» Home  »  Articoli  »  CENTAURA IX

CENTAURA IX

MARCELLO VENEZIANI

CENTAURA


XLI
Siamo figli di catene infinite di morti
e ne portiamo i segni, il richiamo e la sorte.



XLII
Vivono smorti di fumo e di corpi.
Non menti animate ma carni affumicate.

 XLIII
Il molteplice è l’affanno delle cose mortali
corrose e proliferate dal tempo.
Ogni accumulazione nasce da una perdita,
tanti per compensare Uno.

XLIV
La bellezza è la gloria del mondo
cantata dalla luce,
che non è di questo mondo.
Vela il suo splendore
la nostalgia dell’invisibile.




XLV
I fanatici impongono le risposte
i cinici annientano le domande.
Da opposti pianti cresce il deserto.


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I più letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext