PER UN GOVERNO COSTITUZIONALE DI SALUTE PUBBLICA

Maurizio Blondet

PER UN GOVERNO COSTITUZIONALE DI SALUTE PUBBLICA



Non possiamo lasciare la politica da sola. Dopo sei anni in cui i cittadini sono stati esclusi dalla determinazione dei processi decisionali, ora devono mobilitarsi in permanenza. E gli intellettuali hanno il compito e la responsabilità di mobilitare la “base” per rivendicare che in Italia ritorni la democrazia, a sei anni dalla sua sospensione, dopo sei anni di Governo di viceré Europei che utilizzano linguaggi e categorie tecniche che evocano un processo di sovversione costante.



Per questo secondo Ugo Mattei, giurista e professore ordinario di diritto internazionale comparato, e secondo Alberto Lucarelli, ordinario di Diritto Costituzionale all’Università Federico II di Napoli, è il momento di dare vita a un Governo Costituzionale di Salute Pubblica, sul modello di quello che fece il Comitato di Liberazione Nazionale durate la seconda guerra mondiale. 




È necessario cioè che i parlamentari si schierino con il popolo sovrano nel suo scontro mortale con il neoliberismo e che schierino le personalità più coerenti con l’implementazione del programma del Governo di Salute Pubblica, che deve agire su questi punti:



1) Lotta al lavoro precario;


2) Abolizione della Legge Fornero;


3) Rinegoziazione radicale delle obbligazioni internazionali, in primis quelle con l’Eurogruppo e per le spese militari;


4) Ripristino degli spazi di democrazia effettiva contro i decisionismi verticali;


5) Grande piano di cura del territorio per generare lavoro, beni comuni e ambiente.


Di questa proposta, presentata sul Fatto Quotidiano una settimana fa, discutono oggi su Byoblu Ugo Mattei e Alberto Lucarelli.





Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I più letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext