Lasciamo i popoli al loro destino

Marcello Veneziani - Ven, 14/09/2012 il Giornale

E se lasciassimo i popoli liberi di deci­dere il loro futuro e di costruirselo con le loro primavere e i loro autunni, le loro rivoluzioni e le loro restaurazioni?


Lo dico dopo l'agguato sanguinoso di Bengasi, ma lo scrivevo già prima. Se facciamo un bilancio complessivo del ventennio e più del nostro interventi­smo, dall'Irak alla Libia, dall'Afghani­stan al Libano e ai Balcani, i danni sopra­vanzano i vantaggi: più vittime, più traffi­co d'armi, più costi umani e militari, più violenza contro l'ingerenza nostra, più terrorismo di ritorno. Ogni corso forzato di occidentalizza­zione ha prodotto la spinta opposta, la ra­dicalizzazione dell'islamismo. Ne è val­sa la pena? Non penso che la Tunisia, l'Egitto,la Libia stiano meglio oggi di ieri, e in ogni caso lasciate che siano loro a de­ciderlo.


Abbiamo contribuito a devastare l'Irak, abbiamo esacerbato i rapporti con l'Iran,non abbiamo risolto il caso af­ghano e siamo impotenti davanti al caso siriano. Non sarebbe meglio difendere con le armi chi ci colpisce con le armi, ma senza andare a giocare sul suo terreno, a sfruculiare i fanatici con le missioni uma­nitarie, bombe incluse? Non partecipiamo allo scontro dittato­ri- fanatici, o meglio mezze dittature e mezzi integralismi. Risparmiamoci san­gue, soldi e odio.


In un momento di grave crisi economi­ca, non andiamoci a infilare come sala­mi nel sandwich tra la speculazione fi­nanziaria dall'alto e la spinta fanatica dal basso,più contorno d'invasione dei pro­fughi e dei prodotti cinesi. Tiriamoci fuori, restando sovrani in ca­sa nostra


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I più letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext