Orbān: 'Stiamo costruendo una democrazia cristiana, non un centesimo per i migranti!'

MAURIZIOBLONDET.IT Ripubblicato su: https://www.lewrockwell.com/2018/05/no_author/were-building-a-christian-democracy-not-1-cent-for-migrants-hungary-pm-viktor-orban/

Orbàn: “Stiamo costruendo una democrazia cristiana, non un centesimo per i migranti!”




Ripubblicato su: https://www.lewrockwell.com/2018/05/no_author/were-building-a-christian-democracy-not-1-cent-for-migrants-hungary-pm-viktor-orban/


Poco dopo la dichiarazione di venerdì: “Non un centesimo sulla migrazione”, il premier ungherese ha promesso di dedicare il suo nuovo mandato alla conservazione delle radici storiche della nazione, invece di optare per la costituzione di imperi politici sul suolo ungherese.


“I migranti europei sono invasori musulmani, non rifugiati, tu (Angela Merkel) li hai voluti. Non noi”.



In una recente intervista radiofonica, il primo ministro ungherese Viktor Orbàn ha affermato che il partito al governo Fidesz si è impegnato a sviluppare una democrazia cristiana nel paese.


“Stiamo lavorando alla costruzione di una democrazia cristiana vecchia scuola, radicata nelle tradizioni europee. Crediamo nell’importanza della nazione e in Ungheria, non vogliamo cedere terreno a qualsiasi affare o impero politico sovranazionale “, ha affermato.


Il leader più popolare dell’Unione Europea ha accusato un certo numero di strutture non governative finanziate dal miliardario statunitense / israeliano George Soros di intromettersi politicamente e sostenere attivamente l’immigrazione.


“Noi non vogliamo sostituire la civilizzazione cristiana con qualcos’altro. Perciò stiamo costruendo recinti, difendendendoci, e non permettendo ai migranti di inondarci”



Il primo ministro che la maggior parte degli europei eleggerebbe alla presidenza dell’UE ha più volte accusato Soros, che ha promosso una politica di apertura dei confini per i migranti nell’Europa orientale, di sfruttare i suoi grandi fondi per comprarsi Bruxelles e l’ONU.


In tutta Europa, le organizzazioni ebraiche hanno meso in campo la loro considerevole influenza sulle campagne pro-immigrazione di Soros.


Orban ha dichiarato che le organizzazioni che si occupano di questioni relative alla migrazione saranno obbligate a chiedere l’approvazione e l’autorizzazione da parte degli organismi di sicurezza del paese.


Separatamente, in linea con il disegno di legge “Stop Soros”, che dovrebbe essere presto adottato nella legislazione nazionale, alle donazioni straniere che incoraggiano la migrazione e rappresentano quindi un rischio per la sicurezza nazionale, si applicherà una tassazione del 25%.


La coalizione di governo di Orbàn, comprendente il partito conservatore Fidesz e il Partito popolare democratico cristiano (KDNP), ha ottenuto il 49,6% dei voti nelle elezioni parlamentari. Orbàn, che gode del sostegno di ampie fasce dell’elettorato grazie alla sua enfasi sulla stabilità e sulle questioni di unità nazionale, è entrato nel suo terzo mandato consecutivo come premier ungherese.



La prima sessione parlamentare sotto il nuovo governo si svolgerà martedì 8 maggio, quando Orbàn sarà ufficialmente rieletto Primo Ministro.




Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I pių letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext