Ragazzo, dai sangue al nonno

MARCELLO VENEZIANI


Ragazzo, dai sangue al nonno


Alla fine Dracula era un vampiro di buon senso. Aveva capito che, quando non sei in vena devi succhiare sangue ai vivi, possibilmente giovani. E così, favorito da una dentatura assai ficcante, prelevava direttamente il sangue per tirarsi su con una flebo di vitalità.



Ora, con secoli di ritardo la medicina conferma la venale scoperta di Nosferatu e scopre che per bloccare l'invecchiamento occorre sangue giovanile. Nuovo plasma per non ridurti a cataplasma. Alla Stanford University l'hanno provato sui topi. Hanno cucito una vecchia zoccola, come si dice da noi, a un figlio e'zoccola, cioè un ratto giovane, e hanno creato la parabiosi: il sangue dell'uno ringiovaniva i tessuti dell'altro, i muscoli, il cervello. Penso anche il sesso…



La scoperta turba, spaventa i giovani ed eccita gli anziani. È per questo che Di Maio teme di incontrare Berlusconi e Mattarella riceve sempre più speso studenti. Vi risparmio le prediche marpione sulle virtù terapeutiche per gli anziani della carne fresca, e maledico chi usa la parabiosi come alibi per la pedofilia. Vorrei sapere come si sente il topo giovane, se a sua volta invecchia precocemente e prende un po' dalla vecchia pantegana: “oggi mi sento 'na chiavica”.



Ma dietro l'aspetto grottesco, inquietante o esaltante della scoperta, ritrovo una verità antica come l'uomo: una società regge sul patto di sangue tra le generazioni. La prima trasfusione è la tradizione. La scienza è una via lunga e tortuosa per confermare la saggezza antica e naturale dei proverbi.


MV


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I pi¨ letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext