Criticavano Bergoglio, scomunicati tre eremiti scozzesi

https://www.imolaoggi.it

Criticavano Bergoglio, scomunicati tre eremiti scozzesi


dal blog di Marco Tosatti


Il vescovo Brian McGee, di Argyll e Le Isole, in Scozia, ha scomunicato un gruppo di eremiti che vivono sull’isola di Westray, ha scritto il diacono Nick Donnelly su Twitter. Nick Donnelly fa informazione su un sito @protectthefaith dopo che un sito precedente, @protecthepope aveva cessato di operare su ordine del vescovo diocesano.


La scomunica sarebbe stata notificata alla Vigilia di Natale con un messaggio di posta elettronica. Il gruppo di eremiti è composto da padre Stephen de Kerdrek, suor Colette Roberts e fra’ Damon Kelly, che in passato, è stato arrestato dieci volte per le sue critiche all’omosessualità e all’aborto.


Alla base della scomunica c’è una dichiarazione, molto severa, pubblicata l’estate scorsa dal gruppo di eremiti sul loro sito. Fra l’altro, come potrete leggere, gli eremiti accusavano papa Bergoglio di essere “un grande eretico”, e dicevano che “mai nella storia c’è stato una papa del genere, che con le sue azioni, parole e insegnamento, ha gettato la Chiesa intera in tale confusione”.


Ecco il testo della dichiarazione:


“Con grande dolore guardiamo alla Chiesa, l’amata sposa di Cristo, la Grande Arca sul mare in tempesta del mondo, e con nostro orrore tutto sembra perduto. La sposa è diventata la meretrice di un tempo e la Grande Nave è forata e affondata. Ovunque guardiamo vediamo l’eresia in ascesa, il matrimonio cristiano deriso e la moralità pervertita nel clero, nei religiosi e tra il popolo.


La barca di Pietro è senza timone e l’equipaggio, in particolare cardinali, vescovi e sacerdoti, sembra paralizzato dalla paura, incapace di comprendere la gravità della situazione in cui si trova e ignaro dei mali sottostanti che stanno distruggendo la Chiesa. Lo spirito di Elia che affronta i profeti di Baal non è in loro, il coraggio dello Spirito Santo sembra averli abbandonati e le Verità del Vangelo non li hanno spinti all’azione. Proprio quando avrebbero dovuto parlare, sono rimasti in silenzio e non hanno parole per affrontare il capitano della nave che affonda, che è il Papa stesso.


 Mai nella storia c’è stato un Papa del genere, che con le sue azioni, parole e insegnamenti ha gettato in confusione l’intera Chiesa.


Ci sono stati papi cattivi e immorali come Giovanni XII e Alessandro VI, ci sono stati papi pazzi , come Urbano VI, ci sono stati papi riformatori severi e sbilanciati come Paolo IV, e ci sono stati papi amanti del piacere come Leone X, ma nessuno di loro ha diffuso un tale allarme in tutta la Chiesa cattolica. Giorni simili non sono mai stati visti dai tempi dell’eresia ariana, eppure questi giorni sono molto, molto peggio.


Un’oscurità terribile si è diffusa sul mondo e nella Chiesa. Modernismo, secolarismo, umanesimo e scientismo stanno erodendo le antiche verità di fede; e aiutati dall’ideologia velenosa dell’evoluzione, che non è affatto scienza, hanno convinto molti nella Chiesa che l’uomo sta migliorando continuamente. Ignorando così il fatto che il secolo scorso ha visto tiranni e guerre che eclissano tutti gli altri nella storia documentata, aiutati dalla scienza i mali della guerra e della tirannia sono stati ingigantiti oltre ogni immaginazione e l’ingrandimento terrificante è sempre crescente, e il male è davvero sfrenato.


Tragicamente il capo della Chiesa sulla Terra, Papa Francesco, con le sue espressioni, il suo comportamento, il suo insegnamento e le sue azioni, si è dimostrato davvero un grande eretico. Ha proclamato che nessuno va all’inferno, ha minato l’indissolubilità del matrimonio, ha approvato le coppie che vivono insieme, si è comportato in modo ambiguo nei confronti degli omosessuali e ha ricevuto calorosamente, non solo coppie omosessuali, ma una persona transgender e il suo fidanzato e sostenitori dell’aborto. Papa Francesco ha affermato che la pena di morte è inammissibile e, infine, in totale contraddizione con il Primo Comandamento, ha affermato che Dio ha voluto tutte le religioni e che questo deve essere insegnato in tutta la Chiesa nei suoi seminari, le sue università e le sue scuole.


         In tutto ciò, il silenzio ha avvolto i vescovi. Incapaci o non disposti a confrontarsi con il successore di Pietro; o a causa del rispetto umano, della paura dello scisma, o a causa  del pensiero di essere cacciati dalle loro diocesi dal Papa, sono stati ridotti a uno stato di impotenza. L’integrità è crollata, la fortezza ha lasciato il posto alla codardia e il gregge è lasciato non solo ai lupi, ma ai leoni furenti e a ogni altra immaginabile personificazione violenta dell’eresia e della falsità. I vescovi hanno dimenticato come insegnare, sono incapaci di correggere e sembrano incapaci di impedire la crudele invasione della macchina di propaganda LGBT nelle scuole cattoliche, e in nessun luogo questo è più evidente che in Gran Bretagna. L’apostasia di massa dei fedeli in avvicinamento, prevista così chiaramente dal beato John Henry Newman nel 1878, è ormai alle porte.


Sebbene siamo assolutamente irrilevanti, perchè chi è interessato agli eremiti che osano parlare? non possiamo tacere per paura di danneggiare non solo le nostre stesse anime, ma le anime di innumerevoli altri. Noi che siamo guardiani della Chiesa, che dobbiamo parlare dalla torre di guardia della Verità, non abbiamo altra scelta che ritirare la nostra obbedienza da Papa Francesco e recidere la comunione con la Santa Sede. Lo facciamo con grande timore e trepidazione, ma non possiamo prendere parte al peccato del Papa. Questo non è un atto di scisma, né è un atto di sfida, è un atto di vera prudenza; poiché nessuno sano di mente rimarrebbe in un edificio in fiamme, né sarebbe sceso in silenzio con la nave che affondava. Proverebbe a salvare non solo se stessi, ma ad avvertire gli altri e aiutarli a mettersi in salvo.


La Santa Chiesa di Roma negli ultimi 60 anni si sta trasformando inesorabilmente nella Chiesa falsa profetizzata dalla Beata Anna Caterina Emmerich. Le strutture della Chiesa e i suoi insegnamenti sono stati infettati dall’eresia e dai comportamenti illeciti e coloro che appartengono alla Chiesa di Cristo devono uscire dalla Chiesa falsa, proprio come i primi cristiani furono miracolosamente chiamati fuori da Gerusalemme prima che fosse distrutta nel 70 d.C. Sono davvero tempi disperati, che richiedono misure disperate. Con riluttanza abbiamo dovuto prendere una posizione così drastica perché i successori degli Apostoli, vale a dire i Vescovi, di fronte all’orrore di un Papa apostatico non sono riusciti a difendere le porte della Chiesa, mentre le orde dell’Inferno saccheggiano in tal modo la Città di Dio. Per quanto piccoli siamo, per quanto questa dichiarazione ci porti alla persecuzione, ne vale la pena.


Perché è davvero una cosa meravigliosa combattere per la Divinità e la Maestà di Cristo che è nostro Signore, nostro Capitano e nostro Re e per la sua amata sposa la Chiesa che è stata così vergognosamente usata e maltrattata per troppo tempo.

Con grande dolore e dispiacere nell’aver dovuto scrivere questa Dichiarazione, ma nell’amore di Gesù Cristo,


Fr. Stephen Joseph de Kerdrel

Sr. Colette Maryanne Roberts

Br. Damon Jonah Kelly

Dominie Mary Stemp


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I pi¨ letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext