LE PERLE DEL MASTINO / MADRE TERRA - I SOLDI -

https://www.facebook.com/margheritimastino

LE PERLE DEL MASTINO




"SIAMO TUTTI FIGLI DELLA MADRE TERRA".
UN TEMPO ERAVAMO "TUTTI FIGLI DI DIO".
O AL MASSIMO FIJI DE NA M***


Ormai, credo, chi doveva capire ha capito. Chi non vuole capire continua a non farlo: la verità è terrificante e non tutti sono disposti ad accettarla. Salvo i freddi, i tiepidi, quelli né carne né pesce, per i quali poco cambia, verità o no. E gli ambiziosi: per quelli contano le illusioni su se stessi, come se il loro corpo non fosse mortale e non avesse i giorni contati. Come per tutti noi.


Ma è un bene, mi diceva una cara amica cattolica fervente, che più passano le settimane, i mesi, più perde i freni inibitori, ogni sorta di prudenza e ambiguità, venendo allo scoperto (poi, tardi, ci siamo rassegnati al fatto - che ve lo ricordo: io per primo due anni fa denunciai prendendomi insulti - che i Kasper, i Galantino erano solo ventriloqui, una maschera "che dovrà pur togliersi, se non gli cade prima"), venendo allo scoperto, dicevo, e manifestandosi non solo per quel che era ed è sempre stato, ma per quel che è via via diventato, oltre.


La verità va guardata in faccia, va temuta, perché è oggettivamente pericolosa, ma anche affrontata con coraggio, perché nessuna verità... ossia nessuna menzogna è invincibile.


Incontra tutti, ossia quelli che gli aggradano, purché non abbiano niente di specificamente cattolico, basti pensare alla sgradevole accoglienza riservata ai marcianti della vita e, peggio, a quelli della famiglia, che addirittura per zampa di Galantino tentò di far boicottare.


Quindi ha incontrato questa specie di beduini e fachiri indù o che diavolo sono, e ha osato dire della:


<.


Demolition Work in progress. Un tempo ci dissero che i bambini li portava la cicogna, e alla domanda su chi l'avesse dati alla cicogna si diceva "Dio". E come fa Dio a crearli?, chiedevano i bambini incontentabili come me: "Prende un uomo e una donna e li fa innamorare, poi li fa sposare, questi si danno un bacio e Dio crea così il bambino: è figlio dell'amore".


https://www.youtube.com/watch?v=Dr1oGRuUyew&feature=youtu.be


Dopo la Cicogna, Dio, l'Amore... veniamo a sapere ora, alla nostra età, che un.... papa.... ha stabilito che al pari dei cactus, siamo "figli della Madre Terra". Terra. Che poi a ben vedere è la "divinità" pagana che venera e celebra il suo amico, altro vecchiardo latinoamericano d'origine italiana come il succitato "papa", col quale ogni domenica s'intrattiene amabilmente al telefono (intrattenersi col rosario mai?) talora facendosi scappare un'enciclica ecologia nata da simili cazzeggi post-pranzo: Leonardo Boff, ideologo della TdL.


PURCHE' NON SIANO SANTI...


Non mi dilungo sulle idiosincrasie di Bergoglio e sulle cose che lo entusiasmano, basti dire: "tutto, purché nulla di cattolico". Se così è, hai tutto il suo entusiasmo e si spende mani e piedi con tutto lo star system holliwoodiano, come un Richard Gere de noantri.


Lascio la parola a Magister, perché a me vien da ridere:


<<"Scholas Occurrentes": la rivoluzione pedagogica di Francesco


Insegnamento cattolico addio. La rete mondiale di scuole che il papa cura e promuove con grande fervore ha un paradigma educativo totalmente secolarizzato. Al posto dei santi, i divi dello spettacolo e dello sport>>


http://chiesa.espresso.repubblica.it/articolo/1351308…


L'importante, stando alla scholas asinorum suddetta, è "costruire ponti". Per scavalcare da un capo all'altro il cattolicesimo. Credo siano più sicuri se li si lascia agli architetti, i ponti, e agli ingegneri: che al contrario di Bergoglio hanno almeno studiato quello di cui blaterano.


-----------------------------



I SOLDI SONO IMPORTANTI.
MA NON SERVONO, ALLA CHIESA.

L'8X1000 AD ESEMPIO


Per carità, io sono un puritano ma non sono un moralista, sono la versione cattolica del puritano, non quella protestante: il mio rigore mortale si estende talora su me stesso (tant'è che a volte il mio problema non è il perdono di Dio, ma il mio verso me stesso), mai agli altri. E tuttavia non sono nemmeno un sentimentale, passionale ma non dai sentimenti facili. In base a tutto questo non mi fanno schifo i soldi, non li condanno, e per i ricchi ho ammirazione, quando riescono a rendere grande e magnanima la loro ricchezza invece di farne grettezza, quando spalancano le porte dei loro palazzi, agiscono nel mondo, non accumulano soltanto. Fanno civiltà del loro denaro.


Questi sono benedetti da Dio e li ammiro. Dunque, nessun problema col denaro.


Non sono sospettabile di essere un ammiratore dei lefebvriani, anzi ne sono tutto sommato un ''disprezzatore''; ma da quell'uomo che per chi lo ha conosciuto sapeva la bontà che talora rasentava l'innocenza, Lefebvre, bisogna imparare una cosa: certe volte servivano milioni per riparare un tetto, una chiesa, ma regolarmente Monsignore non aveva un franco in tasca. Non era minimamente turbato: "Tanto all'ultimo minuto arriva la Provvidenza", diceva sempre. E sempre, quando ormai era arrivato il momento di pagare, arrivava qualche donatore spuntato dal nulla.


ECCO PERCHE' non ho mai troppo creduto a quella impellenza clericale del "ci vogliono tanti soldi". Lunga la mia esperienza dentro le sacrestie per non sapere che soldi ne arrivano tanti e troppi se ne sprecano, nelle sacrestie: non è loro carisma, i preti i soldi li sperperano, non per cattiveria, ma proprio non è per loro la cosa! Non li sanno usare.


Non vedo questa emergenza del denaro, non capisco questa ansia clericale di denaro: la chiesa tedesca è la seconda impresa della nazione germanica, eppure, efficientissima nelle sue burocrazie miliardarie, è la chiesa più povera di fede sulla faccia della terra... e lo stiamo vedendo oggi, che governano Roma usando il loro grande eletto.


Per cui non vedo proprio la necessità dell'8X1000 da dare alla Chiesa. Una motivazione potrebbe essere "per non darlo allo stato", ma non il "sono cattolico, do soldi alla chiesa". No. Perché non servono. Almeno se c'è la fede: i soldi servono quando si è persa la fede. Ho visto grandi santi santificare interi popoli, mentre insieme pativano la miseria.


A tal proposito, mi piace ricordare questa frase di Carlo Carretto:



Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I pi¨ letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext