Trump e Putin rinnovano 'lo spirito dell'Elba'. Il Deep State cosa farà?

Maurizio Blondet

Trump e Putin rinnovano “lo spirito dell’Elba”. Il Deep State cosa farà?



#Putin e #Trump firmano,e  postano sui rispettivi siti, una dichiarazione congiunta sullo “spirito dell’ Elba”,  per ricordare l’ incontro dei due eserciti sull’Elba il 25  aprile 1945.  Quello storico incontro fra le truppe statunitensi e sovietiche sul  punto di ddebellare  la Germania nazista “come esempio di come i loro paesi possono cooperare”.


Decisione dirompente di The Donald  verso  il Deep State.  Ricordiamo che quando nel giugno 2019 i capi di stato  e di governo furono radunati dalla regina Elisabetta per commemorare il 75mo dello sbarco in Normandia,  l’unico assente fu Vladimir Putin. Non era stato  invitato. Un insulto deliberato  all’intero popolo russo, e al sangue  venti milioni di morti nella vittoria contro Hitler.


  Trump valuta che per gli  Usa l’avversario  pericoloso è la Cina, non laRussia, ed è dannoso costringere Mosca  buttarasi fra le braccia di  Pechino. Ma  il Deep State mantiene la posizione  che la Russia è nemica  della globalizzazione e  del mondo unipolare; ha sfidato “l’ordine” in Siria, e va punito; e con le provocazioni NATO alle sue frontiere, coomplici baltici e  governo polacco, conta di trascinare a Russia in quella costosa corsa agli armamenti che rovinò l’URSS.


La dichiarazione comune Trump-Putin. Un 25 aprile diverso. Con un sottinteso anti-Germania.


A questo scopo il Deep State sta per non rinnovare il trattato New START (scadrà fra dieci mesi) che consiste nel controllo reciproco degli armamenti atomici e  strategici.  Un trattato che ha garantito la pace e un equanime e trasparente   controllo per la sicurezza mondiale.


Per esempio, “gli Stati Uniti ricevono nota notifica ogni volta che un missile russo è dispiegato, o  che un bombardiere passa  da una base all’altra, ogni volta che viene prodotto un missile, e viceversa”.


Adesso, stracciando il trattato,  il complesso militare industriale americano vuole realizzare un’intera nuova  e pericolosissima  linea di armamenti,   a cominciare  dalle atomiche “tattiche” (per l’uso banalizzato e come primo colpo del nucleare) e la militarizzazione dello  spazio. Lavrov sta cercando di rabbonire i folli (la “lobby anglo-zionista” per The Saker: il Pentagono, coi generali, è a favore del controllo degli armamenti)   e convincerli di prorogare il Trattato di 5 anni.


Adesso, dalla dichiarazione comune postata per ritornare allo spirito dell’Elba, appare   chiaro che Putine Trump si telefonano.  In questo caso l’iniziativa è stata  di Trump:  ha telefonato a Vladimir per chiedere il suo aiuto nella riduzione della produzione petrolifera in seno all’OPEC,  ma poi evidentemente hanno parlato anche della sicurezza mondiale.


La reazione dei deliranti che chiamiamo Deep State   contro Trump sicuramente ci sarà. E sarà temibile.  


Non vorremmo ricordare che Irlmaier parò  del terzo attentato che avrebbe ucciso “uno grosso”, un uomo di pace dopo i due uccisi: il conte Bernadotte e  Ghandi. Trump,   se dà seguito a questo passo sull’Elba, si  dimostrerà  luomo di pace del decennio.


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I più letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext