PROVIAMO A VEDERE IL LATO BUONO. SECESSIONE PIù VICINA.

Maurizio Blondet

PROVIAMO A VEDERE IL LATO BUONO. SECESSIONE PIù VICINA.


Certo che riuscire a far giganteggiare un Vincenzo Boccia, tipografo salernitano che ha ereditato la ditta da  papà,  è uno dei grandi successi per cui Salvini e DiMaio passeranno  alla storia. A capo di Confindustria, il coso è riuscito a radunare a Torino i “rappresentanti di agricoltori, artigiani, commercianti, esercenti, cooperative, industria, di oltre 3 milioni di imprese e il 65% del Pil” con oltre 13 milioni di dipendenti”, contro il governo.  Presenti i “presidenti nazionali di Confindustria, Casartigiani, Ance, Confapi, Confesercenti, Confagricoltura, Legacoop, Confartigianato, Confcooperative, Confcommercio, Cna e Agci.  Contro il governo in carica.


Boccia al governo: «Evitare procedura d’infrazione Ue. Conte convinca i vicepremier o si dimetta»


https://www.ilsole24ore.com/art/impresa-e-territori/2018-12-03/tav-infrastrutture-crescita-partito-pil-campo-torino–104006.shtml?uuid=AEmRxlrG


https://www.ilmessaggero.it/politica/boccia_manovra_conte_3_dicembre_2018-4148763.html


In perfetto coordinamento con la Commissione europoide, che ha scelto proprio le stesse ore per decidere di aumentare  di circa 1,1  miliardi di euro lo stanziamento per la Torino-Lione e il  tunnel del Brennero, e di  abbassare la quota residua che l’Italia deve per il Tav, da 1,2 miliardi a 366 milioni di euro:  così da rendere ancor più  senza  senso il “calcolo costi-benefici” che Toninelli  ha fatto aspettare per poter dire no alla TAv:  con uno sconto simile, solo un cretino può ancora dire che  l’Italia no, non ci sta.


Aspettiamo la manifestazione del cretinismo grillino. Che del resto  già si è manifestato, con il Comitato No-TAv che  davanti al raduno monstre di Torino, dove 3 mila imprenditori hanno chiesto fino a sgolarsi “investimenti  anticiclici”  e “infrastrutture” ha comunicato: gli imprenditori “difendono solo una ricca commessa” –   se volere commesse fosse un atto pornografico.


Non avete nemmeno la minima idea di come vivano e lottino le imprese, dopo 10 anni di deflazione e ultra-recessione, in preda a pignoratori professionali esteri, finanziarie-avvoltoio che   hanno comprato per 10 i  “prestiti non performanti” dalle banche: “Comprano i crediti al 20%, con sottostanti garanzie immobiliari”, scrive il Commercialista di Bari,  “il mio cliente gli propone un saldo e stralcio, che li farebbe guadagnare comunque tanto,  ma loro dicono di no. Dicono che hanno già un compratore per i suoi immobili/azienda. Stanno saccheggiando il Paese”.


I Gilet Gialli, qui, sono gli imprenditori


Non  ho voglia di sforzarmi a scrivere a commentare questa ultima riuscita italiana  di un “governo del cambiamento”  con suo giorno da leone contro tutti i nemici  interni ed esteri,  formidabili,  per cui si è accorto in  ritardo che dovrà farsi pecora, perché quelli sono più potenti ed hanno in mano tutte  le leve, dall’emissione monetaria ai media alla magistratura al Quirinale, e dunque non si può fare quel che volevano fare.


Cerchiamo di vedere il lato buono della triste faccenda:  i grillini  e il grillismo hanno reso più vicino il traguardo storico:  la secessione del Nord.  Hanno reso plateale  ciò che l’inedito contratto di alleanza Lega-5 Stelle doveva se non medicare almeno nascondere: la distanza abissale di cultura  del lavoro, concretezza,  e  atteggiamento davanti alla vita  che separa le due Italie. 


Quella meridionale in decrescita da un secolo che vuole ancor più decrescita e de-industrializzazione  e sognava uno stipendietto pubblico  parassitario   senza contropartite (che non avrà),   senza nessuna idea di sviluppo,  e che vuole frenare il Nord che  –  con le industrie che gli rimangono –  si affanna a produrre  e ad esportare, nonostante la tassazione e i i costi superiori dovuti alle strade e alle ferrovie che mancano,  la tassazione scandalosa, la  burocrazia pubblica che  tratta il Nord come un paese occupato da taglieggiare e inceppare.


Il raduno di Torino  è già un segnale della secessione, i grillini  che siedono in parlamento per attuare il “loro” programma di decrescita, dovrebbero capirlo. O almeno, restare sorpresi da questo fatto:  che mentre in Francia contro il governo insorgono i pensionati e i disoccupati della Francia dimenticata e periferica, in Italia i Gilet Gialli sono gli imprenditori , commercianti e artigiani: quasi tutti concentrati nel centro-Nord, produttori dei 4 quinti della ricchezza del paese, dell’export eroico, e che danno lavoro a 12-13 milioni di dipendenti.


Aver fatto di Boccia un Gilet Giallo: “La nostra  pazienza è quasi al limite”, ha detto. E   gli si deve dar  ragione quando  lo si sente dire: “Noi stiamo facendo proposte di politica economica per evitare danni al Paese. Lo stiamo facendo con una logica di rispetto delle istituzioni;  certo che se qualche ministro quando gli facciamo una proposta ci chiede una mail, ci costringe a fare operazioni come questa di Torino”.


Non so se vi rendete conto, ministri grillini: in Italia, siete voi nella parte di Macron, distante e sprezzante – lui   verso   gli impoveriti – ma voi verso gli imprenditori:  vi fanno proposte e voi gli chiedete la mail? “Le faremo sapere?”.  E il rimprovero si applica, almeno parzialmente, anche a Salvini, anche lui distratto ed assente verso l’urgenza di un’economia mondiale che cade.


Come  diceva Talleyrand: per dei politici, la stupidità è peggio  che un crimine. Fa  più danni. Mi sforzo di vedere il lato ottimistico della faccenda: grazie a voi grillini, al secessione è più vicina.  Non  pensate che  avvenga  con atti formali, o men che meno con le armi. No, avviene già  attualmente e silenziosamente. Lo dimostra per esempio il caso  delle  Olimpiadi invernali 2026. Lombardia e Veneto vogliono parteciparvi.


Il Piemonte della  vostra Appendino dice di no,  il vostro governo  fa sapere  che non darà un euro per questo progetto. Non importa, le due regioni faranno da sole, spenderanno da sole, senza chiedere a Roma, usando al massimo la loro  autonomia.   


Questo è un modello che sicuramente non resterà isolato. Ad ogni immobilismo, ad ogni   nuovo “no”del grillismo ideologico, il Nord farà sempre più da solo – perché ha urgenze e progetti concreti di cui è consapevole.  Il Nord non avrebbe nemmeno difficoltà  a “stare in Europa” e competere con la moneta forte.  


La distanza fra Nord e Sud diverrà incolmabile. Posso immaginare perfino sul piano linguistico: poiché col “reddito di cittadinanza” alle generazioni nuove del Sud non occorrerà più studiare né imparare a leggere far di conto, parleranno in modo sempre più esclusivo i vernacoli sempre più gutturali e belluini; nella decrescita felice andranno alla raccolta dei mitili e  bacche e impareranno ad abitare sulle  palafitte (abusive, naturalmente), come  i cacciatori-raccoglitori della civiltà  villanoviana. Il Nord diventerà sempre  più quello che già è, un’appendice del motore industriale tedesco, e finirà  per adottare fonemi germanici (a voi lo sembra già il milanese).


Ciò mi rallegra, lo ammetto. Ho sperato che il governo giallo-verde avesse la capacità, l’intenzione, la forza di volontà  per farci uscire dall’euro  e dalla prigione dei popoli. Ma fallito questo, la secessione è un decente second  best, come dicono gli inglesi.  Di questo esito, voglio dirlo chiaro, non si può accusare Di Maio, che forse anzi è l’unico da salvare. In fondo è riuscito a salvare l’ILVA,  che voi grillini  volevate chiudere.




Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I più letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext