'Zeman? Un allenatore comunista' 'No, Zdenek è la follia del genio'

7/9/2012 LIBERO - Giuseppe Policelli - Andrea Tempestini

di Andrea Tempestini

Affascinante, elegante e ironico, il ritratto dello Zdenek Zeman comunista dipinto da Giuseppe Pollicelli sulle pagine di Libero, non è stato compreso. E non mi ha convinto. Necessaria premessa, le parole sul tecnico boemo sono state sovraccaricate di signficato: l'articolo, proprio come la storia personale del mister, correva sul sottile filo del paradosso. Un paradosso che è stato banalizzato e attaccato: sul nostro sito, nei bar, nelle radio romane e anche da altri quotidiani sono piovute critiche (ottuse).


Pollicelli ha smontato l'ideologia rossa in piccoli cubetti, e con abilità retorica ha applicato questi cubetti all'allenatore-Zeman: l'adesione fideistica, la cieca fiducia nelle promesse della falce e martello, il sacrificio dell'individualità, il mito del riscatto dei perdenti, le sconfitte e le bugie. Un'operazione onesta, sagace, che voleva offrire molteplici spunti di riflessione (uno in particolare mi ha colpito, quando afferma che "non sono mai le idee a doversi adattare alla realtà, è la realtà che deve piegarsi agli schemi dell'ideologia"; convincente). Gli spunti di riflessione, in toto, sono stati respinti dai lettori con un corredo di beceri insulti. Una follia.


Che lo "Zeman comunista" fosse una boutade era chiaro sin dalle prime righe, dove si ricordava la fuga di Zdenek dalla Praga occupata dai tank sovietici. Meglio raccogliere la divertente e compiaciuta provocazione e rilanciare. No, uno Zeman rosso io non lo accetto. L'espediente ideologico è trasversale: l'adesione fideistica, la cieca fiducia nelle promesse, il mito del riscatto dei perdenti, la disciplina di partito e "il nemico giurato" sono teoremi applicabili a qualunque deriva. Rilanciare affermando che Zeman è un fascista? No, nemmeno per idea (meglio mettere le mani avanti, non sia mai). Semplicemente, l'ortodossia del boemo mi pare tutta sua, un unicum che con l'ortodossia di partito ha ben poco da spartire. Un'ortodossia folle (ossimoro) e attraente che ha a che fare solo col calcio (o quasi).


Zeman non ha mai vinto nulla; Zeman ha allenato per la stragrande maggioranza della sua carriera il sottobosco dell'italico pallone, ma è oggi la prima star della Serie A; Zeman odiato dagli juventini è venerato da tutti gli altri colori del calcio italiano (a chi riesce l'impresa di farsi accogliere ovunque come un eroe?); Zeman che salta dalla panchina della Lazio a quella della Roma e si fa amare, subito; Zeman che fa sei gol a partita e ne prende quattro; Zeman scopritore di talenti; Zeman che fuma 40 sigarette al giorno e nel giorno della partita ne schiuma 60. Un'accozzaglia di particolarità in grado di renderlo unico, magico, geniale e malinconico. 


Io, Zeman sulla panchina della mia squadra lo ho sempre sognato, chissenefrega dei risultati (e non sono comunista). Di soldi in abbonamenti ne ho spesi tanti, e di squadre brutte ne ho viste ancor di più: dal Milan muscolare e vincente di Capello a quello irritante e cinico di Allegri, passando per altri "mostri" a breve scadenza e qualche creatura di Ancelotti tutt'altro che esaltante. Tutti migliori di Zeman? Può darsi. Ma non posso non avere un debole per un tecnico che pensa solo e soltanto a fare un gol in più, a un mister che "io senza calcio non sto bene. Fosse per me arriverei a morire in tuta, a novant'anni, all'aria aperta, a insegnare pallone a qualche ragazzo che avesse ancora voglia di starmi a sentire". Zdenek il professore, per inciso, non è mai stato un calciatore professionista. Insegna calcio (bene? Male? Fate voi...) senza averlo mai giocato ad alti livelli. Solo un genio (come Mourinho) può farlo. Solo una mente poliedrica (e il comunismo è tutt'altro che "poliedrico") avrebbe potuto scoprire e lanciare i vari Totti, Signori, Baiano, Vucinic, Bojinov, Immobile, Insigne, Verratti. Anche dei bidoni, per carità, ma per spacciare un bidone per campioncino ci vuole talento, a dimostrazione che l'individualità, per Zdenek, è importante quanto la collettività.


L'ortodossia di Zeman, semmai, sta nel modulo: "Modulo e sistemi di allenamento non li cambierò mai. Per coprire il campo non esiste un modulo migliore del 4-3-3". Su questo, come ho scritto qualche riga sopra, Pollicelli mi ha stuzzicato. "La realtà che si piega agli schemi dell'ideologia". Possibile. Secondo me, al contrario, si tratta di folle spavalderia. A me gli svitati e gli spacconi sono simpatici. Adoro Zeman come adoro Josè Mourinho (definito da Zdenek un "mediocre". Lo Special One rispose: "Chi è? Ah, è un allenatore. Della Roma. Non lo sapevo... Ora che sono in vacanza ho un sacco di tempo libero, mi informerò su Google su cosa ha fatto e cosa ha vinto...). Uno scontro tra matti. Zeman mi affascina come mi affascinano i racconti su Brain Clough, il mister che portò il Derby County sul tetto dell'Inghilterra e il Nottingham Forest su quello del mondo. Clough, come Zeman, allenò il sottobosco di un paese (ma a differenza di Zdenek lo trasformò in oro). Clough, come Zeman la Juve, aveva un nemico giurato: i "ladri" del Leeds United di Don Revie


Polemiche - quelle tra Clough e il Leeds - con una stagionatura di trent'anni. Quelle (infinte, su doping e "ruberie") tra Zeman e i bianconeri sono più recenti. Nel merito non mi appassionano, le trovo stucchevoli (magari un giorno ne sorrideremo). E' il contesto che mi scalda, è la tenacia con cui Zeman si scaglia contro il "nemico" (proprio come l'ossessione per il gol) a conquistarmi. Del boemo è la follia (tutt'altro che ortodossia rossa), è l'eterna passione nelle battaglie (perse) a conquistarmi. Perché, come ricorda lo juventino doc Giampiero Mughini, Zeman è "un grande allenatore ma anche un impagabile cabarettista quando si tratta di lanciare veleno anti-juve". E - scontato che sia un grande allenatore - un cabarettista non è un comunista. E' il "performer" che ha dato entusiasmo a una Serie A in coma, è l'uomo-contro che si sottopone al giudizio del pubblico, è il "perdente" che attacca ossessivamente la squadra più vincente e gloriosa d'Italia. Zeman è questione d'empatia, non di ortodossia. Un'elettrica empatia che gli juventini, vittime sacrificali del mito, per ovvie ragioni non possono provare.



di Giuseppe Pollicelli

Zdenek Zeman è uomo di silenzi, provocazioni e paradossi. Ma il paradosso più grande non lo ha espresso con le parole, lo ha prodotto con la biografia, lo ha realizzato attraverso la sua parabola esistenziale e professionale. 

Il più grande paradosso di Zeman consiste nell'avere abbandonato a ventuno anni la sua città, Praga, per fuggire al comunismo, e nell'essere poi divenuto una delle personalità più popolari e carismatiche d'Italia (dove vive dal 1968, quando fece la scelta dolorosa di fermarsi a Palermo, lontano dai carri armati sovietici ma anche dagli affetti più cari) ricorrendo senza rendersene conto alle medesime «armi» che hanno garantito al comunismo le sue fortune. Quella che viene accordata a Zeman e al suo immodificabile modulo di gioco, il 4-3-3, non è mai semplice e razionale stima: è adesione fideistica, è un abbandono dai connotati mistici che ha le esatte caratteristiche della fede nel comunismo e nelle sue mirabolanti promesse. Una fede che, in quanto tale, non tiene in alcun conto le evidenze, nutrendosi bensì di profezie, di attese messianiche, di invettive. 


Stessa ideologia
Le analogie tra la figura di Zeman e il comunismo sono talmente tante, e così stringenti, che vale la pena passarle in rassegna. Innanzi tutto, alla base della filosofia zemaniana, vi è l'ideologia: per Zeman, come per il comunismo, non sono mai le idee a doversi adattare alla realtà, è la realtà che deve piegarsi agli schemi dell'ideologia. E se la realtà a questi schemi non si piega, vuol dire che è la realtà a essere sbagliata, non l'ideologia, la quale è perfetta e, dunque, immutabile. 


Come nel comunismo, ciò che è collettivo deve sempre fare premio, per Zeman, su ciò che è individuale: il calciatore che osi trasgredire il modulo va subito emarginato, affinché non contamini il corpo sano della squadra. Come il comunismo, Zeman auspica l'avvento di un uomo nuovo, una forma evoluta di essere umano che non conosca tentazioni, cedimenti, slealtà. Come il comunismo, Zeman preconizza il sol dell'avvenire, il materializzarsi di un evo in cui nessuna squadra giocherà più per portare a casa il risultato e tutte le partite finiranno 8-5 o 2-6, e la formazione allenata da Zeman, che è il migliore, conquisterà il campionato più spesso delle altre perché non vi saranno più cinici imbroglioni a impedirlo. 


Come il comunismo, Zeman applica la disciplina di partito: lo fece quando, in un sorprendente accesso garantista, prese le difese del patron del Foggia Pasquale Casillo, implicato in fatti di camorra. Come capitava a un Togliatti o a un Berlinguer, e ancor di più succede con l'icona di Guevara, a Zeman è riservato un autentico (e trasversale) culto della personalità. Come il comunismo, Zeman ottiene sporadici successi e innumerevoli fallimenti (nessun trofeo vinto in carriera, una quantità ragguardevole di esoneri, eccezionali record negativi come i quattro derby persi in un anno sulla panchina della Roma), ma ai suoi seguaci non importa, poiché il tempo dell'affermazione arriverà. 


Come il comunismo, Zeman vuole il riscatto dei perdenti e dei (presunti) derelitti, sempre demagogicamente considerati la parte buona da contrapporre a quella, ignobile, dei vincenti. Come il comunismo, Zeman ha il suo nemico giurato, la Juventus (identificata con il grande capitale e le sue losche manovre), che è anche un poderoso alibi per giustificare le sconfitte, il comodo bersaglio grosso da colpire ogni volta che gli eventi prendono una brutta piega. Come il comunismo, Zeman difetta quanto a coerenza: paladino dell'integrità morale, nel 1994 spese queste parole riguardo alla mafia: «Io non l'ho mai scoperta, la mafia. (...) Le stragi di Capaci e via d'Amelio? Ma questa è mafia? Allora, se questa è mafia, cancello tutto e dico che la mafia è una cosa bruttissima, gravissima e così via. Ma io non sono convinto che quella sia mafia». 


Qualche bugia...
Come il comunismo, Zeman mente: in qualità di teste dell'accusa al processo di Calciopoli disse di non aver mai avuto a che fare in vita sua con Moggi, salvo smentirsi clamorosamente nel documentario Zemanlandia, in cui racconta di quando, da allenatore del Parma, pranzò proprio con Big Luciano. Come il comunismo, Zeman gode di un occhio di riguardo da parte dei media (che lo trattano alla stregua di un santo o di un eroe), delle istituzioni (di recente il sindaco di Roma gli ha consegnato il premio fair play «Avversari sì, nemici mai», non molti giorni dopo la diffusione di una foto che immortala Zdenek mentre autografa una maglia con su scritto «Odio la Juve!»), e della giustizia, che non lo ha indagato per omessa denuncia benché nel 2005 avesse avuto la sensazione - lo disse lui stesso, e figuriamoci se un leader del suo calibro poteva non sapere cosa accadeva nel proprio spogliatoio - che i giocatori del suo Lecce si fossero accordati con quelli del Parma per non farsi male. 


Come il comunismo, Zdenek promette meraviglie che, alla resa dei conti, si rivelano ingannevoli miraggi. E allora hasta la victoria, mister Zeman! Tanto lo sappiamo che è soltanto un bello slogan.


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I più letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext