BERGOGLIO - LA COSCIENZA DIMENTICATA

https://www.facebook.com/margheritimastino/

Ma quand'è che finirà questa diuturna disgrazia di Dio?


Quando?! Un altro anno così con le pazziate e le tarantelle di questo qui non si può reggere: tutto, tutto sta mettendo in discussione, non sta lasciando illeso un solo sacramento. E questo mi spaventa:mira dritto sempre e solo ai sacramenti. Tutto il suo pontificato non è stato che questo:prendere di mira i sacramenti, facendo cadere le barriere del sacro. 


C'è qualcosa di strano, molto strano. Misterioso.


Basta: non se ne può più di questo clericalismo, di questa chiesa che crede di affrontare le sfide del futuro solo parlando di se stessa, delle sue strutture, del suo personale: di diaconesse e altre monache non ce ne dobbiamo fare nulla, ogni "vocazione" in più oggi è un problema in più, creano impicci invece che scioglierli (per questo io non prego mai e poi mai per "le vocazioni", troppe ce ne sono e a poco servono). Occorrono laici, cristiani formati. Occorrono credenti. Questi attuali sono più clericali delle gerarchie clericali: credono di essere un esercito di lobotomizzati a disposizione dei gerarchi consacrati. Ma non è così! 


Troppo si è allargato il clero in funzioni che non gli competono e spetterebbero ai battezzati, i laici, i cristiani. Il clero deve pensare solo ad amministrare i sacramenti.


OOOHIMME!!

------------------------

LA COSCIENZA DIMENTICATA


Disse il "cattolico". Fasullo come tutti i cattolici odierni. Quelli che a suo tempo scambiarono la Democrazia Cristiana per il Cristianesimo, avendo poi per risultato ultimo nient'altro che questo. Ovverossia né più né meno di quello che aveva previsto Gramsci quando parlava delle collaborazione dei cattolici con la sinistra: il suicidio del cattolico.


Una cosa questa demo-clerico-cristiani dimenticano sempre: che esiste una cosa che si chiama coscienza. La quale, a starla a sentire, è un giudice inflessibile. Ma non se ne parla più e anzi la si confonde con "faccio quel che voglio", ma questa non è coscienza, è basso ventre.


Ma del resto di che stiamo a parlare? Da una parte è stato lo stesso Vaticano a mandare i suoi emissari a barattare le unioni civili in cambio... di niente. Qualche soldo casomai.


Dall'altro le finocchiesse [uso la parola che ho sentito dire a un gay proprio oggi] che esultano non si rendono conto che è una presa pe culo sta cosa delle unioni civili, una baracconata che non serve a nulla.


Se non fosse stata pura ideologia mirante a ben altro che al futuro casalingo delle coppiette (fluide) gay, sarebbe stata persino una cosa decente. E per esserlo doveva essere un puro contratto da firmare e stop. Niente altro.


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I pi¨ letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext