ELOGIO FUNEBRE DI McCAIN. DA PARTE DELLA NOSTRA NOMENKLATURA

Maurizio Blondet

ELOGIO FUNEBRE DI McCAIN. DA PARTE DELLA NOSTRA NOMENKLATURA


Solo un po’ di copia-incolla per recuperare qualche notizia che può essere sfuggita ad alcuni lettori.


Essi sanno chi è stato McCain, ne hanno visto le foto in Siria a fianco di quello che sarebbe diventato Abu Bakr al Bagdhadi, ne hanno visto le foto con i neonazisti ucraini, sanno che ha canterellato per anni “Bomb, bomb,bomb Iran”.

Uno che ha predicato aggressioni USa in queste nazioni:



Uno che definito “tragico” non poter usare l’opzione militare in Ucraina contro Mosca:




Ebbene, ecco il compianto che ne ha fatto la nostra Sinistra:



Matteo Renzi


@matteorenzi
Segui Segui @matteorenzi
Altro Matteo Renzi ha ritwittato Cindy McCain
Solo preghiere, rispetto e commozione. #McCain


Luigi Marattin, consigliere economico di Gentiloni e Renzi.


Gianni Riotta





Questi sono alcuni degli omaggi che gli esponenti del progressismo e del giornalismo mainstream, “liberale”, hanno tributato a John McCain.  I commenti della gente normale  sono, più che di indignazione, di stupefazione  e straniamento. “Ma cos’è ‘sta cosa del  saluto a McCain, tipo un rituale  massonico? Chi  non lo fa è fuori dal cerchio?”. “Sembra di vivere una distopia”.  “L’invasione degli ultracorpi”..  “Comunicano  tra loro in tutto il mondo. Stanno ripetendo le stese identiche parole. Sembra davvero il verso di richiamo degli ultracorpi”.


Mi pare che costoro manifestino,  senza averne coscienza, una perversione  intellettuale e  distorsione mentale, prima ancora che morale.  Soffrono persino di una distorsione, aberrazione della identità. Voglio dire: gli americani che hanno votato per McCain e l’hanno approvato sanno,   almeno, di essere di destra. Questi   si sentono di sinistra e progressisti, illuminati, persino umani  e buoni, come hanno dimostrato inscenando il loro pianto progressista per gli “Immigrati della Diciotti”,   accusando gli altri di essere senza cuore.


Questa estraneità al sentire comune, questo perfetto isolamento  e credenza nella propria perfezione  progressista, è la  degenerazione psichica che  sviluppano le caste privilegiate  in un regime totalitario. Intendo compitamente totalitario,  come quello dell’Unione Sovietica negli anni ’30, del Terrore Rosso,   delle Purghe.  I membri della Nomenklatura potevano ordinare  programmi  come “l’eliminazione dei contadini come classe”,  gettare il popoLo intero in una carestia inaudita, ma   nei negozi riservati a loro non mancavano lo storione, il caviale, le Lucky Strike, sigarette americane il cui solo possesso sarebbe costato, al comune cittadino, il Gulag.



Godevano dei loro privilegi ripugnanti con la perfetta   soddisfazione di  stare lavorando per l’umanità nuova e  nell’Uguaglianza, dell’a ciascuno secondo i suoi bisogni”, di stare lavorando al progresso assoluto, all’abolizione dello Stato   al regno della Libertà –  proprio mentre firmavano mandati di   esecuzione per migliaia di persone.  La realtà, penuria, miseria che travagliava   “le masse” non li toccava né commuoveva mai, perché si ritenevano grandissimi lavoratori e faticatori, nei loro uffici riscaldati e  ben forniti, pienamente meritevoli.  Il terrore non lo conoscevano  – se non nel momento in cui qualcuno di loro, indicato da Stalin o da Kaganovic, veniva prelevato in qualche purga: allora lo stupore, l’incredulità, ma mai – mai – la disgrazia faceva nascere in loro un senso di comunanza con i milioni che avevano gettao nei Lager,   per i bambini abbandonati dai genitori internati e  morti, per i kulaki   i cui corpi  si stendevano lungo le ferrovie


Svetlana, la figlia di Stalin,   un estate in cui andò in treno di lusso in vacanza in Crimea, disse a suo padre che, nell’attraversare l’Ucraina,   ad ogni   stazione il convoglio era  assediato da folle cenciose e scheletriche, che  si aggrappavano ai finestrini implorando  un po’ di pane. Stalin le rispose che erano tutte storie quelle della carestia in Ucraina;  propaganda. Ma da quel momento ordinò che,  quando i treni  attraversavano il territorio,  fossero abbassate le tendine.


Maurizio Blondet


In fondo anche i nostri hanno abbassato le tendine.  Si sengono tanto umani perché  vogliono “l’accoglienza dei migranti”, ma non vedono i 5 milioni di poveri, i disoccupati di massa, i salari precari che il Sistema a cui hanno aderito ha procurato.  Hanno lasciato le macerie del  terremoto di Amatrice, senza preoccuparsi  degli abitanti.   Con la netta coscienza  di essere i migliori, i più competenti ed anche i più umani,  immensamente buoni, non come quel razzista ignorante di Salvini, o quell’incompetente di  Di Maio.  Non   sentono alcuna colpa o responsabilità, perché quel Sistema, il capitalismo finanziario terminale, è per loro “oggettivo” e “naturale” – come  capi del Politburo sentivano il loro universo concentrazionario la perfetta applicazione “scientifica” del materialismo storico., qualcosa di ineluttabile e profondamente giusto.  Come quelli, hanno “la dottrina” dalla loro parte.  Alla luce della dottrina, vedono i McCain  il valoroso combattente per  i  diritti,  della libertà, il salvatore della riforma sanitaria di Obama.


Allo stesso modo, quando moriva un’alta  personalità del Politburo, e ancor più del Comitato Centrale,  la Pravda ne elogiava la “schiena dritta, senso dell’onore, amore per le istituzioni” , l’opera indefessa   per il riscatto del proletariato senza  mai concedersi  riposo.

Allo stesso modo, quando moriva un’alta  personalità del Politburo, e ancor più del Comitato Centrale,  la Pravda ne elogiava la “schiena dritta, senso dell’onore, amore per le istituzioni” , l’opera indefessa   per il riscatto del proletariato senza  mai concedersi  riposo.  E Giannino ripete questo rituale credendosi un liberale e liberista..


Come  la Nomenklatura, vivono in questo mondo,visti da noi come Ultracorpi. Viene bene il commento dell’economista  Vladimiro Giacché:


“Quando uno storico del futuro vorrà capire perché la sinistra in questo paese è scomparsa, gli potremo far leggere il nuovo art. 81 Cost, il Jobs Act e questo Tweet”.





Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I pi¨ letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext