CARO MATTEO, SEI STATO IL PIU' FORTE NEL 2018, MA ORA ......

https://www.subitonews.it/ ANTONIO SOCCI ANTONIOSOCCI.COM

CARO MATTEO, SEI STATO IL PIU’ FORTE NEL 2018, MA ORA SI PROSPETTANO QUESTI GROSSI PROBLEMI E SI ASPETTANO DA TE LE RISPOSTE


Domenica il caso (o meglio il "casino") del giorno è stato il post pubblicato dal blog delle Stelle, la voce del M5S, dove testualmente si leggeva: «Il Governo, la Manovra del Popolo. La Democrazia è sotto attacco. È in corso una delle più violente offensive nei confronti della volontà popolare perpetrata in 70 anni di storia repubblicana».


Che stava accadendo?


Un golpe militare? Un' invasione aliena? Un' offensiva dell' Isis? Niente di tutto questo. Ce l' avevano con i partiti di opposizione che, com' è ovvio, in Parlamento si oppongono alla manovra economica del governo. Normale dialettica democratica. Infatti l' assurdo post è stato subito rimosso e il grillino presidente della Camera, Fico, ha attestato che «la democrazia non è sotto attacco» e che è «diritto» delle minoranze «opporsi alla legge di Bilancio» (chi l' avrebbe mai detto?).

Questo scivolone è il segno del nervosismo del Movimento Cinque Stelle che qualcuno ritiene vicino all' implosione (con sondaggi in discesa).


Oltretutto proprio il governo è criticato perché ha fatto approvare al Parlamento la legge di bilancio senza rispettare le modalità di discussione e di approvazione previste dalla Costituzione.


Dunque se straparlano, proprio dalla maggioranza, di «attacco alla democrazia» fanno autogol.Un altro autogol è stato anche l' ennesimo attacco alla stampa (a cui peraltro sono stati tagliati i fondi per l' editoria).


Se a giugno si poteva parlare di «pregiudizio universale» da parte dei media che sparavano a zero contro un governo che era appena nato, oggi, di fronte alla manovra economica dell' esecutivo, i giornali hanno tutto il diritto di esprimere le loro critiche. L' insofferenza a tali critiche, l' essere impermeabili alle osservazioni anche costruttive dell' opposizione e la disinvoltura nel ridurre le prerogative del Parlamento, francamente preoccupano pure chi non ha mai avuto pregiudizi verso questo governo e anzi ne ha difeso le ragioni.

È vero che giornali e sindacati per anni hanno taciuto (o addirittura applaudito) di fronte ai disastri dei governi precedenti (è la memoria di questi disastri che per ora sostiene nei sondaggi questo esecutivo). Tuttavia anche l' attuale manovra economica si presta a molte e fondate contestazioni.

Gli attacchi alla stampa - Le preoccupazioni per il futuro dell' economia (manifestate anche da imprenditori del Nord vicini alla Lega) sono serie ed è soprattutto da Matteo Salvini che ci si aspettano delle risposte. Perché è lui che ha mostrato più di tutti capacità di leadership nel governo, avendo di fatto risolto in poche settimane un problema drammatico, come l' arrembaggio migratorio, che per anni era stato fatto subire passivamente all' Italia dai governi precedenti che anzi lo avevano dichiarato irrisolvibile.


Le domande che anche i suoi estimatori si pongono sono tante.


Era proprio necessario pagare un notevole costo economico per fare oggi una manovra che tre mesi fa avremmo potuto fare gratis e senza doverci umiliare davanti alla Unione europea, che ne è uscita vincitrice?


Ci possiamo permettere una manovra che non rilancia la crescita, che fa salire la pressione fiscale invece di abbatterla, che dà mance assistenziali ad alcuni e punisce altri senza motivo, in un momento di stagnazione economica e con la prossima fine del Quantitative Easing della Banca centrale europea? Non si rischia, sbagliando manovra, di riconsegnare l' Italia nelle mani dei governi tecnici «lacrime e sangue» e di far crescere - per rimbalzo disperato - la fiducia verso la fallimentare Ue?

Quale futuro - Quale futuro dell' Italia si vuole e come si ritiene di costruirlo? Per esempio, i possibili aumenti dell' Iva previsti per il 2020 (per 23 miliardi) e nel 2021 (per circa 29 miliardi) come clausole di garanzia verso la Ue, quale governo - e quale Italia - può permettersele senza precipitare?


Certo, ci sono anche cose buone nella manovra, ma nel suo insieme sembra compromettere la già delicata situazione della nostra economia. Soprattutto colpisce la mancanza di visione del futuro del Paese. Il governo sembra voler coltivare consensi in vista delle europee, ma non spiega dove sta andando.


Allora va ricordata a Salvini - su cui (come mostrano i sondaggi) si appuntano le speranze di molti - la frase di De Gasperi che proprio lui ha citato nella recente manifestazione di Piazza del popolo, a Roma: «Un politico politicante pensa alle prossime elezioni, uno statista pensa alle prossime generazioni».
Ci servono statisti.

di Antonio Socci


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I pi¨ letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext