IL PARTITO DELLA BELLEZZA

ANTONIO SOCCI ANTONIOSOCCI.COM http://247.libero.it/bfocus/491980/0/

IL PARTITO DELLA BELLEZZA


Dopo i recenti e ripetuti terremoti nel Centro Italia, ecco che arrivano le alluvioni in Piemonte, Liguria e Sicilia.


E così, dopo le recriminazioni sulla fragilità  edilizia dei nostri borghi e delle nostre case, siamo ora a lamentare il solito dissesto idrogeologico, anche se è incoraggiante constatare che alcuni dei lavori di prevenzione fatti in questi decenni sono risultati efficaci per limitare, in parte, i danni.


Del resto siamo nel 50° anniversario dell'alluvione di Firenze e - pur con tutta la fastidiosa retorica delle celebrazioni - la ricorrenza, che di nuovo ci ha messo davanti alle immagini di Santa Croce e della Biblioteca Nazionale nel fango, ci ha ricordato due cose vitali.


La prima: questi disastri (alluvioni, frane, dissesti e terremoti) sono periodici, appuntamenti fissi e purtroppo certi, perciò spendere in prevenzione - oltre a scongiurare perdite di vite umane – significa in realtà risparmiare su costi economici sicuri che altrimenti sarebbero astronomici.


La seconda: tali periodiche catastrofi si abbattono sul Paese più bello del mondo che è un'immensa gioielleria, quindi - oltre ai morti che sono la tragedia più grande e oltre ai costi economici - c'è un altro incalcolabile danno che va considerato: lo scempio della nostra bellezza nazionale, della nostra ricchezza spirituale, della nostra identià , del nostro passato, dunque del nostro futuro.


I-TAL-YA


Anche questo si può quantificare in termini economici perchè la cultura e il turismo, in un Paese come il nostro, sono - o dovrebbero essere - le nostre risorse più grandi, il nostro "petrolio", la nostra più forte "industria", come si sente dire spesso (a parole).


Ma la bellezza del nostro paese, i paesaggi, le cattedrali, le opere d'arte, i borghi, la cultura sono anzitutto un capitale spirituale che non è calcolabile economicamente perchè "la nostra anima", ci rende unici nel mondo e unici nella storia umana.


L'Italia è veramente - come recita una splendida “traduzion e- dall'ebraico di I-Tal-Ya è "l'Isola della rugiada divina" (il bellissimo titolo del portale ebraico in lingua italiana).


E' un Paese dove tutto è bellezza. Sono come la Cappella degli Scrovegni o Piazza del Campo anche le campagne dove non si distingue il genio creatore di Dio da quello degli uomini.


Fernand Braudel ha scritto che quella toscana è "la più commovente campagna che esista". Ed Henri Desplanques: "La campagna toscana è stata costruita come un'opera d'arte"¦ "Questa gente si è costruita i suoi paesaggi rurali come se non avesse altra preoccupazione che la bellezza".


Nel suo visionario "Viaggio in Italia", Guido Ceronetti scriveva: "Che cos'altro si può essere in un paese come questo se non disperatamente conservatori?".


E' curioso che sia un artista a usare questa parola che è tabù nel linguaggio politico.


In Italia nessuno si è mai definito "conservatore". E invece è venuto il momento di fare, di questa parola, una bandiera, un manifesto intellettuale e morale.


Ci vorrebbe una sorta di "partito della bellezza" come quello vagheggiato a volte da Vittorio Sgarbi, ma non un (solo) partito: un trans-partito che li attraversi tutti. Un partito della memoria e della speranza, dell'amore per le nostre radici, per la nostra terra, per i nostri padri e i nostri figli. Questo sì  che sarebbe il vero "partito della nazione" di cui si sente il bisogno.


Ceronetti compila un vertiginoso repertorio di ciò che bisogna conservare:


C'è solo da conservare: pietre animali fiori erbe colline angoli profili muri volte voltoni logge giardini tombe statue pitture finestre orti umidità  stalattiti palme ulivi lecci salici ombre luci stagioni libri metope stucchi tavolini cassapanche mestieri proverbi linguaggi cucina utensili fogli di lettera cartoline stazioni, costringendo le istituzioni a servire principalmente a questo disperato scopo, impegnando una lotta assurda e fantastica contro il Tempo e la Necessità . Per una ventina, una trentina d'anni...........


Sono parole scritte da un artista quasi quarant'anni fa, ma, paradossalmente, mostrano una clamorosa attualità  politica.


Se ne dovrebbe fare una vera e propria bandiera di governo.


UN GRANDE PIANO


Nelle scorse settimane, dopo il terremoto ad Amatrice e quello a Norcia, molto inchiostro è  scorso sui giornali: si sono scoperti i borghi italiani e la bellissima civiltà  appenninica, si sono fatti appelli perchè venga salvata.


E si è cominciato a parlare di un piano del governo per la "messa in sicurezza" del Paese che poi è andato, ovviamente, a scontrarsi con i soliti tecnocrati di Bruxelles e non si sa bene dove sia finito.


Pare che abbia fatto dei passi avanti, ma tutto in tono minore, fra i finanziamenti post-terremoto e le beghe delle burocrazie nazionali e sovrannazionali.


Invece occorrerebbe fare le cose in grande, progettare un piano decennale, farne la bandiera politica di tutto un parlamento, mettere sul tavolo grandi investimenti (non solo pubblici).Un po' quello che sta facendo Donald Trump negli Stati Uniti annunciando (insieme a un drastico abbassamento della tasse) quel mega-investimento sulle infrastrutture che - fra lâ'altro - oltre a modernizzare il suo Paese - produrrà  un fiume di nuovi posti di lavoro (in America, non in Cina), aumento dei redditi e degli utili, sviluppo sano legato all'economia reale e non più alla fuffa inquietante delle bolle finanziarie.


E' il rovesciamento della globalizzazione come l'abbiamo conosciuta dall'epoca clintoniana, che era basata sulla finanziarizzazione, sulle speculazioni, sulla delocalizzazione che ha impoverito tutto l'Occidente, sui capitali senza nazione e le nazioni senza più lavoro, senza più identità  e senza più sovranità .


Una globalizzazione che ha considerato i popoli come le merci, intercambiabili e trasferibili, senza storia, senza anima e senza radici.


Ora si cambia. E  la rivincita dell'economia reale e delle nazioni. In fondo lo sappiamo già  dal Novecento di Keynes che per far ripartire l'economia la ricetta è questa (sia pure corretta con meno statalismo e meno tasse).


E anche in Italia - insieme agli investimenti sulla "conservazione" - potrebbero esserci quelli per le infrastrutture (ad esempio la banda larga), così da coniugare insieme il passato e il futuro, come in tante nostre città dove gotico e barocco convivono e dialogano meravigliosamente.


Ma la sorgente di una simile politica può essere solo un amore viscerale per questo Paese (non lo spirito di fazione).


Occorre una disperata e ostinata volontà di "conservare" quell'immensa eredità che abbiamo ricevuto.


"DIFENDI, CONSERVA, PREGA"


E'  singolare peraltro ritrovare il medesimo accento - e il medesimo verbo "conservare"in un altro autore che avvertiva e soffriva il "genocidio culturale" del nostro Paese, della nostra civiltà  contadina e cristiana, in modo tutto speciale: Pier Paolo Pasolini.


Nella sua ultima poesia in friulano, nel 1975, si rivolge a un giovane di destra (in quegli anni era uno scandalo per un intellettuale di sinistra), immaginandolo ignaro di politica: "(tu) cerchi solo di difendere il latino e il greco contro di me, non sapendo quanto io ami il latino e il greco e i capelli corti".


Poi gli rivolge "un discorso che sembra un testamento" anche se "io non mi faccio illusioni su di te".


Quello di Pasolini è un accorato appello: "Difendi i paletti di gelso, di ontano..........muori di amore per le vigne. Per i fichi negli orti. I ceppi, gli stecchi. Difendi i campi tra il paese e la campagna, con le loro pannocchie, le vasche del letame abbandonato. Difendi il prato. I casali somigliano a Chiese: godi di questa idea, tienila nel cuore. La confidenza col sole e con la pioggia, lo sai, è sapienza santa. Difendi, conserva, prega!.


Ecco quel verbo "conserva" (insieme a difendi e prega). Ecco quanto è antico il grido di una sacrosanta "conservazione".


Perchè questa "isola della rugiada divina" non diventi un deserto di rovine pieno dei rottami della nostra futilità  e della nostra idiozia.

.

Antonio Socci

Da Libero, 26 novembre 2016


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I più letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext