ARCHIVIO - 'Oggi ci vuole ben altro che la pastorale sui gay'

VITTORIO MESSORI 2014

“Oggi ci vuole ben altro che la pastorale sui gay”


Messori, una volta lei diceva che bisogna mettere in guardia i cristiani da un certo devozionismo mariano fatto di immaginette e rosari. “Certo. Ricordo che Umberto Eco ebbe a dire che uno dei motivi che lo avevano fatto allontanare dalla fede era “tutto quell’impresentabile aspetto mariano”. Devo dire che lo capii”.



Perché? “Non mi piaceva l’aspetto caramelloso del culto di Maria. E cadevo nell’equivoco in cui è caduta la Riforma protestante, che ha pensato che dedicarsi alla Madre volesse dire in un certo senso sottrarre qualcosa al Figlio di Dio”. E invece adesso… “E indispensabile che la Chiesa riscopra il ruolo di Maria. Ciò di cui oggi soffre la cristianità non è una crisi istituzionale, ma di fede.


La Chiesa deve ripartire dalle fondamenta della fede, altro che pastorale per i gay”.


E Maria cosa c’entra?



“La storia insegna che è lei la vera salvaguardia della fede. Ad ogni crisi la Chiesa si è stretta attorno a Maria. Il protestantesimo è esploso, frantumandosi in mille chiese diverse, proprio perché ha ridimensionato il ruolo di Maria, ritenendolo contingente; ha considerato Maria come “un utero in affitto”, che è servito per l’Incarnazione e basta. Invece Maria è madre di Dio in eterno. Il suo fiat è per sempre.


Allora per accogliere Gesù nel suo grembo, adesso per difendere la fede”.



Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I pi¨ letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext