Fatima, padre Giacobbe Elia (esorcista): 'Avanzano tenebre e tribolazioni. Ma non si sente il grido della Chiesa'

https://gloria.tv/ padre Giacobbe Elia


Estratto da:

Fatima, padre Giacobbe Elia (esorcista): “Avanzano tenebre e tribolazioni. Ma non si sente il grido della Chiesa”

Intervista a Padre Giacobbe Elia, francescano, esorcista con mandato per la Diocesi di Roma, medico e scrittore… miracolato da Padre Pio
di Marta Moriconi
E’ stato il Servo di Dio Candido Amantini, Santo esorcista, a renderlo partecipe del suo ministero e a condurlo su questa strada. Padre Giacobbe Elia, (miracolato da Padre Pio da piccolissimo – Ndr:. – vedi qui Padre Giacobbe Elia… la storia, la vita e il telegramma di Padre Pio) aveva infatti con lui un legame non solo di amicizia, ma anche una fortissima intesa spirituale.
Grazie a quest’incontro ha cambiato la sua vita di medico ed esperto di bioetica. Nel 1987 viene incaricato esorcista per la Diocesi di Roma (sarà il primo sacerdote dopo P. Candido Amantini a ricevere questo mandato). Da allora la sua vita è fatta di preghiere, iniziative, scrittura: tanta. L’ultimo libro è “L’inganno delle ideologie, Il graffio del diavolo”, edito Koinè e ha al suo attivo numerosi articoli e pubblicazioni tra cui: “L’urlo muto”, “La caduta del Diavolo di sant’Anselmo d’Aosta”, “Le preghiere del popolo di Dio”, “Le preghiere della Tradizione Cristiana”, “Il segreto di Fatima, Salvati da una profezia”.
A lui abbiamo chiesto di chiarire e interpretare il momento che stiamo vivendo, con l’Isis “a Sud di Roma”, e che significato dare alle persecuzioni fisiche e culturali che i cristiani stanno subendo.
---------------

La persecuzione fisica che i cristiani stanno subendo non solo in Medio Oriente, ma anche in Africa, nasce dall’odio alla fede cattolica o è altro?

“Assolutamente sì. Una delle scrittrici più note che se ne accorse fu proprio la Fallaci. Guerra culturale e di costumi? Rispose che è stupido chi parla di questo, e che non avevamo ancora capito che era in atto una guerra di religione. E come tale per lei trascinava gli aspetti culturali, ma era un effetto questo. Per lei l’Islam non poteva considerarsi una religione vera e propria perché non aveva prodotto cultura”.

----------------

Fatima annuncia tribolazioni per il mondo. Dopo di che trionferà il Cuore Immacolato di Maria. Lei lo rintraccia in questa fase storica? E’ questo il periodo di sofferenze e atrocità?


“Assolutamente sì. Ci siamo. In pieno”. Passiamo all’apparizione a Leone XIII che vede Satana che chiede a Gesù di concedergli il mondo per 100 anni. Facendolo partire dall’apparizione di Fatima ad oggi sembrerebbe che ci siamo dentro…

Per chi crede e ci crede, come può prepararsi un cristiano a fuggire il male?

“La Madonna appare nel ’17 a maggio e poco dopo c’è l’ingresso di Lenin. E dà un rimedio: il Santo rosario. E’ l’unico rimedio contro i mali che verranno. Per questo ho scritto un libro su Fatima, l’ha detto Lei che Satana avrebbe sparso i suoi errori nel mondo. Io commentando ho scritto che gli errori nel mondo vanno intesi anche all’interno della Chiesa. Se c’è un momento dove il Magistero e chi dovrebbe dare grande forza e orientamento chiaro ai cristiani non grida è questo… Mi viene in mente la grande Santa Caterina da Siena quando parlando al Papa disse: “Voglio che voi facciate sentire il mugghio vostro”, rifacendosi a quell’idea antica che il leone ruggendo potesse ridar vita ai morti, “perché loro possano reagire e seguirti”, disse. E ancora: “Voglio che tornate a Roma”. Lo squillo della tromba, per usare la metafora di San Paolo, non si sente. Per cui c’è una frantumazione tra i cristiani e un individualismo accentuato”.

Parlo all’esorcista prima ancora che all’uomo di cultura: il male è facilmente rintracciabile a livello mondiale, ma a livello personale dove lavora?

“Nell’infelicità. In maniera anche molto chiara. L’ho scritto nel libro di Fatima. Silvano Areti, tra i più grandi psichiatri mondiali e inattaccabile in quanto si professa ateo, riconosce che la nostra società per la prima volta nella storia viene aggredita da una delle peggiori malattie: la depressione. Io da medico posso dire che la depressione aggredisce le persone quando incorrono in una perdita di senso. Perché se la persona ha un senso nella sua vita e lo persegue quel senso ha la capacità di risollevarla continuamente. Senza senso è tutto senza luce”.

Considerando che ha scritto il libro su Fatima… il Terzo Segreto è stato rivelato completamente?


“Paradossalmente, mentre aumenta da parte dei fedeli la richiesta degli esorcisti e di sacerdoti preparati a fare esorcismi, siamo in un campo lasciato assolutamente al fai da te. Di fronte a una battaglia vera c’è la diserzione da parte nostra. Da parte della Chiesa e dei sacerdoti. C’è un deserto: dov’è la dottrina che viene presentata nella sua genuinità? Se la fede è una proposta la proposta deve essere totale. Il peccato implica un cammino ed è previsto, ma in questo modo non ci viene più detto che via seguire. Ma semplicemente si è fatta la retorica del dialogo che non ha nulla a che fare con la fede: Dialogo è un termine che non è mai presente in nessuno dei libri della Scrittura. Non esiste proprio. Nei libri c’è l’Annuncio. Quando una mamma vede che il figlio è in pericolo sull’orlo del precipizio e sta andando di sotto non gli dice di non fare quella cosa ma grida!”

Fonte:

www.quieuropa.it/fatima-padre-gi…


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I più letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext