ARCHIVIO - CIBO

1992 VITTORIO MESSORI

Parlo con un anglicano e il discorso cade sulla proverbiale «ipocrisia» britannica e, in generale, dei Paesi protestanti. «Sì -ammette- qualcosa di vero c'è.


E per la ragione già vista dal nostro Oscar Wilde: la coscienza protestante non ci impedisce di peccare. Ci impedisce solo di goderci il peccato».



Mi viene in mente Léo Moulin, lo studioso belga autore, tra l'altro, di una storia cultural - religiosa della gastronomia, convinto com'è che l'arte della cucina, alla pari di ogni altra arte, sia una spia dell'inconscio dei popoli. Mi diceva: «La gastronomia della Polonia cattolica è ottima. Quella della confinante Germania Orientale, luterana, è pessima. Come mai, visto che clima e materie prime sono uguali per polacchi e tedeschi? Ma ovunque nel mondo la cucina dei cattolici è migliore di quella dei protestanti ed è assai più importante nella loro vita.



Quando mai si vede gente a tavola nei film western? Non c'è invece film italiano, francese, spagnolo o anche sudamericano che prima o poi non finisca in trattoria. Nei film anglosassoni non c'è che il "pub" o il "saloon", la gente beve e non mangia, se non qualche volta carne e fagioli e barbarie del genere, ingollate in fretta. L'Inghilterra, l'America protestante ci hanno dato molte cose, ma non una gastronomia».


Non era Oscar Wilde a dire che l'inferno «è un posto dove il cuoco è un inglese»?



Per Moulin, la spiegazione dell'enigma è «religiosa»: «Il fatto è che il protestantesimo ha compresso nell'uomo la "joie de vivre":


 il credente è solitario davanti a Dio, deve assumere tutta intera la responsabilità delle sue azioni, compresa quella dell'abbandono alla ‘concupiscenza' peccaminosa del cibo. Il cattolico è più libero, è meno complessato, perché sa che, ad aiutarlo, c'è tutta una rete di mediazioni culturali ed ecclesiali. C'è, soprattutto, la confessione, con il suo perdono liberante.


La tragedia del protestantesimo è che cala sull'uomo una cappa insopportabile. Dicendogli: ‘Salvarti è solo affar tuo, sbrigatela da solo con Dio', l'uomo si schianta sotto il peso terribile, oppure è costretto a fingere, anche con se stesso, una virtù che non può praticare. Da qui la famosa ipocrisia».



Tra i luoghi comuni della cultura "liberal" che sembra ormai egemone anche da noi, c'è il rammarico che l'Italia non abbia conosciuto la Riforma. A sentire questi ‘illuminati', l'origine di tutti i nostri mali sta nel fatto che apatia del popolo e vigilanza occhiuta della Chiesa abbiano impedito ai Lutero e ai Calvino di tracimare a sud delle Alpi.


Si lamentino pure, ma sappiano che, sedendosi a tavola per gustare una cenetta all'italiana, hanno un debito verso il cattolicesimo. Altrimenti, mangerebbero "pudding" o "hamburger" o, come massima leccornia -da giorno di festa- pollo e patatine fritte: parola di storico (agnostico) della gastronomia...


tratto da: Vittorio MESSORI, Pensare la storia. Una lettura cattolica dell'avventura umana, Paoline, Milano 1992, p. 167s.


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I più letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext