Quando il denaro muore

Di Francesco Simoncelli , il 26 agosto 2016 http://www.rischiocalcolato.it/ di Gary North

È raro che il denaro possa morire, ma di tanto in tanto accade. È morto in Germania e Austria nel 1921-1923. È morto in Ungheria dopo la seconda guerra mondiale. È morto in Zimbabwe nel 2008-9, quando il resto del mondo era in recessione.


Ecco un caso famoso:


Or in tutto il paese non c’era pane, perché la carestia era gravissima; il paese d’Egitto e il paese di Canaan languivano a motivo della carestia. Giuseppe ammassò tutto il danaro che si trovava nel paese d’Egitto e nel paese di Canaan, come prezzo del grano che si comprava; e Giuseppe portò questo danaro nella casa di Faraone. E quando il danaro fu esaurito nel paese d’Egitto e nel paese di Canaan, tutti gli Egiziani vennero a Giuseppe e dissero: “Dacci del pane! Perché dovremmo morire in tua presenza? giacché il danaro è finito”. E Giuseppe disse: “Date il vostro bestiame; e io vi darò del pane in cambio del vostro bestiame, se non avete più danaro”. E quelli menarono a Giuseppe il loro bestiame; e Giuseppe diede loro del pane in cambio dei loro cavalli, dei loro greggi di pecore, delle loro mandrie di buoi e dei loro asini. Così fornì loro del pane per quell’anno, in cambio di tutto il loro bestiame. Passato quell’anno, tornarono a lui l’anno seguente, e gli dissero: “Noi non celeremo al mio signore che, il danaro essendo esaurito e le mandrie del nostro bestiame essendo passate al mio signore, nulla più resta che il mio signore possa prendere, tranne i nostri corpi e le nostre terre.  (Gen. 47:13-18)


La vecchia moneta in Egitto era morta. Era stata sostituita da un’altra: il grano. Aveva i tratti caratteristici del denaro. Era divisibile, portabile, facilmente riconoscibile e aveva un alto valore di mercato in relazione al volume e al peso. In tempi normali, il grano deficitava di queste quattro caratteristiche. Ma durante una carestia, le acquisiva temporaneamente. Questo è il motivo per cui, durante le carestie, il grano è denaro. Questo è il motivo per cui coloro che lo possiedono diventano ricchi, ammesso che non vengano uccisi.


“Non puoi mangiare l’oro.” È una frase che solevo sentire da una persona che ridicolizzava il gold standard. Ma questo non è un buon argomento contro l’oro. Si tratta di un argomento a favore del cibo. Non solo non si può mangiare l’oro, non si può mangiare neanche il denaro di carta e le carte di credito in plastica. Quando il cibo è scarso, il denaro non ha più valore rispetto al cibo. Il denaro non può sostenere la vita, il cibo sì invece. Le previsioni degli egiziani erano inesatte. Avevano conservato il loro denaro piuttosto che acquistare cibo la stagione precedente e metterlo da parte. Le previsioni di Giuseppe erano esatte. Questo lo mise a capo del futuro dell’Egitto

.

Ma cosa sarebbe successo se gli egiziani avessero sentito parlare del sogno e dell’interpretazione di Giuseppe? Che cosa sarebbe successo se tutti avessero creduto alla sua storia? Il denaro sarebbe morto l’anno precedente. Se tutti fossero corsi ad acquistare il raccolto, avrebbero scoperto che le loro offerte competitive avrebbero fatto salire il prezzo del grano. Questo aumento dei prezzi non sarebbe stato così marcato come quello dell’anno seguente, quando ci sarebbe stata una drastica riduzione dell’offerta di grano, ma sarebbe stata sufficiente a trasformare il grano in denaro.


PICCO DEL MERCATO

Questo dovrebbe metterci in guardia: non tutti possono uscire da un mercato al suo picco. Il motivo: oggi la quantità offerta per la vendita al prezzo di ieri, supera la quantità domandata al prezzo di ieri. Se i venditori vogliono tirarsene fuori, devono vendere ad un prezzo inferiore a quello di ieri. Se tutti vogliono tirarsene fuori oggi e nessuno vuole comprare, il prezzo scende a zero. Il mercato cessa di esistere.


Visto che è raro che noi possiamo vedere il futuro nello stesso modo contemporaneamente, i mercati non scendono a zero molto spesso. Ma nel passaggio biblico, abbiamo un caso in cui un gran numero di persone vede il futuro nello stesso modo contemporaneamente. Tutti hanno cercato di uscire dal vecchio mercato — il mercato del denaro — nello stesso momento. Così, il vecchio denaro è morto. Quello che era stato denaro l’anno precedente, ha cessato d’esserlo.


Quando avvengono eventi come questi, cambiamenti sociali senza precedenti sono all’ordine del giorno. Quando cala il valore del denaro, cala anche il precedente consenso sociale. Il valore del denaro si basa sul consenso. La popolazione prevede normalmente il futuro in questo modo: “Domani sarà più o meno come oggi.” La maggior parte delle volte tale previsione è corretta. Ma quando non lo è, i membri della società scoprono che i loro sogni e progetti svaniscono. Cercano qualcuno da incolpare. Se incolpano loro stessi, sono maturi per il pentimento. Se incolpano i loro leader, la società è matura per una rivoluzione.


Prendete in considerazione gli anni ’20. Gli “anni ruggenti” ruggivano di fiducia nelle nazioni alleate vittoriose. La gente aveva fiducia nelle interpretazioni di Freud per giustificare la loro infedeltà sessuale. Sognavano di diventare ricchi grazie ad un mercato azionario perennemente in ascesa. Poche persone guardavano con fascino la Germania e l’Austria che avevano distrutto le loro valute in un’ondata d’inflazione, 1920-1923. Ma poi tutto tornò alla normalità in entrambe le nazioni, e il boom dei prestiti passò dalle economie alleate a quelle sconfitte.


Negli Stati Uniti Darwin regnava sovrano dopo l’umiliazione del fondamentalismo nel processo di Scopes nel 1925 e la morte, cinque giorni dopo, di William Jennings Bryan. Sembrava che fosse iniziata una nuova era, un’epoca di illuminismo laico, tecnologia miracolosa e crescita economica. Liberati dalla “vecchia superstizione,” gli uomini mangiavano, bevevano ed erano allegri. “Venite, io prenderò vino e ci ubriacheremo di bevande inebrianti; domani sarà come oggi, ce n’è una riserva molto grande.” (Isaia 56:12)


Il sogno è finito in modo miserevole: la Grande Depressione, l’ascesa di Hitler, l’ascesa dello stato sociale e la seconda guerra mondiale. È stato proclamato un nuovo dio: il dio della pianificazione centrale. Questo dio è stato adorato da un manipolo di discepoli sin dal 1880, ma ora sarebbe stato posto sul trono, in tutto il mondo. Gli uomini proclamarono la saggezza delle élite scientifiche, le quali avrebbero usato la forza per ridistribuire la ricchezza del mondo. Ci sarebbe stata ricchezza per tutti.

Nel 1929 tutti non potevano tirarsi fuori contemporaneamente dal mercato azionario. Molti hanno cercato di farlo ad ottobre. Il mercato era stato in forte espansione a partire dalla fine della recessione nel 1921. Nel 1929 le persone avevano dimenticato che esistono i cicli economici nella vita. Nel 1931 la casa editrice Viking pubblicò una piccola antologia delle previsioni ottimistiche riguardanti l’economia e il mercato. Il libro aveva un titolo tipicamente americano, Oh, Yeah? Nel 1931 il peggio doveva ancora venire.


Nel 1929 il mercato aveva raggiunto il picco: nelle azioni e nella più antica tradizione americana dell’individualismo. Naturalmente questa tradizione è stata sotto attacco sin dalla Guerra Civile (1861-1865). In Gran Bretagna è stata sotta attacco sin dal 1870. In Germania l’individualismo non aveva alcuna tradizione. Nel 1929 lo stato sociale stava per diventare la nuova ideologia. Lo stato avrebbe presto usato la coercizione su una scala senza precedenti per “salvare il capitalismo da sé stesso”, come recitava lo slogan.


Quando gli uomini di una certa intelligenza proclamano che l’unica salvezza dell’uomo autonomo sarà sempre a sua disposizione, dirigetevi verso le uscite. Il mercato si sta avvicinando ad un nuovo picco.


È INIZIATO TUTTO NEL 1694

Nel 1694 il governo britannico concesse l’atto costitutivo ad una banca di proprietà privata, affinché servisse la nazione come banca centrale: la Banca d’Inghilterra. Questa istituzione di proprietà privata avrebbe avuto in possesso la sovranità politica riservata di norma al governo civile: il diritto di creare denaro. Questa istituzione è stata unica nella storia occidentale. Avrebbe avuto il diritto di emettere moneta e credito sulla base di riserve di debito pubblico. La Banca d’Inghilterra divenne il modello per tutte le banche centrali del futuro.


In un primo momento è stata l’unica. Si era guadagnata la sua autorità sul denaro per mezzo di una promessa: comprare il debito del governo britannico. La banca promise di fare in modo che ci fosse sempre stato un mercato per i titoli di stato britannici. In cambio, la banca avrebbe avuto autorità sull’emissione del credito. Era un accordo comodo e molto redditizio per il gruppo chiuso di investitori della banca.


In questo secolo, il modello della Banca d’Inghilterra si è diffuso in ogni nazione industriale e nella maggior parte delle altre. Ogni nazione ha la sua banca centrale presumibilmente indipendente. La giustificazione di questa indipendenza è che i banchieri centrali non saranno tentati di soddisfare quei politici che richiederanno l’inflazionamento della moneta. C’è un grosso problema con questo argomento: le banche centrali e le banche commerciali traggono profitto dall’emissione di moneta fiat. Il XX secolo è stato il secolo dell’inflazione. È stato il secolo del settore bancario centrale.


L’OBIETTIVO DEL NWO: UNA MONETA UNICA

Il Nuovo Ordine Mondiale ha sempre voluto una moneta centrale. È fondamentale per uno stato centrale.


L’euro è il meglio che potevano ottenere. Questo non fa ben sperare per il NWO.


La zona Euro ha una moneta unica. Le nazioni della zona Euro hanno deciso di raccogliere le tasse in euro.


In teoria, l’euro potrebbe essere legato all’oro. La Banca Centrale Europea potrebbe quindi stabilire una completa convertibilità dell’euro in oro ad un rapporto fisso. “Portate X euro alla vostra banca locale e otterrete un certo ammontare d’oro.” Altre banche centrali potrebbero fare lo stesso.


Ma i banchieri centrali non vogliono una cosa del genere. Nemmeno i governi civili. Un gold coin standard riduce l’autorità dei banchieri e dei politici nel creare soldi e spenderli senza dover prima ricevere nuovi depositi (banche) o aumentare le tasse. Un gold coin standard li costringe ad uscire dal business della creazione di moneta. Non possono più manipolare l’economia attraverso la creazione di denaro fiat. Questo riduce il loro potere, o, come preferiscono definirla loro, la loro flessibilità. Banchieri e stati è come se fossero incatenati da manette d’oro, e soffrono profondamente per questa restrizione.


Ciò che vogliono i banchieri centrali è flessibilità e stabilità allo stesso tempo. Vogliono controllare l’offerta di moneta nazionale, ma vogliono che le loro valute rimangano in circolazione ad un rapporto fisso con le altre. Preferiscono sempre inflazionare, ma non possono essere tutti d’accordo sul tasso d’inflazione adeguato. Vogliono essere come Dio, creare ricchezza con il potere fiat della loro parola collettiva. Ma i banchieri centrali hanno un problema: non si fidano degli altri banchieri centrali. Inoltre, non si fidano dei politici. E i politici non si fidano di loro.


Nella preparazione del trattato di Maastricht, i team di programmatori delle banche commerciali avevano un compito impossibile: creare un programma sui tassi di cambio che avesse consentito alle banche di operare come se avessero avuto una sola valuta quando invece ce n’erano 17.


I governi europei hanno un programma: creare la prima fase di un unico ordine mondiale. Secondo loro non troveranno resistenza. Un sistema con una moneta unica è il marchio della nuova sovranità politica inter-europea. Nulla ritarderà l’arrivo di questo nuovo agente sovrano. Se i codici di computer non lo permetteranno, allora tanto peggio per i codici di computer.


L’arroganza dell’uomo è alle stelle. Sin dalla torre di Babele, non s’era più vista un tale sovrastima della capacità dell’uomo. I risultati saranno simili. La torre di Bruxelles non verrà finita.


POLITEISMO E DIVISIONE DEL LAVORO

Siamo arrivati ​​ad un punto particolarmente vulnerabile nella storia. Credo che sia il punto più vulnerabile nella storia dell’uomo. L’uomo oggi crede nell’uomo. Sebbene gli occidentali riconoscano l’importanza della religione come cemento sociale che mantiene i cittadini obbedienti, non riconoscono l’autorità della legge di Dio. Non esiste alcun quadro morale, perché non esiste alcun quadro teologico. Non c’è altro dio se non quello della pianificazione centrale.


La società ha adottato alcune regole economiche, ma sono pragmatiche. Non hanno radici né nella teologia né nella metafisica. Il darwinismo ha verniciato il regno del soprannaturale con vernice rossa e poi ha dato occhiali da sole rossi a tutti coloro che frequentano le scuole pubbliche, le strutture d’intrattenimento e quasi tutti gli istituti d’istruzione superiore accreditati. “Non vedete niente, vero? Certo che no.”


Questo ha portato la società a finire in trappola. Abbiamo fatto affidamento su esperti affinché inquadrassero le questioni morali, ma lo hanno fatto usando il darwinismo. Abbiamo creduto che l’economia fosse moralmente neutra — una questione di pragmatismo — ciononostante l’unica moralità accettata dagli economisti di libero mercato è il vangelo dell’efficienza del mercato. L’efficienza è il dio trionfale del nostro tempo, soprattutto ora che il dio della proprietà socialista è andato in bancarotta.

Ma, per parafrasare la madre di Forrest Gump, efficienza è chi efficienza fa. L’efficienza sotto una serie di condizioni potrebbe non essere efficienza sotto un’altra serie di condizioni. Ciò che ha funzionato ieri potrebbe non funzionare domani. Questa è la legge del darwinismo — l’unica legge del darwinismo. Vi è sempre la possibilità di un gene mutante casuale, o un cambiamento nell’ambiente. Cambiate l’ambiente e cambierete l’equilibrio della natura. Una nuova specie potrebbe rivelarsi capace di sopravvivere in questo nuovo ambiente.


I darwinisti sociali sono alla ricerca di un fattore mutante casuale? Uno è stato pianificato: il Millennium Bug. Cercano la prova di un contesto mutato? Sembra che uno sia imminente: il crollo del sistema bancario a riserva frazionaria. Le regole del gioco — la concorrenza — stanno per cambiare. Com’è vero che le regole sono cambiate per la Torre di Babele, cambieranno anche quelle dell’efficienza economica nel futuro prossimo.


UN MONITO NEL 1942

Wilhelm Röpke non è stato l’economista di libero mercato più tecnico del nostro tempo, ma è stato il più preciso. È stato quell’economista di libero mercato che senza mezzi termini ha affermato che la teoria sociale è più ampia della teoria economica. L’economia è un sottoinsieme della teoria sociale, non il contrario. Röpke ha speso una grande quantità di tempo a riflettere sui fondamenti morali dell’ordine sociale moderno.


La Ricchezza delle Nazioni (1776) di Adam Smith inizia con una descrizione della produzione di uno spillo da parte di un artigiano. Un tale uomo poteva produrre una dozzina di spilli al giorno. Ma con le macchine, un gruppo di uomini poteva produrre migliaia di spilli. La differenza è la divisione del lavoro.


La divisione del lavoro ha reso l’Occidente la società più ricca nella storia dell’uomo. Ma per raggiungere questa ricchezza, disse Röpke, abbiamo ceduto la nostra vita al buon giudizio degli altri. Scrisse questo monito nel 1942. Viveva in Svizzera. Era un uomo segnato. I suoi libri erano stati soppressi dai nazisti. Se i nazisti avessero invaso e sconfitto le forze di difesa svizzere, probabilmente lui non sarebbe sopravvissuto. Nel frattempo, la divisione del lavoro era stata interrotta dalla guerra. La divisione del lavoro s’era ristretta. Questo mise in pericolo lo stile di vita delle persone.


Iniziò la sua analisi con la società. “Abbiamo visto che un rapporto economico serrato, che coinvolge una vasta scala di divisione del lavoro e un alto grado di dipendenza reciproca degli individui, è possibile solo in una serie di condizioni, tutte rientranti nell’integrazione ‘socio-politica.’ È quest’ultima che, in ultima istanza, fissa i limiti dell’integrazione economica. Ci dev’essere una struttura di istituzioni e un forte ordinamento giuridico, e dietro di essi, ci dev’essere un codice di norme osservato e principi di comportamento morali.” Questo non è un problema tecnico; si tratta di una questione morale. La divisione del lavoro non sarebbe aumentata in Occidente senza un ordine sociale e morale.

È l’ordine morale e legale che ci protegge. “In questo modo, è possibile avere una società in cui tutti i membri possono sentirsi riparati in un’atmosfera di reciproca fiducia, sicurezza e continuità. Solo in questo modo è possibile ridurre e rendere sopportabile gli enormi rischi di un alto grado di dipendenza, inevitabilmente connesso con la divisione del lavoro.” (p. 72) Cosa voleva dire con “enormi rischi”? Questi sono i rischi dell’interdipendenza. Se il quadro giuridico che sostiene il libero mercato dovesse fallire, la vita degli uomini sarebbe a rischio.


IL CIECO CHE ACCOMPAGNA UN ALTRO CIECO


Gli uomini hanno delegato ad altri il compito di produrre le merci che sostengono la vita. Questi altri hanno a loro volta delegato gran parte dei loro compiti alle macchine. Pochissime persone possono capire i linguaggi che fanno funzionare i computer.


Ora l’uomo considera sé stesso come un colosso che cammina a grandi passi attraverso la storia. Ma è dipendente. È totalmente dipendente dalle informazioni, soprattutto quelle riguardanti i prezzi. Se le informazioni sui prezzi spariranno all’improvviso, che cosa accadrà? Sarà cieco. E il rumore che lo circonderà lo renderà anche sordo.


Quel rumore possiamo immaginarlo. Quando gli assegni non saranno scritti in modo corretto, quando non ci si potrà fidare dei bonifici bancari, quando i comandi non potranno più essere eseguiti non appena verranno emessi, ognuno alzerà la cornetta del proprio telefono per chiamare qualcuno responsabile del proprio conto.


Tutto ciò che si acquista è espresso in denaro. Un prezzo è il prodotto di miliardi di offerte d’acquisto in competizione. Queste offerte d’acquisto ci danno informazioni sul valore di quasi tutto. La gamma dei prezzi per tutti i componenti di un’intera civiltà si basa sul sistema bancario a riserva frazionaria. Che cosa succede se c’è una corsa agli sportelli delle banche?


Il prezzo di ogni elemento che si compra cambierà drasticamente. Cadrà come una pietra, forse a zero, se lo stato si rifiuterà d’intervenire. Ma se né lo stato né la banca centrale creeranno cartamoneta per soddisfare la domanda di contanti, allora i prezzi saliranno alle stelle, almeno per un certo periodo di tempo. La cartamoneta non è la risposta. Come potete comprare qualcosa con i soldi di carta, se è necessario spedirli per posta? Non potete fidarvi del destinatario. Torniamo, quindi, al monito di Röpke sull’ordine morale e la divisione del lavoro. È possibile acquistare oltre i confini nazionali, o regionali, solo perché il destinatario si fida che la vostra banca onorerà il vostro pagamento. Cosa accade se la banca è vuota?


Se avviene una cosa del genere, e se non potete acquistare un oggetto guardando in faccia il venditore, allora non avrete alcun modo per acquistarlo. Né potrà farlo chiunque altro. Il castello di carte crollerà. La base di questo castello di carte è l’ordine morale e legale. Il secondo piano è il sistema dei prezzi e tutte le informazioni che esso trasmette. Questo castello di carte supporta l’intero ordine sociale. La sua costruzione è iniziata nel 1913 (Federal Reserve System).

“Quanto vale per te?” Questa domanda apparentemente innocua mantiene vivo il mondo di oggi.


Di norma siamo in grado di fornire risposte rapide. Guardiamo il cartellino del prezzo, prendiamo in considerazione la nostra situazione finanziaria e diciamo: “Non tanto quanto mi stai chiedendo.” Prendiamo decisioni, di giorno in giorno, perché abbiamo una buona idea di quanto possa valere quello che ci viene offerto in vendita. Questa storia finirà in un’economia dell’Alzheimer.


“Quanto vale per voi?” Questo è ciò che chiese Giuseppe al popolo d’Egitto. La risposta fu semplice: la loro stessa vita, la loro libertà. Si vendettero in schiavitù al faraone.


IO, LA MATITA

Nel 1957 Leonard E. Read scrisse quello che è diventato un classico, “Io, la matita.” Che strumento meraviglioso è la matita. Read non aveva idea di come fosse fatta una matita, e questo fatto lo colpì. Parlò con un uomo che era a capo della produzione di matite. Nemmeno quest’ultimo sapeva come fossero fatte. La sua azienda acquistava tutti i componenti, ma non aveva idea di come fossero prodotti. Read si spinse oltre. Qualcuno sapeva come fossero fatte le macchine che creavano quei componenti? E le macchine che facevano le macchine? Conclusione: nessuno sa come fare una matita. Nessuno sa come fare una matita, ma una matita è così comune da costare poco — e quasi nessuno ci fa caso.


Allora come può accadere un tale miracolo? Grazie alla divisione del lavoro e alla libertà che abbiamo di stipulare contratti l’un l’altro. Moltiplicate l’esempio di Read per tutta la gamma di alimenti che compriamo e strumenti che usiamo. Tempo fa, recandomi presso un negozio di ferramenta, ricordo di un ragazzino che chiedeva al proprio genitore di come funzionasse un televisore. La risposta: spingendo un interruttore.


Cosa accadrebbe se l’interruttore non funzionasse come previsto? Un crollo dell’Occidente. Cosa accadrebbe se solo l’1% di essi non dovesse funzionare come previsto? Su quanti interruttori facciamo affidamento per tenerci in vita e far funzionare i nostri sistemi? La cascata di fallimenti creati dal fallimento di un misero 1% potrebbe essere sufficiente ad arrestare sistemi dopo sistemi, fino al punto in cui nessun interruttore funzionerà più.


Quanto varrebbe una matita se non poteste comprarne un’altra?


CONCLUSIONE


Il libero mercato può impedire che il denaro muoia nella maggior parte degli scenari. Ma in un vero disastro — una guerra nucleare o una pandemia causata da una guerra biologica — il denaro potrebbe venire meno. La divisione del lavoro potrebbe crollare. Questo è il motivo per cui conservare gelosamente la pace è fondamentale.


Se il nostro denaro dovesse risultare inutile, allora il nostro obiettivo dovrebbe essere quello di possedere quel tipo di denaro che non sarà mai inutile. Ma mantenere la pace è fondamentale affinché il denaro possa continuare ad esistere. Tendiamo a dimenticarlo. Partiamo dal presupposto che la pace sia in qualche modo gratuita. Non lo è. Non esiste una cosa come una pace a costo zero.

[*] traduzione di Francesco Simoncelli: http://francescosimoncelli.blogspot.it/


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I più letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext