La grammatica per classificare i ladri

Marcello Veneziani - Sab, 29/09/2012 - il giornale

 Come i verbi latini, anche i ladri italiani si dividono in attivi, passivi e deponenti.


 

 Dicesi ladro attivo colui che deruba direttamente o si costruisce le condizioni politiche, normative e ambientali per rubare. Chiamasi ladro passivo colui che lascia rubare e trae beneficio indiretto dal predetto furto. Dicesi ladro deponente colui che non deruba ma depone leciti finanziamenti pubblici su conti propri. In codice è appropriazione indebita.


A loro volta i ladri attivi si distinguono in tre specie: corrotti, corruttori e ambivalenti. I ladri tangentisti si suddividono a loro volta in tre sottospecie: chi prende tangenti per realizzare opere di pubblica utilità, chi inventa opere inutili o nocive per avere tangenti, chi prende tangenti alla crudaiola per non fare o per impedire che si faccia. Quando le tangenti sono troppo esose, in gergo matematico si chiamano secanti. (A un burino de destra fu citato il comandamento: settimo, non rubare. Risposta: perché i primi sei hanno potuto rubare e io no?).


Infine, la classificazione tipologica dei mariuoli per gradi via via più infami. Il ladro umanitario ruba ai ricchi per dare ai poveri. Il ladro ideologico ruba per la Causa. Il ladro militante ruba per il partito o per la corrente. Il ladro scambista ruba per comprarsi i voti e la gente. Il ladro familista ruba per i figli e per la moglie. Il ladro egoista, oggi più di moda, ruba per sé, per suo piacere o per godere nel possesso. Si spera ardentemente che alle categorie suddette corrispondano altrettanti gironi dell'inferno.


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I più letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext