La vera ragione per cui gli USA accusano la Russia di tutto: l'Oro

Pubblicato il 11 aprile 2017 da Il nodo gordiano di Rory Hall

La vera ragione per cui gli USA accusano la Russia di tutto: l’Oro –


“La nota della Federal Reserve, il dollaro USA, ha goduto di un buon corso da quando è la valuta di riserva mondiale. La Federal Reserve, le banche aderenti e il governo federale degli Stati Uniti hanno rubato alle nazioni di tutto il mondo, 185. La Federal Reserve, tramite lo status di valuta di riserva mondiale, ha riversato l’inflazione dall’economia degli Stati Uniti alle altre nazioni. Cina e Russia, insieme ai Paesi aderenti a SCO, UEE e BRICS, sono nella fase finale dell’allontanamento dalla nota della Federal Reserve, che rapidamente diventa inutile sulla scena mondiale.”


Federal Reserve


“Perché le nazioni BRICS, responsabili di una parte significativa del PIL mondiale, continuano ad accettare il trattamento degli Stati Uniti? La belligeranza di Casa Bianca e Pentagono, a nome della NATO, ha creato una frattura globale. Gli Stati Uniti sono al verde e non possono ripagare il loro debito, possono solo molestare le altre nazioni, rubargli l’oro e bombardare chi non si allinea. Russia e Cina sono abbastanza grandi, ricche e forti da tener testa agli Stati Uniti.


Svolgono in silenzio le loro attività, fanno affari, mentre gli Stati Uniti hanno sempre fatto guerra a chiunque e a tutti. Gli Stati Uniti ora puntano su queste due potenze, che non sono Siria, Libia, Iraq o qualsiasi altra piccola nazione vittima del bullismo di tali guerrafondai. Questa volta sarà diverso e la regola d’oro vale ancora, chi ha l’oro detta le regole. Cina e Russia hanno l’oro, gli Stati Uniti hanno il debito.”


Come vi sentireste se programmaste una riunione di famiglia assieme a vicini e amici e la vostra lista di invitati arrivasse ad includere 185 ospiti, invitando anche il vostro noto cugino casinista, che si presenta ubriaco, armato e bellicoso, molestando una buona parte degli ospiti, spaccando i vostri vasi cinesi e poi, come bonus aggiuntivo, sparare e uccidere 12 dei vostri ospiti.


Quando vostro cugino lascia la riunione, prende portafoglio e borsa di vostra moglie. Si reca anche in camera da letto, apre la cassaforte e arraffa tutto l’oro e l’argento. Vostro cugino ha ora tutte le carte di credito e tutto il denaro che avevate a portata di mano.


Non vi è possibile fare nulla, nemmeno pagare il catering.


Se vi sembra una storia orribile, avete ragione, lo è. Il cugino ubriaco è la metafora di come gli Stati Uniti hanno agito per parecchi anni e come hanno trattato i Paesi nel mondo. Pensate che alcune di queste nazioni ne sono abbastanza stufe? Credete che invece di subire l’oppressione da tale “cugino”, alcuni di questi Paesi troverebbero meglio semplicemente filarsela di soppiatto dalla “riunione” e continuare a farsi i propri affari?


Come riferimmo il 30 marzo, Cina e Russia adottano misure per allontanarsi dal controllo del “cugino”, la nota della Federal Reserve, il dollaro, quale valuta di riserva mondiale.


Sapemmo nel marzo 2016 che il Kazakistan era in trattative formali con lo Shanghai Gold Exchange sull’oro quale valuta per la nuova Via della Seta (Fascia e Via) della Cina. Il Kazakistan infonde alle grandi miniere d’oro della Russia una piccola quantità d’oro ogni anno ed è membro di Shanghai Cooperation Organization (SCO) e Unione economica eurasiatica (EEU). Poi, nell’ottobre del 2016 seguimmo come la Cina lavorasse direttamente con il FMI per aggiungere lo yuan/renminbi al paniere DSP delle valute per il commercio globale, che ora appare una copertura di ciò che segue.


Da moneta globale, il renminbi muta funzioni nei mercati valutari e nei negoziati commerciali globali. Per quasi tutto lo scorso anno è sembrato che i media mainstream, con spunti di discussione da parte del governo federale, fossero ossessionati al 100% da “L’ha fatto la Russia!!” “Fatto” potrebbe essere qualsiasi cosa, dato che tale storia è cambiata così tante volte che è difficile seguirla. Il “fatto” non importa ai media che tifano per ricordare al pubblico che la Russia è colpevole!


L’ossessione russa, nei passati mesi, ha affiancato un nuovo “nemico”, la Cina. Cina e Mar Cinese Meridionale sono un altro motivo di rullo di tamburi di guerra dei media mainstream. Ora abbiamo due nuovi nemici, oltre a Presidente siriano Assad, Iran, Iraq, Libia e chiunque altro con cui sentiamo il bisogno di fare i prepotenti. La lista dei nemici continua ad allungarsi, anche se ci sono esattamente zero minacce agli Stati Uniti da questi Paesi.


La Cina ha iniziato a lavorare al CIPS, sistema di regolamento del commercio mondiale, nell’ottobre 2016, mentre il renminbi aderiva al paniere dei DSP permettendole di condurre il commercio globale fuori dal sistema SWIFT di proprietà e gestione statunitensi. I due sistemi sono usati per regolare le operazioni commerciali globali, con il sistema SWIFT orientato verso la nota della Federal Reserve, il dollaro USA, mentre il sistema CIPS è orientato al renminbi cinese.


“Il China International Payment System (CIPS) fu varato nell’ottobre 2015 ed entra nella seconda fase d’attuazione. La Fase Due consentirà un ulteriore ampliamento della banda di trading tra RMB e USD, che a sua volta permetterà alla camera aggiuntiva della Federal Reserve di alzare i tassi. Previdi due anni fa che il CIPS non avrebbe rovesciato o fatto concorrenza allo SWIFT dominato dal dollaro. Suggerì che entrambe le piattaforme avrebbero condiviso un codice di base collaborando per trasformare il quadro monetario. Questo è esattamente ciò che accade. La Cina ha dichiarato strategicamente le proprie riserve d’oro per la prima volta in 6 anni, dopo l’annuncio del SDR dello scorso anno. Questo annuncio strategico della Cina fu previsto qui, su POM”.


L’ingresso della Russia e del suo sistema di regolamento del commercio globale in rublo russo. Non è proprio pronta al debutto, ma non c’è di che preoccuparsi, lavorando tutto il giorno per comporre i pezzi finali. Nelle due settimane passate, la Russia annunciava al mondo che il sistema è attivo, affiancando quelli già attivi.


“Ci sono state minacce di scollegarci dal SWIFT. Abbiamo finito di lavorare sul nostro sistema di pagamento, e se succede qualcosa, tutte le operazioni in formato SWIFT opereranno nel Paese. Abbiamo creato un’alternativa”, aveva detto Nabjullina incontrando il Presidente Vladimir Putin. Aggiunse anche che il 90 per cento degli sportelli automatici in Russia è pronto ad accettare il sistema di pagamento Mir, versione interna di Visa e MasterCard”. Fonte


Il quadro rende più chiaro il motivo per cui la Russia e, ora la Cina, sono diventate il “nemico” assoluto, mutati in mostri dai media mainstream che usano i guerrafondai per discutere le tesi tirate fuori dai retrobottega del governo federale. È probabile che chi occupa i retrobottega della Federal Reserve indirizzi i media mainstream nell’esibire il “nemico russo” al popolo statunitense.


Se non si tratta della valuta di riserva, le banconote del dollaro statunitense, allora si spieghi questo: “Una delle misure più significative in esame è la già riportata spinta per l’organizzazione congiunta del commercio in oro. Negli ultimi anni, Cina e Russia sono stati gli acquirenti più attivi al mondo del metallo prezioso. Visitando la Cina l’anno scorso, il vicecapo della Banca centrale russa Sergej Shvetsov disse che i due Paesi vogliono facilitare maggiori transazioni in oro tra i due Paesi. “Abbiamo discusso la questione del commercio in oro.


I Paesi BRICS sono grandi economie dalle grandi riserve di oro e dal volume impressionante di produzione e consumo di questo metallo prezioso. In Cina, il commercio dell’oro avviene a Shanghai, in Russia a Mosca. La nostra idea è creare un collegamento tra le due città per incrementare gli scambi tra i due mercati”, aveva detto il Primo Vicegovernatore della Banca centrale russa Sergej Shvetsov all’agenzia di stampa russa TASS”.


Diamo uno sguardo al passo successivo. Ora che Russia e Cina hanno sistemi per condurre il commercio globale al di fuori della nota della Federal Reserve, il dollaro USA, possono prendere decisioni a beneficio dei propri Paesi e del proprio interesse commerciale, senza temere che le loro valute siano disabilitate, come successe all’Iran nel marzo 2012. L’Iran fu ricollegato al sistema SWIFT solo nel febbraio 2017.


Avere un’altra nazione che controlla la propria valuta è devastante. L’Iran l’apprese nel modo pegggiore e Russia e Cina ora possono mantenere attive le rispettive valute sia internamente che globalmente, al di fuori del sistema SWIFT del dollaro USA. Proprio la scorsa settimana apprendemmo che le nazioni BRICS discutono lo sviluppo del “mercato dell’oro”. “I piani futuri per facilitare le transazioni tra Mosca e Pechino in oro certamente spiegano perché i due Paesi sono i primi produttori ed acquirenti di oro.


La creazione del “mercato dell’oro” dei BRICS sarebbe un ottimo modo di aggirare il dollaro, anche come “moneta” che possa essere facilmente riciclabile negli scambi con gli altri Paesi aderenti. E se la negoziazione in oro non si avrà subito, i BRICS già passano alla creazione di una “nuova architettura finanziaria” che “affronti il dominio del dollaro USA nella finanza globale”: le iniziative dei Paesi BRICS (Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa) volte ad impostare una nuova architettura finanziaria all’ottavo vertice tenutosi nell’ottobre 2016 in India, sono recentemente sotto i riflettori. Per evitare il tipo di condizioni ai prestiti del Fondo monetario internazionale (FMI) e affrontare il dominio del dollaro degli Stati Uniti (US) nella finanza globale, si prevede che le nuove istituzioni create dai BRIC attuino il cambiamento tanto necessario nell’architettura finanziaria mondiale. Queste istituzioni sono la Nuova Banca di Sviluppo (NDB), il Fondo di riserva per gli imprevisti (CRF) dei BRICS e la Banca d’investimento infrastrutturale dell’Asia (AIIB)”. Fonte


La nota della Federal Reserve, il dollaro USA, ha goduto di un buon corso da quando è la valuta di riserva mondiale. La Federal Reserve, le banche aderenti e il governo federale degli Stati Uniti hanno rubato alle nazioni di tutto il mondo, 185. La Federal Reserve, tramite lo status di valuta di riserva mondiale, ha riversato l’inflazione dall’economia degli Stati Uniti alle altre nazioni.


Cina e Russia, insieme ai Paesi aderenti a SCO, UEE e BRICS, sono nella fase finale dell’allontanamento dalla nota della Federal Reserve, che rapidamente diventa inutile sulla scena mondiale. La Cina già utilizza una moneta d’oro. 14,5 milioni di dollari in monete d’oro sono state utilizzati nelle transazioni del 2017, con il nuovo anno lunare cinese, tramite la piattaforma “chiacchieriamo”. Non è una moneta basata sull’oro, ma una moneta d’oro. Mentre queste nazioni continuano ad acquisire tonnellate d’oro, gli Stati Uniti continuano ad acquisire miliardi e miliardi di debiti. Quale scenario è sostenibile?


Mentre queste nazioni continuano a costruire i loro sistemi commerciali, aggirando la valuta di riserva mondiale, come gli Stati Uniti faranno i conti con questa nuova realtà? Il governo degli Stati Uniti si comporta come il suddetto cugino ubriacone.


Perché le nazioni BRICS, responsabili di una parte significativa del PIL mondiale, continuano ad accettare il trattamento degli Stati Uniti? La belligeranza di Casa Bianca e Pentagono, a nome della NATO, ha creato una frattura globale.


Gli Stati Uniti sono al verde e non possono ripagare il loro debito, possono solo molestare le altre nazioni, rubargli l’oro e bombardare chi non si allinea. Russia e Cina sono abbastanza grandi, ricche e forti da tener testa agli Stati Uniti.


Svolgono in silenzio le loro attività, fanno affari, mentre gli Stati Uniti hanno sempre fatto guerra a chiunque e a tutti. Gli Stati Uniti ora puntano su queste due potenze, che non sono Siria, Libia, Iraq o qualsiasi altra piccola nazione vittima del bullismo di tali guerrafondai. Questa volta sarà diverso e la regola d’oro vale ancora, chi ha l’oro detta le regole. Cina e Russia hanno l’oro, gli Stati Uniti hanno il debito.


Fonte:https://aurorasito.wordpress.com/2017/04/06/la-vera-ragione-per-cui-gli-usa-accusano-la-russia-di-tutto-loro/


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I più letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext