PILLOLE HOT DI ''SEROTONINA''

Da 'Seratonina', edito da 'La Nave di Teseo' DAGOSPIA.COM

PILLOLE HOT DI ''SEROTONINA''




LA GIOVANE CINESE QIANYUM LYSIS È L’ATTUALE MOGLIE DI MICHEL HOUELLEBECQ. ECCO COSA SCRIVE IN “SEROTONINA” SU YUZI, COMPAGNA ORIENTALE DEL PROTAGONISTA DEL LIBRO.

“Yuzu si masturbava su un’ottomana per poi lasciarsi scivolare sul pavimento sul quale un dobermann di mezza età la penetrava con il vigore per cui è nota la sua razza. Poi l’angolo di ripresa cambiava, e mentre il dobermann continuava a darci dentro, Yuzu titillava il glande di un bull terrier per poi prenderlo in bocca. Il bull terrier, sicuramente più giovane del dobermann, eiaculava in meno di un minuto e veniva rimpiazzato da un boxer. Dopo quella mini gang-bang canina interruppi la visione, ero nauseato”


ECCHEPALLE CON ‘STO WI-FI, E’ DIVENTATA ‘NA MALATTIA, UNA DIPENDENZA: MA UNO NON SE NE PUO’ ANDARE IN UN BEL RELAX CHATEUX E STARSENE TRA LA NATURA? NON PUO’ GUARDARE, PER PRIMA COSA, SE E’ PULITO? SE C’E’ UN LIBRO NEL COMODINO?

“Visti da vicino, i bungalow erano blocchi rettangolari, quasi cubici, rivestiti di doghe di pino verniciato…. “Purtroppo non ho il wi-fi...” si rammaricò. Emisi un mugugno d’indifferenza. “Questa cosa mi fa perdere un bel po’ di clienti,” insistette lui, “è la prima domanda che mi fa un sacco di gente”…


“SONO UN CITTADINO DEL MONDO”, BELLO NO? BELLO UN CAZZO! APOLIDE CON MADRE QUI E PADRE LA’, E’ SOLO UNA IMPOSIZIONE DI MODELLI VAGAMENTE NEOTOTALITARI. MEGLIO AVERE RADICI.

“In una mano stringeva una spada enorme, che gli arrivava quasi al petto, nell’altra un’ascia; nel complesso dava un’impressione di potenza fisica e brutalità straordinarie. “Robert d’Harcourt, detto il Forte...,” spiegò Aymeric, “la sesta generazione di Harcourt; ben dopo Guglielmo il Conquistatore, quindi. Ha accompagnato Riccardo Cuor di Leone alla terza crociata.” Mi dissi che in fondo era un bene avere delle radici”.



EBBASTA CON IL TARDO FEMMINISMO DI RITORNO DELLE DONNE MANAGER, CHE DEVONO STUDIARE MATEMATICA: LE DONNE VOGLIONO ESSERE PORTATE IN VACANZA E SENTIRSI INTELLIGENTI. E VOGLIONO SCOPARE.

“Da quando c’eravamo trasferiti non avevamo fatto neanche un giorno di vacanza. Le donne hanno bisogno di vacanze... E poi hai visto dove siamo, puoi ben immaginarti le distrazioni culturali. Le donne hanno bisogno di distrazioni culturali... O magari bisognerebbe comprargli delle cose, sai, cose un po’ carine.. per i gioielli basta che ogni tanto compri loro un ninnolo africano e hai risolto ma se non te le scopi più, se nemmeno le desideri più, allora diventa pericoloso”


IL CONTADINO CERCA MOGLIE? SI’, MA NON E’ COME SU SKY DILETTA LEOTTA QUELLA CHE CERCANO! CI VUOLE UNA BELLA STRANIERA, CHE APPREZZI LE MUCCHE E CHE SCOPI

“Prendi una moldava, o da un altro punto di vista una camerunense o una malgascia: sono ragazze non molto ricche, o perfino povere in canna, che provengono da un ambiente assolutamente rurale, non hanno mai conosciuto altri universi, non ne sospettano neppure l’esistenza. Ed ecco che arrivi tu, nel pieno vigore degli anni, fisicamente sei ancora notevole, un quarantenne ben piantato, e possiedi i pascoli di mezza provincia.


Ovviamente non ti rendono un tubo ma loro non possono saperlo e in fondo non lo capirebbero mai perché nella loro testa la ricchezza è la terra, la terra e il bestiame, perciò posso garantirti che nessuna di loro si lascerebbe sfuggire l’occasione, si ammazzerebbero di lavoro, non si arrenderebbero mai, si alzerebbero alle cinque del mattino per la mungitura. In più sarebbero giovani, ben più sexy di tutte le tue troie aristocratiche, e scoperebbero quaranta volte meglio”.


SALUTAME ‘A FREUD … TUTTI DAGLI PSICOLOGI? SOLDI MAL SPESI. CIASCUNO SI CREA LA PROPRIA INFELICITA’ E NON C’E’ MODO DI SANARLA.

“E’ del tutto inutile, mi dicevo, cercare di far qualcosa per la vita delle persone, ne l’amicizia ne la compassione ne la psicologia ne la comprensione delle situazioni hanno la minima utilita, le persone costruiscono esse stesse il meccanismo della propria infelicita, caricano al massimo la molla e poi il meccanismo continua a girare, ineluttabilmente, con qualche intoppo, qualche rallentamento se s’intromette la malattia, ma continua a girare fino all’ultimo secondo”.



UN MESSAGGINO AGLI OPPOSITORI DELLA CACCIA: LA CACCIA CONSENTE AGLI ANIMALI L’UNICA FORMA DI LIBERTA’ CHE CONOSCONO

“Tanto mi ripugnavano gli allevamenti industriali quanto non avevo mai avuto niente da obiettare sul principio della caccia, che lascia gli animali nel loro ambiente naturale, li lascia liberi di correre e di volare finche non vengono messi a morte da un predatore piu in alto nella catena alimentare”.


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I pi¨ letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext