REDDITO D'INCOERENZA III - Colto sul 'fatto'

Marco Palombi per Il Fatto DAGOSPIA.COM

REDDITO D'INCOERENZA III - Colto sul "fatto"


A quanto pare dopo mesi di campagna elettorale, qualche decina di milioni di voti e 51 giorni di lavorio politico siamo ormai vicini al governo Gentiloni. No, magari non proprio con Gentiloni, ché il nobiluomo dalla vita ha avuto già assai, ma Gentiloni in senso antropologico e politico per così dire.


Come il lettore saprà, infatti, il Pd ieri ha "aperto" al dialogo coi 5 Stelle dopo aver incontrato il grillino Roberto Fico (il cui tocco, come quello dei re medievali, guarisce dalla scrofola e dall' opposizione).


Il Movimento, in cambio, ha detto che con la Lega faceva così per parlare, non era amore e ora cancellerà il numero dalla rubrica.


Questo dialogo, ci dice il reggente democratico Martina, dovrà partire dai "100 punti del Pd" e in particolare da tre: l' europeismo; "il rinnovamento della democrazia, al di là della deriva plebiscitaria" (qualunque cosa voglia dire); "le politiche del lavoro e di contrasto alla povertà", ma rispettando "gli equilibri di finanza pubblica".


Di Maio, com' è noto, ha invece il suo bel contrattino buono per tutti i governi e il suo bel programmino che, fatto un altro po' di editing, andrà benissimo alla bisogna: è tutto e niente e quanto all' unica cosa che conta, la politica di bilancio, il capo politico grillino ha già detto "deficit all' 1,5%" (cioè ancora austerità "europeista", così è contento Martina).


Certo, era più facile se a Palazzo Chigi candidavano direttamente Cottarelli - col voto del web, per carità - ma quel che è fatto è fatto.


Ci resta una sola speranza: che il cupio dissolvi di Renzi impedisca il governo del Pd.


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I pi¨ letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext