INDIMENTICABILE PROFETICO GUARESCHI - LA RABBIA (6/7)

INDIMENTICABILE PROFETICO GUARESCHI - LA RABBIA (6/7)




Involontariamente (i due registi realizzarono le due metà del film ignorando ciascuno il lavoro dell'altro) Guareschi risponde alle scene finali della parte firmata da Pasolini, contrapponendo alle professioni d'ateismo dei cosmonauti sovietici la fede ingenua delle donne di Napoli in attesa del Miracolo di San Gennaro, sottolinenando con forza l'inconciliabilità tra cristianesimo e comunismo, specchio di quella tra democrazia e dittatura. Ma da un'Unione Sovietica profeticamente mostrata - 26 anni prima della caduta del Muro di Berlino - sull'orlo del crollo, lo sguardo si sposta sulla ben più minacciosa Cina. Preparando il finale, Guareschi mostra quindi come la negazione dei valori tradizionali europei fondati sul cristianesimo e sul rispetto dell'individuo si traducano in violenza anche nei confronti della natura, e siano alla base di quella scontentezza ed angoscia da cui era partito il discorso.




Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I più letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext