BEPPE GRILLO COME FONDATORE DEL TEMPIO SOLARE

Maurizio Blondet

BEPPE GRILLO COME FONDATORE DEL TEMPIO SOLARE


Geniale e  spassosa   l’analisi di Paolo Mieli sulle pulsioni interne  al Movimento 5 Stelle dopo la disfatta elettorale a “tornare allo spirito delle origini” :  lo paragona al  movimento del reverendo Jones,  guru e fondatore della setta People’s Temple ,  che il 12  novembre  1978,  convinse i suoi  909 adepti a  suicidarsi in  massa. Col cianuro.


Era successo che un deputato del Congresso, Leo Ryan, aveva visitato il gruppo che per ordine del guru s’era ritirato nella giungla della Guyana, e ne aveva scoperto  le sopraffazioni  totalitarie   e il dominio psichico aberrante  che il “reverendo” – che adottava una forma di marxismo  mentale   di sua invenzione  – esercitava  sui suoi poveri fedeli. Jones aveva fatto uccidere Ryan; ma sentendo che ormai il mondo esterno aveva gettato uno sguardo impuro   sulla sua società   perfetta di fanatici  soggiogati, insegnò loro che  occorreva “difendersi dall’invasione del male”   con il suicidio di massa.


A  Beppe Grillo, che una volta era un comico, non  sfuggirà il ridicolo di questa evocazione sinistra: de te fabula narratur. 


Il reverendo Jones aveva composto un inno che fece cantare ai suoi soggiogati quando il gruppo ricevette la visita dell’ambasciatore sovietico della Guyana  (allora una dittatura guevarista):  «Siamo comunisti. Siamo comunisti oggi. Siamo comunisti oggi e ne siamo felici».


Abbiamo una idea dell’inno che il reverendo Beppe   farà cantare ai suoi?“NO-TAV, No-ILVA;  No-Gas! no-Autostrade,  Onestà, Onestà, Onestà!”, “Crescita zero! Chiudere tutte le fabbriche!”. 


E  ciò gli farà forse recuperare i milioni di voti  che hanno perso  nei primi mesi di governo? Palesemente no.   La pulsione del  ritorno alle origini è un puro intento suicida.


Finisce regolarmente  così nelle sette di un certo tipo:  è accaduto a Waco  (1993),  e a quelli del Tempio Solare:  75    adepti,   psico-dipendenti da un guru belga di nome Luc Journet, si uccisero    vicendevolmente  fra la Svizzera e la Francia  e il Canada  nel nell’ottobre 1994.


Il Reverendo Bep
“L’intrusione del male” nella setta (gnostica, neotemplare, apocalittica),  s’era manifestata poche settimane prima nella polizia elvetica, che  voleva sapere come mai quelli avessero ucciso un  neonato  (vi era entrato lo spirito di Satana);   questa infezione della volgarità alla purezza (Onestà! Onestà!”)   ostacolava ormai il programma concretissimo del gruppo, che consisteva nel combattere il  malvagio  potere di questo mondo  –  concentrato nella Massoneria, Vaticano, Opus Dei e  nel governo del Québec –     deponendo  questo corpo, piombo alchemico dal trasformare in oro, per rivestire il corpo solare  e  unirsi ai Maestri che  avevano lasciato la Terra negli anni ’30, sapendo prossima l’Apocalisse,  per cominciare una vita purissima su Giove o su Sirio, dove non ci sono acciaierie inquinanti né bisogno  di treni per Lione.


Ciascuno capisce   la perfetta razionalità  di questo programma di purificazione.  Alcuni degli adepti, che faticavano a capirlo perché meno evoluti, furono  caritatevolmente  “aiutati” a deporre il corpo  dagli altri,  i più illuminati e consapevoli.


Una delle sopravvissute, tale Madame  Paulais, stupì i giornalisti difendendo  gli insegnamenti del guru con queste parole:  «Ho appreso un’ igiene di vita giusta e felice. Mi ha aiutato a prendere coscienza della realtà del presente, di questo mondo che va ineluttabilmente verso l’ autodistruzione. In cima alla piramide del potere c’ è qualche famiglia, la Massoneria, l’ Opus Dei, il Vaticano..».


E’ il tipo di risposta, con variazioni di toni, tra sprezzante, adirata  con aria  di sufficienza che si può ottenere da ogni militante attivista grillino. Una igiene di vita giusta e felice, l’onestà assoluta in politica  espellendo tutti quelli di cui qualcuno si vanta al telefono di voler pagare 30 mila  euro  a un senatore  per ottenere una legge a suo favore (che non ottiene) , l’aria purificata dai fumi industriali, un Meridione che campa  di coltivazione  di cozze  col redito di cittadinanza  e il riciclaggio della rumenta:  chiunque obietti è trattato col disprezzo che si deve a un  disonesto che serve interessi   ripugnanti, o  pazzo pericoloso, da eliminare – con l’aiuto del trojan e dei procuratori,  purissimi  esecutori dell’Onestà.


Perché  tutto è perfettamente razionale. Quando il Movimento, nella UE, chiede prima di entrare nell’ALDE  di Verhofstadt  ultra pro-euroe pro-ue –  ricevendone un rifiuto, e adesso  chiede di entrare nel “Gruppo dell’estrema sinistra europea di cui fanno parte lo spagnolo Podemos, il greco Syriza, France Insoumise di Jean Luc Mélenchon e la tedesca Die Linke” (quella che gestisce la Sea Watch) ricevendone altrettanto rifiuto  – e rifiutandosi insomma  il movimento di allearsi cob gli altri sovrani stie populisti – ,  è  in perfetta coerenza con l’idea delle Origini 5 Stelle. Chi non lo capisce va eliminato. C’è solo da ringraziare che l’eliminazione  non sia ancora fisica, non avendo i grillini il potere totale  sull’Italia che sperano di riconquistare con Ritorno al Messaggio Originario.


Il punto,  suggerisce Mieli, è che  quale sia il Messaggio Originario non fa unanimità   nel movimento s tesso:


sembrano dimostrarlo “la pubblicazione di un libro di Alessandro Di Battista assai polemico tra le righe con ministri e sottosegretari del M5S. Fico che  attacca il governo sulla questione dei migranti, su Regeni, su tutto  – identificandosi  con la Sinistra più anti-salvinaiana ma anche più anti-grillina,   è il vero interprete delle  Origini? “Non si può dire neanche che si stia stabilendo un asse tra Di Battista e Fico”, che dovrebbero essere i due capi-corrente  dell’opposizione interna.  Varie donne senatrici non fanno che esprimere  dissenso dalla linea di Di Maio;: che si precipita a Taranto per  cambiare i patti sottoscritti con Arcelor  allo  scopo di obbedire alla Idea dell’Origine, che notoriamente era quella di  chiuderla e mettere le migliaia di operai a coltivare   mitili .


Il rischio è che facciano mancare al loro stesso governo la maggioranza,  e  portare alla fine anticipata della legislatura, che  “aprirebbe la strada a Matteo Salvini e ai partiti di destra (in primis quello di Giorgia Meloni) a lui collegati”.


Cosa tuttavia meno probabile  di quel che appare, dato che secondo le ultime notizie Salvini detesta Giorgia Meloni, la teme perché non è riuscito a inglobare  il suo elettorato – alle europee sono cresciuti  entrambi i partiti –  ed  è  per colpa sua, perché effettivamente ha spostato la Lega sullo stesso terreno  dell’ex MSI: dove   la Meloni può proporre l’affondamento della Sea Watch e Salvini no  – il  che è un bel guaio.


Perfettamente razionale.
La   cosa che rischia di   venir  dopo la crisi per  suicido di massa del Grillismo ordinato da Beppe Grillo, è il governo Draghi-Giorgetti.  O magari, anche peggio, Mario Draghi come “l’italiano”   alla Commissione UE – qualcuno adombra persino il  Capo,   sulla poltrona di Druncker   – dove avrebbe ancor più potere di un capo di  governo italiota,  non essendo soggetto   ai  cambiamenti d’umore della “democrazia”. Il vile affarista sta facendo le sue abili mosse, e sta piacendo sempre più all’ala realista dei leghisti, esasperati  dai progetti anti-crescita e anti-industria degli alleati.   Con le sue ultime asserzioni ha fatto calare lo spread,  regalando mesi dir espiro. Conte lo vedrebbe bene nella Commissione UE; e chi potrebbe dire di no?


Un personaggio di tale prestigio Il suo scopo è salvare l’euro  dai tedeschi: a questo scopo, ci farà versare le cinquantine di miliardi che servono.  Altri anni di torchia  per il bene della Moneta, per tornare all’Origine della  loro idea di Europa Unita.  A fondo perduto, perché o tedeschi hanno già deciso di uscirne.


Il  punto è che i fondatori delle sette non possono capire che il problema, quello che fa perder voti,   adepti, senatori  e governi, o  condanna interiu popoli al suicidio (come nel caso dell’euro),  non è “l’allontanamento” dalla Idea Originaria, ma l’Idea Originria in sé.

Godetevi qui l’articolo di Paolo Mieli:


https://www.corriere.it/opinioni/19_giugno_27/m5s-quei-tentativi-suicidio-politico-8751c2f2-9906-11e9-a7fc-0829f3644f7a.shtml?refresh_ce


(Noi,  qui, ridiamo per  non  piangere)



Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I più letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext