L'ORDINE DI CANCELLAZIONE

Maurizio Blondet

L’ORDINE DI CANCELLAZIONE


“Cardinale Parolin: ‘Cittadinanza a chi sbarca”, diceva un titolo di qualche giorno fa. Questa esortazione del segretario di Stato di Bergoglio è un orribile barbarie burocratica.


Avesse esortato “cerchiamo di convertire  chi sbarca”, avrebbe  parlato dei doveri suoi. Invece comanda e impone allo Stato italiano: “La cittadinanza a chi  sbarca”, subito “per evitare fenomeni di ghettizzazione”.  E subito, immediatamente, senza nemmeno chiedere  “a chi sbarca” se vuole la nostra, di cittadinanza, e non magari quella della Germania e della Francia. Parolin supera di un colpo anche le più radicali richieste degli accoglientisti,  supera lo “ius soli” – sia reso cittadino  chiunque  sbarca, appena arriva, presto presto.  Non c’’è bisogno che il giovinotto negro o maghrebino  nemmeno sappia dov’è arrivato, che abbia una competenza linguistica, che esprima una volontà.



Si vede così, chiaramente, che per lui   – il cardinale-superburocrate – cittadinanza è un  artificio burocratico vuoto di significato  –  il pezzo di carta a cui attribuisce il potere di “evitare le ghettizzazioni”: un potere magico, del tutto irreale,  perché  se ogni tanto il Parolin si chinasse sulla realtà sociale e nazionale, vedrebbe che fior di cittadini italiani sono “ghettizzati”  per le più varie ragioni, semplicemente perché non  appartengono alla classe dei ricchi di Stato, e devono vivere arrangiandosi, senza il vitto e l’alloggio garantito ai profughi dall’Accoglienza.


E  lo ordina Parolin, da esponente di uno Stato estero allo Stato italiano. Ritiene di aver titolo e diritto a disporre della cittadinanza italiana  e alla sua distribuzione.


Per lui, la cittadinanza italiana va regalata. Cosa senza valore e senza peso.  Non gli passa nella sua mente di burocrate che la cittadinanza “si guadagna”,  che “si merita”,  che  anche il neonato che ce l’ha gratis, la riceve come meriti guadagnati da genitori,  nonni, antenati che hanno parlato la lingua, costruito col lavoro italiano la società italiana, contribuito alla sua cultura, alla sua crescita. Nella cittadinanza ci sono  Ariosto e Caporetto,  la ricostruzione dopoguerra  e lo studio di Dante, Beato Angelico  e  il dispetto di saperci collettivamente vili, e il piacere carnale di vivere in città barocche e romaniche; c’è la densa  identità storica, ciò che ci hanno lasciato gli antenati e sul cui costruiamo (o che distruggiamo)  – che loro, i superburocrati transnazionali, diffamano come “etnicismo”  o razzismo.


Ché poi anche tutti i (falsi) profughi  e naufraghi che “sbarcano”  dopo aver gettato in mare i loro documenti di identità e cittadinanza, anch’essi vengono da una cultura, la portano in sé, la loro identità storica li costituisce – e per lo più  sono identità non conciliabili con la nostra né alcuna  civiltà, come dimostrano  gli stregoni nigeriani.


How Ritualists Sell And Cook Human Parts. Gli importerà della eredità che gli lasciamo? Saffo^? Beato Angelico? Harpes et luz?


Ma non è problema,  per il cardinale Parolin. Quelli “che sbarcano” è per lui come non avessero culture, religioni e stregonerie  e identità  eventualmente non solubili nella  italiana.  Cosa sono per lui? Un patrimonio genetico con cui “meticciare” la razza italiana, come ha detto  El Papa? ?Un DNA “fresco”? Un getto di sperma?  Brutale concezione dell’umanità,  concezione zoologica, sembra quella che papa e  cardinali della neo-chiesa condividono con i poteri oligarchici transnazionali.


Parlo di Parolin perché la sua ideologia collima profondamente con una direttiva europea di cui ho saputo per caso.


La UE ha appena emanato una (come definirla?)  pre-direttiva per decretare i criteri  “di qualità”  con cui la UE  accetterà di  finanziare i restauri e le ricostruzioni di monumenti del “retaggio culturale” europeo.


Se vi sembra astratto, pensate a Notre Dame incendiata…



Orbene:  l’euro-oligarchia decreta  che “Quando sono necessarie nuove parti / elementi, un progetto deve utilizzare il design contemporaneo aggiungendo nuovo valore e / o utilizzo nel rispetto di quelli esistenti.”


Capito? La UE vuol rendere illegale le riparazioni e  i rifacimenti “come erano prima”…  sui monumenti antichi devono essere  inseriti elementi di”design contemporaneo”  per “nuovi  utilizzi”.


“La UE  è letteralmente composta da  demoni”, commenta colui a  cui si deve informazione,  Nikos Salingaros, matematico-e urbanista,  autore di una critica radicale delle cosiddette “archistar”  (Anti-architettura e decostruzione).


Se  negli anni ’50   fosse stata vigente la “direttiva” che ora la UE vuole imporre,  sarebbe stata vietata la ricostruzione  di Dresda –  la Firenze sull’Elba –   incenerita dalla  tempesta di fuoco inglese;  i  polacchi non avrebbero potuto rifare Varsavia “come era prima” della devastazione completa che subì nella guerra.


Dresda


Varsavia come il popolo l’ha rivoluta



Salingaros ricorda che nel 1902 crollò la bellissima torre campanaria di piazza San Marco a Venezia.  “La sera stessa,  il consiglio comunale  approvare 500.000 lire  di stanziamento  per la ricostruzione, “ com’era, dov’era ”  (in italiano nel testo).


L’ideale europeista


Dal punto di vista degli eurocrati, il campanile di San Marco è “un falso antico”, così come Dresda  e Varsavia, e decine di città che le popolazioni hanno voluto restaurare  come le  vedevano i padri e i nonni che avevano vissuto nelle loro armonie, e gli avi che le avevano fondate. Così si capisce perché dopo che cadde la guglia di Notre Dame, si cominciò  a  dire che non era gotica “vera” , era stata rifatta nell’Ottocento, si poteva   sostituirla con qualche cosa “utile” commissionato ad una archistar alla moda,  e uno shopping center nel sottosuolo …


“Questa proposta tradisce un errore spaventoso di pensare:  che ogni periodo della storia è “autenticamente” rappresentato da un solo e unico stile, che è “contemporaneo” a quel periodo”, scrive Salingaros, “ciò è una totale  assurdità. La storia non è una linea ma una fuga, con risvegli, ricreazioni e novità tutti mescolati insieme.”.


E’  la densa identità storica  che ci siamo guadagnati, anche come eredi di una comunità estesa nei secoli e millenni  con le sue bellezze e i suoi errori : quello che rende così tipiche, inconfondibili  le nostre città europee, e amate dai loro popoli – e che i turisti cinesi delle “città nuove” e americani vengono a vedere, a respirare,  a farsene impregnare.


Come non vedere  l’intenzione satanica burocratica? Cancellare le identità storiche dei popoli d’Europa   “modernizzando “ i segni  urbanistici  della nostra specifica cultura; romperne la coerenza con inserzioni di “design contemporaneo”,  omogeneizzarli con non-luoghi della post-modernità. Vandalizzarli.


E come non vedere l’analogia con il diktat di Parolin, “La cittadinanza a chi sbarca, subito!”. Voi italiani non dovete sentirvi diversi dei  nigeriani con la loro “sub-cultura” cannibale, non del guerrigliero di Al Nusrah, non delle torme  afghane e pakistane che hanno  invaso l’isola di Lesbo, la patria  della poetessa suprema della lirica occidentale, “Saffo dai capelli di viola” (Alceo).


Una cosa è certa: che per i nuovi “cittadini”,  Saffo non ha alcun significato,  non gli interessa  il “retaggio” che trovano qui. Saperlo è un dolore nobile,  ignoto ai Parolin e alle  Von der Leyen, che ha espresso con semplicità il vignettista Alfio Krancic.


Dopo aver rimproverato due turiste musulmane in velo  che in un  museo fiorentino stavano toccando un quadro ad olio, Alfio  dice: “Una riflessione mi è sorta spontanea. Ma cosa gliene può fregare a un musulmano o a un africano della nostra cultura? Il loro approccio psicologico alla realtà è diverso dal nostro. La loro sensibilità estetica è diversa dalla nostra.


E poi la loro religione non vieta forse di riprodurre immagini umane o divine?”. Ha notato anche che  i visitatori italiani, che riempivano la sala, non avevano nulla  da eccepire al comportamento delle due.


“ Non sta bene inorgoglirsi di ciò che i nostri antenati ci hanno lasciato in eredità. E’ razzismo, suprematismo. Insomma pare brutto contrastare i “barbari di fuori e quelli di dentro”.


Quindi lasciamo fare. Ho la sensazione che se non ci sarà un’inversione di tendenza, fra 20/30 anni delle nostre città d’arte non rimarranno che rovine”.



https://alfiokrancic.com/2020/02/03/i-barbari-di-fuori-e-quelli-di-dentro/


Parolin, cardinale, fa parte dei barbari di fuori, come gli euro-oligarchi vandali cancellatori di identità.  Sappiamo – da veggenti della Vergine  a cui la neo-Chiesa non crede più –  che finirà nel sangue proprio per loro.  Subiranno quel che si sa dai “nuovi cittadini”.


http://www.jesusmariasite.org/it/bruno-cornacchiola-segreto-delle-tre-fontane-terremoto-globale-iii-guerra-mondiale-stranieri-invadono-italia/


Perché senza rispetto  di ciò  che fa umano ogni uomo – non la sua razza e DNA, non il suo sperma, ma la sua cultura – senza difendere la nostra, il risultato non è che caos e violenza,  SANGUE  e distruzione.


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I più letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext