'Gli europei devono farsi la domanda più fondamentale sul loro futuro: NE HANNO UNO?'

National Review

'Gli europei devono farsi la domanda più fondamentale sul loro futuro: NE HANNO UNO?'


Gli europei devono farsi la domanda più fondamentale sul loro futuro: NE HANNO UNO?” Migranti che sbarcano sull’isola di Lampedusa, Italia, 29 giugno (Collaboratore / AFP / Getty Image”


L L’intera popolazione italiana ha trascorso l’ultima settimana di giugno a guardare una barca che arrivava dall’altra parte del Mediterraneo. Era il Sea-Watch 3, una nave registrata nei Paesi Bassi finanziata da filantropi progressisti e capitanata da Carola Rackete, un attivista tedesca di 31 anni del cambiamento climatico.  Rackete ha riferito che stava trasportando 42 rifugiati africani salvati in mare in condizioni di salute disperata. 


Il ministro degli Interni italiano Matteo Salvini ritiene che tali navi si incontrino con i trafficanti appena al largo della costa libica e sono molto meno interessate al salvataggio dei marinai che al trasporto di immigrati clandestini in Europa in massa. “Taxi”, li ha chiamati. 


E in effetti, Rackete aveva gironzolato  ai bordi delle acque territoriali italiane per diversi giorni, tracciando un percorso meno coerente con qualsiasi emergenza sanitaria che con il desiderio di sbarcare il suo carico umano nell’Unione europea, dove è facile presentare domanda di asilo politico e dove anche quelli le cui domande vengono respinte non vengono quasi mai espulsi.


Da quando il suo partito, la Lega,  ha iniziato a condividere il potere in una coalizione populista un anno fa, la decisione di Salvini di chiudere i porti italiani a tali navi lo ha reso il politico più popolare del paese .

Stavolta, Salvini ha fallito. […]


Gli europei hanno dovuto affrontare la domanda più basilare sul loro futuro: se ne hanno uno. In alcuni paesi – in particolare Italia, Germania e Austria – la popolazione nativa si è ridotta da decenni. I tassi di natalità sono scesi così in basso che ogni generazione nativa ha circa i due terzi delle dimensioni dell’ultima. Il declino è stato mascherato per un po ‘dalle dimensioni della generazione quasi completamente autoctona di Baby Boomers, ma ora quei nativi europei hanno iniziato a ritirarsi e morire. Gli immigrati extraeuropei, in particolare quelli del Medio Oriente e del Nord Africa, si sono precipitati a reclamare un posto nel continente. 


Almeno dall’11 settembre, i lettori di giornali europei hanno acquisito familiarità con le discussioni sull’Islam, alcune delle quali eufemistiche (l’Islam sarà una “parte della Germania, “Dice Merkel) e alcuni di loro cupi (l’Europa sarà una” parte del Maghreb [musulmano] “”, ha avvertito il defunto storico Bernard Lewis). 


Quando la Merkel si è offerta nell’estate del 2015 di dare il benvenuto ai rifugiati che camminavano sulla terraferma dalla guerra in Siria, ha ricevuto un’ulteriore ondata di 1,5 milioni di migranti, molti dei quali giovani, provenienti da tutto il mondo musulmano. Il suo giudizio errato ha rotto il sistema politico tedesco e ha infuso la democrazia tedesca con una corrente di nazionalismo duro per la prima volta dagli anni ’30.


Questo  è stato  solo l’inizio del problema. Le pressioni demografiche emanate dal Medio Oriente negli ultimi decenni, già sufficienti a spingere il sistema politico europeo in convulsioni, nei prossimi decenni impallidiranno accanto a quelle dell’Africa sub-sahariana. Salvini deve la sua ascesa – e la potente vittoria del suo partito alle elezioni di maggio al parlamento dell’Unione Europea – alla sua volontà di affrontare la migrazione africana come una crisi. Anche menzionarla  come tale  lo rende isolato  tra i politici europei. Coloro che non hanno paura di affrontare il problema hanno paura di dichiarare le proprie conclusioni.


Stephen Smith, corrispondente da lungo tempo nato in America negli Stati Uniti per i quotidiani parigini Le Monde e Libération , ora professore di studi afroamericani e afroamericani a Duke, ha pubblicato (in francese) La ruée vers the Europe , un breve, sobrio , libro di mentalità aperta sulla prossima migrazione di massa dall’Africa. Il libro più importante scritto fino ad allora sull’argomento, divenne rapidamente il discorso di Parigi. Ora è stato pubblicato in inglese.


Divieto di far domande

Smith inizia presentando alcuni fatti. L’Africa sta aggiungendo persone ad un ritmo mai visto prima in nessun continente. La sola popolazione dell’Africa sub-sahariana, ora circa un miliardo di persone, sarà più che raddoppiata a 2,2 miliardi  entro la metà del secolo, mentre quella dell’Europa occidentale scenderà a circa mezzo miliardo di schiaccianti. Dobbiamo notare che le cifre che Smith usa non sono qualcosa che ha sognato mentre era in giro: sono le stime ufficiali delle Nazioni Unite, che negli ultimi anni hanno spesso sottovalutato i cambiamenti di popolazione.


Nel 1950 il paese sahariano del Niger, con 2,6 milioni di persone, era più piccolo di Brooklyn. Nel 2050, con 68,5 milioni di persone, avrà le dimensioni della Francia. A quel punto, la vicina Nigeria, con 411 milioni di persone, sarà considerevolmente più grande degli Stati Uniti. Nel 1960, la capitale della Nigeria, Lagos, aveva solo 350.000 persone. Era più piccolo di Newark. Ma Lagos è ora 60 volte più grande di allora, con una popolazione di 21 milioni, e si prevede che raddoppierà di nuovo le dimensioni nella prossima generazione, rendendola la città più grande del mondo, con una popolazione all’incirca uguale a della Spagna.


La migrazione sub-sahariana attraverso il Mediterraneo è ancora nuova e relativamente piccola, circa 200.000 persone all’anno. Ma mantenerlo a quel livello ha richiesto anni di sforzi straordinari da parte dei governi europei, inclusi negoziati sottobanco  tra l’Italia e i mediatori del potere nordafricano che controllano i resti della Guardia costiera libica. Nel caso di Salvini, implica la volontà di resistere quasi da solo al disprezzo dei giornali italiani e alle minacce di persecuzione da parte dei suoi magistrati. Ecco perché gli elettori lo hanno portato sull’orlo della premiership. Le élite italiane ridicolizzano anche ai sostenitori di Salvini, per aver immaginato che una migrazione pacificamente intenzionata da un lontano continente potesse in qualche modo spazzare via un’intera cultura antica.


….. Smith espone diversi modi per stimare le dimensioni del flusso. Per fare un paragone, osserva che tra il 1850 (quando l’Europa aveva 200 milioni di persone) e la prima guerra mondiale (quando aveva 300 milioni), l’Europa mandò 60 milioni di persone all’estero, la maggior parte delle quali negli Stati Uniti. Il Messico aveva 30 milioni di persone nel 1955, vide la sua popolazione raddoppiare a 60 milioni entro il 1975 e mandò 10 milioni di persone negli Stati Uniti nella generazione che seguì. Oggi, 37 milioni di messicani americani costituiscono l’11,2 percento della popolazione americana. Quindi cosa accadrà nei prossimi 30 anni, quando la popolazione dell’Africa raddoppierà a 2 miliardi? È un’ipotesi di chiunque, e Smith usa le figure con cautela. Ma osserva che se lo sviluppo dell’Africa dovesse procedere su linee messicane,


Il modello di Smith su cosa aspettarsi dall’Africa sconvolge gli stereotipi popolari e politici. Insiste sul fatto che non è  la povertà assoluta  a causare  la migrazione. Il viaggio dall’Africa all’Europa diventa possibile quando un giovane può metteer insieme almeno  $ 2000. Una volta che lo fa, non c’è investimento migliore per lui o per il suo villaggio che  precipitarsi in Europa. Se Smith ha ragione su questo (e la ricerca dell’economista dello sviluppo di Oxford Paul Collier indica che lo è), allora la politica verso la   migrazione  dell’Unione Europea è un errore esorbitante. Si basa sul “co-sviluppo” – sovvenzioni all’industria e all’occupazione nei paesi di origine al fine di ridurre l’incentivo a partire. Dovrebbe aiutare l’Africa. Ma intensifica, piuttosto che smorzare, le pressioni migratorie sull’Europa.


Un secondo presupposto per la migrazione su larga scala è una comunità di diaspora in alcune metropoli europee. L’esempio del Minnesota sarà sufficiente come spiegazione di come funziona. Il motivo per cui il Minnesota ha più di un quarto della popolazione somala degli Stati Uniti – e già, a Ilhan Omar, il primo rappresentante congressuale somalo-americano del paese – è che una manciata di uomini d’affari di Mogadiscio si stabilì lì negli anni ’80. Soldi da lasciare e comunità con cui atterrare – una volta soddisfatte queste condizioni, c’è poco da dissuadere il potenziale migrante.


Sì, a  migliaia sono annegati nel tentativo di attraversare il Mediterraneo verso l’Europa su zattere: le probabilità di morte sono circa una su 300. Ma mentre questa è una tragedia, non è necessariamente un deterrente: se sei una donna nel Sud Sudan, le tue probabilità di morire di parto sono una su 60.


L’eresia più seria nel libro di Smith è questa: il movimento di massa, mentre è  straordinariamente dirompente del lavoro e dell’umanità dall’Africa all’Europa, non porterà all’Europa benefici significativi. Le narrative sull’arricchimento dell’Europa attraverso la migrazione sono razionalizzazioni post facto per qualcosa che l’Europa sta subendo, non scegliendo.


L’Europa non ha bisogno di un afflusso di lavoro giovanile dequalificato dall’Africa, scrive Smith, perché sia ​​la robotizzazione che l’aumento dell’età pensionabile ne stanno riducendo la domanda. I lavoratori migranti non possono finanziare lo stato sociale europeo. In realtà, lo mineranno, perché il costo delle scuole, della salute e di altri servizi governativi su cui i nuovi arrivati ​​filoprogenetici eccedono i loro pagamenti fiscali. Né l’esodo di massa aiuterà l’Africa. […]


E’ ovviamente lecito  essere in disaccordo con parti dell’analisi di Smith.  ….  Ma gli attacchi al libro non si sono differenziati con questo o quel punto. Hanno cercato di denunciare Smith e di delegittimare tutta la sua linea di indagine. Parlando dalle alte sfere dell’intellettualità accreditata francese, François Héran, direttore della ricerca presso l’istituto demografico nazionale francese, INED, ha   preso  come sua missione  screditare completamente il libro di Smith, sia in articoli che in interviste. Héran attaccò come allarmista il più alto dei cinque scenari di popolazione di Smith, quello in base al quale la migrazione africana avrebbe seguito il modello messicano. Smith si offrì di discuterlo.


[…]  Julien Brachet, ricercatore di sviluppo internazionale alla Sorbona, sul sito web La Vie des idées : “Stephen Smith non è né un antropologo né un geografo né uno storico né un demografo”, Brachet ha scritto – con il quale intende sicuramente che Smith non aveva lauree in quelle aree. In un post scritto sul sito francese Mediapart , Brachet ha accusato Smith di essere un razzista, uno xenofobo, un teorico della cospirazione e un destro, adducendo la menzione di Smith dei romanzieri francesi Maurice Barrès e Jean Raspail e degli scienziati sociali americani Robert Kaplan e Samuel Huntington. Nota che Brachet non accusa Smith di essere d’accordo con queste persone, ma solo di menzionarle.


Qualsiasi autore che detenga una visione indipendente sulla migrazione   deve abituarsi ad essere calunniato in questo modo.


Ma il tentativo degli accademici francesi di evitare un impegno con Smith, sostenendo che in qualche modo non è qualificato per partecipare a un dibattito pubblico, è infantile […]


Smith usa le stesse proiezioni demografiche – quelle delle Nazioni Unite e dell’Unione Europea – che fanno tutti gli altri. Laddove differisce con i suoi critici accademici è nelle sue proiezioni sulla migrazione, e queste differiscono solo perché Smith ha una visione più ampia dei fattori che guidano la migrazione africana, e una conoscenza più approfondita della storia e della società del continente. Quando si tratta di comprendere la migrazione, l’interdisciplinarietà è un must.

[…-]


Smith conosce i paesi dell’Africa nella loro intima specificità. Comprende l’effetto dei cambiamenti climatici sulla migrazione: il Lago Ciad, ad esempio, sulle risorse da cui dipendono 30 milioni di persone in Niger, Nigeria, Camerun e Ciad, è un decimo delle dimensioni degli anni ’60, e si tratta di asciugare. Conosce la letteratura accademica sulle economie africane. È un raro osservatore occidentale dell’Africa interessato a Ngugi wa Thiong’o (e alla letteratura africana contemporanea più in generale) come a Isak Dinesen. Il suo lavoro è pieno di citazioni da Yoruba e proverbi dall’arabo. È quello che il defunto storico Benedict Anderson ha definito “il vero, duro internazionalismo del poliglotta”.


Le questioni politiche europee, come quelle americane, sono sempre più questioni di “valori” e   pretese di “diritti” – qualunque cosa   li si cnhiami  – e non sono  negoziabili L’immigrazione  è la più difficile di queste questioni perché è anche una discussione sul fatto se nel  dibattito, una parte possa o meno essere autorizzata a introdurre argomenti contrario.


Ora possiamo constatare  che coloro che proclamano di volere “i confini  aperti” godono anche di un vantaggio intellettuale: la capacità di bloccare la discussione. Perché, una volta che la migrazione è considerata un diritto non negoziabile,   come si permette di  iniziare a parlare di costi e benefici, o i puri e semplici  fatti? Quale innocente spiegazione può esserci per desiderare un dibattito aperto in primo luogo?


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I più letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext