DOPO 17 GIORNI IL LOCKDOWN ╚ INUTILE

Silvana De Mari per 'la VeritÓ' dagospia.com

DOPO 17 GIORNI IL LOCKDOWN È INUTILE -


LA DOTTORESSA DE MARI: ''LO DIMOSTRA UNO STUDIO APPENA PUBBLICATO. NON HA NESSUN SENSO PROLUNGARE LA PRIGIONIA, DISTRUGGERE IL SISTEMA IMMUNITARIO, LA PSICHE, IL SISTEMA SCOLASTICO, LE RELAZIONI UMANE, IL FUTURO E OVVIAMENTE LA RELIGIONE DELLA NAZIONE. ABBIAMO BISOGNO DI QUALCUNO CHE CI LIBERI DAI VIROLOGI CHE HANNO INVASO OGNI TRASMISSIONE TELEVISIVA, CHE SI DICHIARANO A LORO VOLTA ESPERTI DI UN FENOMENO NUOVO, CHE NON POSSONO CONOSCERE''


Silvana De Mari per “la Verità


Secondo uno studio scientifico, i cui risultati sono stati pubblicati domenica dal Corriere della Sera in un articolo di Elena Comelli, solo i primi 17 giorni successivi all' applicazione delle norme di contenimento dei movimenti e di chiusura (lockdown) determinano l' entità del contagio da coronavirus (Covid-19).


Dunque, la diffusione del contagio sembrerebbe dipendere solo dai focolai sviluppatisi nei primi giorni e sarebbe indifferente al rigore del lockdown, superati questi primi 17 giorni. Nell' articolo ci si chiede se chiudersi in casa e fermare le industrie serva a qualcosa.


Infatti lo studio, guidato da Stefano Centanni, ordinario di malattie dell' apparato respiratorio all' Università di Milano e direttore dei reparti di pneumologia degli ospedali San Paolo e San Carlo di Milano, suggerirebbe che qualsiasi misura restrittiva applicata dopo i primi 17 giorni incide poco o nulla sull' andamento dei contagi e sul numero delle vittime. Il team ha anche elaborato un modello matematico predittivo delle vittime che finora si è rivelato estremamente preciso, in tutti i Paesi analizzati: sia in quelli in cui, come il nostro, le misure di contenimento sono rigide, sia in quelli dove le industrie hanno continuato a lavorare e i movimenti dei cittadini non sono stati limitati, come Germania e Svizzera.


La curva dei contagi, che si assomiglia in ogni Paese, è stata ricostruita a partire dai dati cinesi. Il 10 marzo scorso, data di partenza del modello, esso prevede per il 18 aprile in Italia 23.873 morti, indipendentemente dalle misure restrittive messe in atto. I casi registrati nella realtà sono 23.227, poche centinaia in meno, ma un dato molto molto vicino alla previsione. Le previsioni per fine maggio sono poco meno di 30.000 vittime e se il modello dovesse rispecchiare la realtà, come ha fatto finora, saranno i morti che piangeremo. Lo stesso successo previsionale si è avuto anche per Germania, Spagna e lo Stato di New York.


Detto questo, non ha nessun senso prolungare la prigionia, distruggere il sistema immunitario, la psiche, il sistema scolastico, le relazioni umane, il futuro e ovviamente la religione della nazione.


Questo permette di risparmiare il denaro pubblico che pagherà le consulenze delle task force, dei sedicenti esperti che esperti non possono essere perché questa è una situazione che mai è comparsa nella storia dell' umanità, quindi chiunque se ne dichiari conoscitore è un fiero zuzzerellone.


Abbiamo bisogno di qualcuno che ci liberi dai virologi che hanno invaso ogni trasmissione televisiva, che si dichiarano a loro volta esperti di un fenomeno nuovo, che non possono conoscere, tutti assolutamente incapaci di usare il condizionale. Difficilmente ci dimenticheremo del dottor Roberto Burioni, che il 31 gennaio, mentre il virus impazzava e uccideva da settimane, ha dichiarato sempre con il solo uso dell' indicativo, sempre con la sacra certezza di Giovanna D' Arco che ha appena parlato con San Michele Arcangelo, che «il virus non sta circolando».


Un' affermazione così perentoria si può fare solo dopo aver fatto il tampone a 60 milioni di italiani. E noi, popolo italiano, riprendiamoci la libertà di uscire e quella di pensare, e piantiamola di farci ammaliare dalla parola «esperto». Dopo che ci hanno venduto come massimo esperto del clima una ragazzina svedese che va a scuola un giorno su due, impariamo l' arte della diffidenza.


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I pi¨ letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext