RICHIAMI VACCINALI

Maurizio Blondet

RICHIAMI VACCINALI





Ed  anche  il semplice pastore, quello che veglia le sue pecore sotto le stelle, se prende coscienza del suo ruolo, scopre che non è più soltanto un pastore. E’ una sentinella.  E ogni sentinella è responsabile di tutto l’impero.  (Antoine de Saint-Exupéry)


Le voci liberatrici non sono le voci  tranquillizzanti, le  voci rassicuranti, non si contentano di  invitarci ad aspettare l’avvenire come si aspetta  un treno. L’avvenire è qualcosa che si sormonta; non si subisce l’avvenire, lo si fa.

(Georges Bernanos)


“La cavalleria è fiorita   al disopra dell’egoismo,  la ferocia, la disperazione del mondo.  L’onore cavalleresco,ossia il rovesciamento dei valori del mondo, lo sprezzo del denaro,  la forza che trae la sua dignità solo dal servizio reso ai deboli,   vi  è  stata consacrata una volta per tutte. (Georges Bernanos)


Da oltre un secolo, si inietta nel nostro popolo una morale in cui ciò che è fiero viene chiamato “altezzoso”, dove il giusto disgusto è chiamato “aggressività”, dove la preveggenza è chiamata “cattiveria” – e dove la critica si  riduce a  cercare se si è morali, e morali di questa morale qua. (Henry De Monterlant).


Il  mondo moderno svilisce. Svilisce la città, svilisce l’uomo. Avvilisce l’amore, avvilisce la donna. Avvilisce la razza, avvilisce il bambino. Avvilisce la nazione,  svilisce la famiglia. Avvilisce anche ciò che è forse più difficile da svilire al mondo: avvilisce la morte” (Charles Péguy).


Il capitalismo fa’  la guerra alla famiglia per lo stesso motivo per cui combatte i sindacati. Se esiste un legame, una disciplina familiare o di corporazione  grazie a cui i poveri possano aiutarsi l’un l’altro,  questi emancipatori lottano per sciogliere questo legame, o distruggere questa disciplina

(Chesterton)


“La borghesia ha annegato i sacri fremiti dell’estasi religiosa, dell’entusiasmo cavalleresco, del sentimento tradizionale, nelle acque gelate del calcolo egoista. Ha fatto della dignità personale un semplice valore di scambio” (Marx ed Engels,  ne Il Manifesto dei Comunisti)


“Esseri sradicati non hanno che due comportamenti possibili: o cadono  in una inerzia dell’anima che equivale alla morte, o si gettano in attività che tendono sempre a sradicare, spesso coi metodi più violenti, coloro che non lo sono ancora” (Simone Veil)


Il radicamento  è la cosa più politicamente scorretta del mondo. Nascere radicato in una famiglia, in una nazione,  in una civiltà che non ci si è scelti e  spinger la bassezza fino ad assumerle, a rivendicarle, a farle proprie, niente è più ripugnante” (Vladimir Volkoff)


“I compartimenti non fumatori sono meno affollati degli altri; un ascetismo anche inferiore procura dello spazio agli uomini. Quando viviamo da santi, l’infinito ci tiene compagnia”.

(Ernst Junger)


“Coloro che fossero tentati di cedere allo scoramento devono pensare che il disordine, l’errore e l’oscurità non possono vincere che in apparenza e  in modo del tutto momentaneo, e che nulla alla fine riesce a prevalere  contro la potenza della verità. Vincit Omnia Veritas. (René Guénon)


Ed  anche  il semplice pastore, quello che veglia le sue pecore sotto le stelle, se prende coscienza del suo ruolo, scopre che non è più soltanto un pastore. E’ una sentinella.  E ogni sentinella è responsabile di tutto l’impero.  (Georges Bernanos)



Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I più letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext