Perché molti cuochi italiani ci vogliono morti?

di Camillo Langone http://www.ilfoglio.it/

Perché molti cuochi italiani ci vogliono morti?



“Ugo Rossi vergogna d’Italia” scrive su Facebook il migliore (così mi dicono) dei nostri giovani cuochi, Floriano Pellegrino del ristorante Bros di Lecce.


E sotto c’è la foto dell’orsa abbattuta grazie a un amministratore, appunto Rossi, presidente della provincia di Trento, che si è preso una responsabilità prima che il plantigrado impazzito, solito ad aggredire montanari, si mettesse a mangiare turisti. Rischiando la gogna social dei cuochi anglofoni che vivono in comuni di mare e gli orsi li hanno visti nei cartoni animati. Fosse solo questo, sarebbe un caso personale.


Ma sotto un altro post del cuoco leccese, stesso argomento e commento ancora più eccitato (“Più animali meno umani!!”), vedo i mipiace di tantissimi altri cuochi, giovani e non giovani, pugliesi e non pugliesi, qualcuno forse anche non tatuato, qualcuno forse anche capace di fare cucina raffinata senza zenzero.


Eppure tutti compattamente antropofobi.


Dunque è un fenomeno generale: molti cuochi italiani ci vogliono morti.


C’erano una volta i camerieri che sputavano nel piatto prima di servirlo all’avventore antipatico, adesso ci sono i cuochi che odiano la clientela al punto da auspicarne pubblicamente l’estinzione.


Prima di prenotare un ristorante, osservate il profilo Facebook del cuoco: se è un nemico della nostra specie, si tradirà.


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I più letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext