Chi dimentica i morti verrà dimenticato dai morti

CAMILLO LANGONE - ILFOGLIO.IT

Chi dimentica i morti verrà dimenticato dai morti




Magnifica l’ossessione di Pupi Avati: “Non dimenticare i morti, non essere dimenticato”. Al Corriere ha raccontato una storia degna della “Camera verde” di Truffaut: “A casa dei miei c’erano 25 foto in cornicette dorate, una sorta di albero genealogico. Le ho portate da me, via via ho aggiunto foto di altri morti, amici, parenti… Adesso sono 150 fissati alla parete. Ogni sera prima di dormire vado a salutarli. Leggo i loro nomi a uno a uno per farli esistere ancora”.


Noi cattolici, noi religiosi, siamo precisamente coloro che non accettano la non esistenza dei morti. Semplicemente i morti sono da qualche altra parte e oggi o domani andando al cimitero li saluteremo.


Chi dimentica i morti sappia che verrà dimenticato dai morti (sta accadendo, ci sono intere epoche, intere civiltà che, stufe di non essere ricordate, stanno per riprendersi indietro le eredità che ci lasciarono).



Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I più letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext