Impotentia governandi

MARCELLO VENEZIANI

Impotentia governandi


C’è una malattia del nostro sistema politico-elettorale che impedisce l’erezione di governi o la copula tra eterogenei, con relativa fecondazione. Come c’è l’impotentia coeundi e l’impotentia generandi, così c’è l’impotentia governandi che è poi la sintesi politica delle due disfunzioni.


È l’impotenza a generare un governo e ad accoppiarsi in modo fertile. Trasferite la diagnosi medica sui soggetti e sul sistema elettorale e ne avrete tragica conferma. È una guerra di tutti contro tutti, a partire dai potenziali e “naturali” alleati: sinistra contro Renzi, Berlusconi versus Salvini, populisti contro populisti.


Ma nessun leader, nessun partito, nessuna coalizione di partenza ha oggi la forza di proporsi alla guida del paese perché tutti sono ben lontani dalla possibilità di conquistare la maggioranza assoluta per governare. Anche le ipotesi di alleanze sul tappeto o sotto il tappeto non portano a governare.


Se vince il Movimento 5 Stelle non avrà la maggioranza assoluta per governare, se vince il centro sinistra tantomeno, se vince il centro-destra compatto avrà la maggioranza relativa, ma non basterà.


Anche l’ipotesi sottotraccia di un’alleanza Renzi-Berlusconi più frammenti centristi è ben lontana dall’avere i numeri per una maggioranza di governo.


E nemmeno l’ipotesi opposta, agitata da Salvini e bocciata dai grillini, di un’alleanza populista tra Lega e 5Stelle, politicamente molto difficile ma numericamente più cospicua, non avrebbe neanch’essa i numeri per governare.


Dunque c’è un impotentia governandi generale che costringerà a soluzioni tampone e provvisorie, a massicci cambi di casacca o a nuove elezioni a breve termine.


Se i partiti e il governo in carica avessero minimamente badato a questa fondamentale impotenza avrebbero varato una legge elettorale con una certezza: chi prende un voto più degli altri, al primo o al secondo turno, ha poi i numeri per governare.


E invece no, andiamo a votare alla cieca e alla cieca finirà; il voto non servirà a un beneamato fico. Il nemico di oggi sarà l’alleato di domani e viceversa. Pur con questa prospettiva d’ingovernabilità, Mattarella e i suoi corifei affrettano il voto addirittura in inverno, ipotizzando il 4 marzo prossimo. Facciamoci del male, ma in fretta.


Intanto c’infliggono questa indecente sceneggiata in cui ognuno mima di andare al governo, figura scenari che non ci saranno e chiede voti per simulare vittorie che non daranno frutti.


MV, Il Tempo 2 novembre 2017


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I pi¨ letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext