CROLLO INDUSTRIA/ 'Senza investimenti pubblici l'Italia è spacciata'

https://www.ilsussidiario.net MAURIZIOBLONDET.IT

CROLLO INDUSTRIA/ “Senza investimenti pubblici l’Italia è spacciata”



Nel 2019 la produzione industriale è tornata a scendere dopo cinque anni. Secondo l’Istat, si stima infatti un calo dell’1,3% rispetto al 2018, quando si era registrata una crescita dello 0,6%: è la prima diminuzione dal 2014 ed è la più ampia dal 2013. “Ora la questione industriale in Italia – osserva Luigi Campiglio, professore di politica economica all’Università Cattolica di Milano – rischia di diventare quasi insanabile. Se non riprendiamo a crescere, finiremo per rimanere intrappolati in una situazione da cui poi diventa obiettivamente molto difficile uscire. E in questo intrappolamento generale, non si tratta di far intervenire stabilmente il pubblico. Ma tocca al potere politico la responsabilità di rimettere in movimento la struttura produttiva”.


Secondo l’Istat la produzione industriale non era così bassa dal 2012. È vero che rallentano anche Germania e Francia, che la Cina risentirà dell’epidemia da coronavirus e che presto sentiremo gli effetti della Brexit, ma è tutta e solo colpa di uno scenario internazionale che si fa di nuovo molto cupo?


Nel 2019 la produzione industriale è tornata a scendere dopo cinque anni. Secondo l’Istat, si stima infatti un calo dell’1,3% rispetto al 2018, quando si era registrata una crescita dello 0,6%: è la prima diminuzione dal 2014 ed è la più ampia dal 2013. “Ora la questione industriale in Italia – osserva Luigi Campiglio, professore di politica economica all’Università Cattolica di Milano – rischia di diventare quasi insanabile. Se non riprendiamo a crescere, finiremo per rimanere intrappolati in una situazione da cui poi diventa obiettivamente molto difficile uscire. E in questo intrappolamento generale, non si tratta di far intervenire stabilmente il pubblico. Ma tocca al potere politico la responsabilità di rimettere in movimento la struttura produttiva”.


Secondo l’Istat la produzione industriale non era così bassa dal 2012. È vero che rallentano anche Germania e Francia, che la Cina risentirà dell’epidemia da coronavirus e che presto sentiremo gli effetti della Brexit, ma è tutta e solo colpa di uno scenario internazionale che si fa di nuovo molto cupo?


In Italia, seconda potenza manifatturiera d’Europa, si parla più di prescrizione che di crisi industriale. Non le sembra strano?

Un problema del far politica oggi è che si perde contatto con i timori e le speranze delle persone. A far male, ormai da troppi anni, è che il Paese non cresca. Se noi non riprendiamo a crescere e se la crescita resta confinata nel libro dei sogni, rischiamo di rimanere intrappolati in una situazione da cui poi diventa obiettivamente molto difficile uscire. Bisogna parlare e occuparsi seriamente di produzione industriale, perché significa parlare e occuparsi della vita quotidiana delle persone.


Aver mostrato troppe incertezze su Industria 4.0 è stato un errore che ha minato la fiducia degli imprenditori?

Sono pienamente d’accordo. Per un Paese come il nostro l’innovazione è una delle due o tre vie d’uscita dalla recessione.


E gli investimenti? I cantieri che dovevano essere aperti subito? Dove sono finiti?

Non fare gli investimenti è un atto di puro autolesionismo del potere politico verso il Paese.

……

Come provare a fermare questa fragilità, questa erosione?

Gli investimenti sono in molti a richiederli e in forme svariate, ma poi non si realizzano. Nè quelli privati né quelli pubblici. Bisognerebbe rilanciarli entrambi, o meglio: gli investimenti pubblici potrebbero aiutare a rilanciare quelli privati.


Dunque, la prima mossa tocca al governo, che deve dare un segnale forte sugli investimenti pubblici?

Sì. In questo intrappolamento generale, non si tratta di far intervenire stabilmente il pubblico, ma tocca al potere politico la responsabilità di rimettere in movimento la struttura produttiva. Non possiamo condannarci a un iperliberismo scervellato.


(Marco Biscella)

L’integrale qui:

https://www.ilsussidiario.net/news/crollo-industria-senza-investimenti-pubblici-litalia-e-spacciata/1984144/


la Francia negli ultimi 20 anni ha fatto come e anche un po’ meglio della Germania come PIL pur avendo deficit esteri…. in Francia hanno pompato credito/debito… quello che muove l’economia è il credito…


 
perchè non si fanno mai confronti ? dal 2009 in Italia le Banche hanno tagliato il credito alle imprese di 1/4 e coincidenza vuole che la produzione sia calata di 1/4… mentre in Francia le Banche hanno aumentato il credito alle imprese di un 1/3 e il PIL sia salito…




Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I più letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext