Il denaro é creato dal nulla dalle banche e dalle banche viene distrutto

Di Lorenzo Marchetti https://www.rischiocalcolato.it/

Il denaro é creato dal nulla dalle banche e dalle banche viene distrutto


Post originariamente pubblicato su ExitEconomics – Expat from Italy: economics applied to everyday life


Questo é un post semplice semplice ma che intere schiere di studenti di economia ignorano.


Lo scriveró in modo semplice semplice. Il post fa parte della “money series” che un certo numero di commenti ha sollevato. Cliccando al link avrete accesso a parecchio materiale che spiega la meccanica della creazione del denaro, che é un argomento interessantissimo e che non stanca mai, perché complesso nel modo in cui é gestito oggi.


Partiamo dai presupposti.


Leggetevi questo libro se avete voglia di capire come viene creato il denaro.


Si trova su Amazon, oppure anche in rete con torrent se volete solo darci un’occhiata prima di decidervi a comprarlo.


Se avete buona dimestichezza con l’inglese, c’é Modern Money Mechanics, pubblicato dalla Federal Reserve. Si trovano copie in Rete.


Oppure, se vi piace Zero Hedge e il suo stile irriverente, date un’occhiata a questo articolo.


Se aspettate di trovare materiale in italiano, scordatevelo. Se seguite questo blog, siete piú preparati della mediana della popolazione, e dovete studiare e soffire per imparare.


Iniziate ad accettare questo principio:


  • Il denaro viene creato dalle banche.
  • Il denaro viene creato dalle banche dal nulla.
  • Il denaro viene creato dalle banche quando erogano mutui e prestiti.

Quando il denaro viene creato, per esempio viene dato un prestito di 20mila euro al sig. Rossi, questo si compra la macchina. I soldi cosí creati, entrano nell’economia REALE, cioé quella a cui siamo abituati, l’economia di tutti i giorni. Il concessionario con i ventimila sistema il punto vendita pagando un carpentiere o l’elettricista, paga le bollette, fa la spesa, etc.


I soldi cosí creati, diventano POTERE di acquisto per l’uomo di strada.


Fin qui, tutto intuitivo, piú o meno.


Ora arriviamo alla parte meno intuitiva: mano a mano che il prestito viene ripagato dal sig. Rossi, il sig. Rossi vede diminuire il proprio debito con la banca.


Giá, ma i soldi che il sig. Rossi ripaga mese dopo mese, che fine fanno?


I soldi ripagati vengono distrutti. La banca sottrae con un bel segno “meno 1000 euro” al capitale che il sig. Rossi deve pagare per quel mese, e questo denaro, nato con la banca, nella banca muore.


From craddle to grave. Dalla culla alla tomba. Dalla banca alla banca.


Se per esempio ci vogliono venti mesi per ripagare ventimila euro, e quindi ogni mese il sig. Rossi deve rimborsare 1000 euro, significa che ogni mese 1000 euro vengono distrutti, cioé eliminati dal circolante del pianeta terra.


Se vi domandate perché in Italia c’é crisi perdurante, sappiate tra i  millemila problemi di cui soffre il martoriato ex Belpaese, ce n’é uno che si chiama accesso al credito. Siccome le banche non fanno piú credito per esempio per l’acquisto della prima casa, mano a mano che i vecchi debiti vengono ripagati, e quindi il denaro viene distrutto, e non ne vengono creati di nuovi (e quindi nuovo denaro non viene creato) la gente ha meno soldi da spendere e si va in deflazione.


Volete veder schizzare l’inflazione al consumo? date i soldi alla gente e vedrete a che prezzo arrivano le carote e la carne e le case.


In Olanda le banche concedono ancora mutui al 100%. E i prezzi sdelle case sono schizzati alle stelle, quindi la gente ha preso a rinnovare a man bassa le case per venderle, a pagare operai, elettricisti, giardinieri: una quantitá enorme di soldi ha preso a girare e l’inflazione ha ripreso a crescere.

Chiariamo un punto: NON sto dicendo che bisogna dare i soldi a chicchessia cosí  il sig. Chicchessia mette in moto l’economia. Sarebbe una follia.


Sto peró dicendo che per come é strutturata la meccanica monetaria moderna, le banche fanno il buono o il cattivo tempo se si tratta di strangolare o dare ossigeno al sig. Rossi.


——————————————-


Ora, vi ho detto una parte della veritá.


E cioé che il sig. Rossi rimborsa i mille euro del capitale piú gli interessi: avevo omesso gli interessi.


Ma aggiungono poco al quadro generale. Gli interessi sono stati creati dal reddito (che poi alla fine é un debito bancario anche quello) di qualcun altro. Qualcuno ha cioé dato i soldi al sig. Rossi per ripagare capitale + interessi.


Questo denaro gli é stato dato da altri, per esempio chi gli paga lo stipendio (debito del datore di lavoro), o le cedole dei buoni del tesoro (debito di Stato e tasse, cioé reddito di altri o delle future generazioni). In ogni caso é sempre denaro che é stato creato da qualche altra parte, in un altro momento, in un’altra banca.


E siccome gli interessi si pagano sul capitale, si capisce che il debito, per come é fatto il mondo oggigiorno, non puó che aumentare, a meno che non si vada in recessione.


Qualunque persona che vi dica che le cose non stanno cosí, vi sta raccontando fandonie. Se vi dicono che le banche non fanno altro che amministrare i RISPARMI e non creano denaro, fatevi la domanda sul “da dove vengono i risparmi?”.


Se vi dicono che la banca non fa altro che girare i risparmi agli imprenditori per fare investimenti, chiedete “e i risparmi da dove venivano?”. Chiedete loro se il denaro viene creato dal nulla, e come viene distrutto. Alla fine li mandate al tappeto.


Ora, io sono un ingegnere. In particolare, mi occupo di processi e verifiche. Come forma mentis, ho quella della verifica. Sono un cultore dell’uso della logica, e se sono arrivato a smontare tutte le boiate che raccontano i giornali e sedicenti economisti, é perché l’economia di per sé é cosa semplicissima. La fanno diventare complicata quando non vogliono farci capire nulla.


Capire come viene creato il denaro é il primo passo per la libertá finanziaria. Ed é un percorso lunghissimo.


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I più letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext