COCAINOMANI DI MASSA, VI DETESTO

MAURIZIO BLONDET

COCAINOMANI DI MASSA, VI DETESTO


“Roma blitz antidroga, preso il pusher a domicilio h24”,


Notzia del 24 gennaio.   In cui si spiegava che i Carabinieri avevano scoperto  e smantellato “ un’importante piazza di spaccio, capeggiata da un soggetto di origine calabrese, ma residente a Roma da diversi anni   –  nipote di un personaggio di spicco della ‘ndrina Aquino di Marina di Gioiosa Ionica. – organizzata in turni di lavoro con vedette, e capace di assicurare la fornitura della cocaina  24 ore  su 24,   grazie alla continua presenza di pusher che, previo contatto telefonico, assicuravano la consegna della droga”.  I pusher  stavano di guardia in appartamenti normali, pronti alla chiamata e allo spaccio che non ha bisogno più  di  avvenire all’aperto.


L’informazione  aggiunge  che “è la terza operazione antidroga a Roma in 10 giorni. ….dopo i 16 arresti al Trullo, Monteverde e Montespaccato della scorsa settimana e i 21 arresti a S. Basilio di lunedì scorso”..


Qualche riga spiritosa  (con foto) era dedicata a domicilio del boss perquisito,  dove campeggia  il “ritratto di Scarface”,   in realtà di Al Pacino nel film degli anni ’80.



http://www.affaritaliani.it/roma/cocaina-a-roma-preso-il-pusher-a-domicilio-h24-viveva-col-mito-di-scarface-648642_mm_749959_mmc_1.html?refresh_cens


  Ma io non ce l’ho con lo  – e gli –  spacciatori arrestati in 10 giorni: ce l’ho con i loro clienti:  ossia con voi italiani “regolari” e “normali”   che gli danno, ai criminali, tanto e prospero “lavoro” .


Chi ktzo siete?  Quanti? Decine di migliaia, sicuramente anzi milioni.   Da  dove vi viene questa insaziabile voglia di coca 24 su 24, il bisogno della pronta consegna? Italiani normali che spendete milioni : guadagnati da voi?  Con la crisi recessiva   che ha ridotto i salari, e la disoccupazione giovanile permanente al 30%,   come mai avete i milioni  da dissipare  e sprecare?


Voi siete complici diretti della malavita, ndrine e nigeriani e mafia.. una piaga morale,  una pestilenza sociale  –   nemici del popolo italiano (se ancora c’è) – gli “imbruttiti” che per   colmare il vostro vuoto avete “bisogno” di tanta droga? Infischiandovene che dissestate persino la bilancia  dei pagamenti.


Se cerco valutare l’entità del vostri consumi, trovo una inchiesta de L’Espresso : che li   stimava nel 2019, “verso le 200 tonnellate in 12  mesi”;  valutazione che viene dai sequestri dei  “carichi di polvere bianca”  e testimonia che nel 2018 erano “solo”  150  tonnellate.


http://espresso.repubblica.it/inchieste/2019/11/07/news/lo-tsunami-cocaina-sull-europa-un-anno-di-sequestri-record-nei-porti-1.340657


Duecento tonnellate.  Non so tradurle in prezzi, ma  voi li sapete. Sono centinaia di milioni che la parte italiana esportatrice e lavoratrice “guadagna”  con l’esportazione, e che voi dilapidate in questa “importazione” .


Ovviamente non ve ne frega niente degli altri  italiani, che di fatto vi pagano il vostro vizio.  Egoisti e  senza vergogna ,  privi della minima forza di volontà e dignità, assetati di coca, nulla vi importa: ovviamente siete persi per ogni battaglia sociale,  disertori dalla  solidarietà dall’economia come dalla politica. 


Quelli di voi che se ne occupano, la inquinano e avvelenano.



Un amico mi ha girato un fatto del 2014, “ Giuliano C., 38 anni, esponente di spicco dei movimenti di estrema destra, già dirigente nel 2013 della Destra di Francesco Storace e prima ancora segretario romano di Fiamma Tricolore,  vicino a Gianni Alemanno.  In passato il suo nome è comparso in alcune inchieste sull’ultradestra   e di recente in iniziative di piazza”.


Ebbene, questo “giovane” di 38 anni, “impegnato” in politica presumibilmente patriottica,  il 31 dicembre del 2014, viene beccato con “cento grammi di coca”,   in “trenta bomboni”: anche il giornalista è evidentemente esperto. Ma il più stupefacente è il magistrato che “ha riconosciuto che  era per uso personale e  lo ha assolto. Cento grammi per uso personale: «Dovevo festeggiarci il Capodanno», ha spiegato C. , prima di lasciare il tribunale.  Evidentemente anche i magistrati di turno di notte  si sono rassegnati a considerare  “per uso personale”  un etto di coca. Si fa’ presto ad arrivare a 200 tonnellate.


https://roma.corriere.it/notizie/cronaca/15_gennaio_06/scooter-un-etto-cocaina-era-uso-personale-assolto-0d2b51ac-95c1-11e4-9391-39bd267bd3d5.shtml


Ma è sbagliato prendersela con uno solo: le  tavolate in cui un Casamonica appare con il sindaco Alemanno,  o l’esecuzione di “diabolik”  Piscitelli capo degli ultras irriducibili d’a Lazzio,  ci dice che è  stata  superata la barriera immunitaria; e  se a Roma la cocaina a fiumi è sicuramente finanziata dagli enormi stipendioni d ei Ricchi di Stato e  loro personale di servizio, che dire della Lombardia dove  il  Ticino reca  nella sua corrente  un tal  percentuale di coca da minacciare l’anguilla. Ma la prendo specie con voi, cocainomani “di destra”, per un  motivo in più.



Uno degli effetti più spaventosi per la  Patria e  il suo futuro, è la contiguità che create   fra voi “normali” e la peggiore criminalità, la “contaminazione” fra gli ambienti criminali e i loro stili di vita,   la permeazione dell’un ambiente sull’altro,  fino al fatto che nemmeno voi sapete più distinguere. Lo prova l’omicidio del “bravo ragazzo e   personal trainer”  Luca Sacchi,  che accompagnava  ad una serata fra amici perbene la  “fidanzatina ucraina e baby sitter” che aveva nello zaino 70 mila euro:  dove quello che sembrava l’odiosa sbavatura di  spacciatori d quattro soldi, viene a adesso dalla procura catalogato come “omicidio  premeditato” in cui c’entrano i “i perbene”, c’entra anche “il miglior amico” e compagno di scuola  del povero ammazzato.


Perbene e permale


E ‘ la “moralità” che nasce nelle  discoteche tossiche e nelle  sataniche “zone della movida” e  dello  sballo, che voi consumatori e  condividete tutti, fra voi, coi delinquenti. Una contiguità e mancanza di separazione – etica e sociale  – in cui  cadono le provinciali sprovvedute come Dèsirée,  venuta a Roma per “trovare” la droga ed ha trovato la violenza carnale  di una mezza dozzina a San Lorenzo.


Naturalmente voi, e siete milioni, di destra e sinistra,  ve ne fregate di  quello che contribuite a rendere una società già guasta e corrotta, col vostro vizio.  Mi domando  solo:  cosa farete,adesso che presto la crisi terminale del capitalismo e  dell’Europa,  l’instabilità libica e del Medio Oriente, il disfarsi della NATO  –   farà mancare delle comodità, riscaldamento, pane,  e diverrà più rara la droga che  voi  siete assuefatti ad avere  a diposizione 24 su 24?


Nulla vi prepara a non dico a  mettervi alla testa di una riscossa, ma nemmeno a  indurirvi, trovando u  residuo d’orgoglio e di fierezza, davanti alle sciagure  e alla “durezza del vivere”. Secondo me, alla prima clisi di astinenza, vi metterete in fila a chiedere,  a spese dell’ASL, la “sedazione profonda” che è la conquista di libertà   che vi ha regalato il Partito Radicale,di cui siete strumenti  e parte di massa.  Senza dio, e anche senza patria, non avete un motivo di affrontare nulla.



Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I più letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext