'SIAMO IN BALIA DI LUIGINO LAQUALUNQUE' - VITTORIO FELTRI

Vittorio Feltri per 'Libero Quotidiano' DAGOSPIA.COM

'SIAMO IN BALIA DI LUIGINO LAQUALUNQUE' - VITTORIO FELTRI


I partiti si azzuffano senza combinare nulla. D'altronde, se scende in campo Di Maio, ovvio che la politica, come le squadre italiane di calcio, non prenda palla. Il governo ce lo sogniamo. Manca in Parlamento un denominatore comune, pertanto è impossibile si stringa una alleanza tra gruppi eterogenei in grado di esprimere una maggioranza.


La Lega e Cinque Stelle sono inconciliabili per i noti motivi, Berlusconi punta a sposarsi col Pd, e non tiene conto che metà centrodestra non ne vuol sapere; altre combinazioni sono inimmaginabili.


Basterebbe questo a far capire ai lettori e agli elettori che il Palazzo sta sprecando tempo, illudendosi che si compia un miracolo: un improvviso rinsavimento di senatori e deputati in maniera che qualche accordo - improbabile - sia raggiungibile allo scopo di assicurare all' Italia lo straccio di un esecutivo.


Allo stato siamo in balía di Luigino La Qualunque, il quale per quanto balordo dispone di un ricco 33 per cento di voti che gli permettono di fare la voce grossa e darsi arie di uomo decisivo per le sorti della Nazione.


Vero che il centrodestra, la propria coalizione, vanta una percentuale di suffragi addirittura superiore (37%) che tuttavia non basta per guidare la Patria. Cosicché le consultazioni di Mattarella in corso, mirate velleitariamente a compattare le forze politiche, sono completamente inutili, nel senso che non andranno in porto.


Alla fine si sarà trattato di un esercizio formale privo di ogni senso pratico. E il presidente della Repubblica, a malincuore, dovrà rassegnarsi a indire una nuova votazione nella speranza cambi qualcosa. Il che non potrà avvenire se non correggendo radicalmente la legge elettorale in vigore, la più idiota di cui ci siamo dotati nei decenni.


Il problema è garantire la governabilità. Come? Assegnando un premio di maggioranza al partito o alla lista che raggruma il maggior numero di consensi. C' è da chiedersi se l' armata brancaleone oggi al comando (si fa per dire) sarà capace di realizzare quanto necessario alla funzionalità delle istituzioni. Ne dubitiamo. Assistiamo alle schermaglie in atto con sfiducia.


-----------------------------------------------

TtRATTO DA ALTRO ARTICOLO.


.....................Meglio Pier Ferdinando Casini di un qualsiasi grillino esaltato. Se non altro la Dc era presentabile, mentre gli avventurieri alla Di Maio sono imbarazzanti. Abbiamo in passato scherzato su Andreotti, Berlinguer, Forlani, Cossiga e Craxi, e ci tocca pentirci. Ridateci Casini. Non ne abbiamo altri che ci rassicurino. Infine ricordiamoci: passare da Leonardo Da Vinci, da Guglielmo Marconi, da Enrico Fermi, da Galileo Galilei, da Meucci, da Rubbia e Olivetti a Di Maio è una offesa sanguinosa e intollerabile. Riconquistiamo un minimo di dignità.



di Vittorio Feltri


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I più letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext