State a casa”


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I più letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext