Preghiere di Camillo Langone

di Camillo Langone | 18 Febbraio 2016

PREGHIERE DI CAMILLO LANGONE


Ravasi difende gli omosessualisti, Kasper chi divorzia. Non ci si stupisca se i giovani sono distanti dalla religione


Non si credano tanto originali i millenari, i nati dopo il 1982. “Dio a modo mio” (Vita e Pensiero) contiene il “più completo studio su giovani e religione mai svolto in Italia” ossia i risultati di una ricerca basata su 150 interviste (se questo è lo studio “più completo” i ricercatori degli studi meno completi si saranno limitati a intervistare i vicini di pianerottolo).


I risultati sono abbastanza malinconici ma non è che gli ipocredenti allignino solo fra i ventenni. Ha 73 anni il cardinal Ravasi che promuove su Twitter gli omosessualisti sanremesi. Ha 82 anni il cardinale Kasper che negli ultimi sinodi ha tradito Cristo promuovendo il divorzio.


L’apostasia come l’amore non ha età. Anche le motivazioni del distacco dal cristianesimo sono vecchie come il cucco, a cominciare dall’indignazione per la Chiesa corrotta, già cavallo di battaglia di Lutero.


Nemmeno l’autoreferenzialità è una novità: l’Antico Testamento pullula di stolti che si costruiscono idoli di legno, oggi gli stolti più che cliccare non sanno fare e allora si costruiscono idoli mentali ma cambia poco, sempre di idoli inutili si tratta.


Periodicamente nella storia la fede si affievolisce fin quasi a eclissarsi, solo che una volta il fenomeno anziché dai sociologi veniva affrontato, più efficacemente, dai profeti. Sorga un profeta, dunque.



Requie per Piero Buscaroli




Requie, finalmente requie per Piero Buscaroli che dall’Otto Settembre non ebbe pace, odiando il nemico, ossia il nemico della patria, fino all’ultimo giorno di vita. Uomo coltissimo, letterato finissimo, nemicissimo della specializzazione (anche in questo antimoderno) e perciò autore di pagine importanti sia di storia della nazione che di storia della musica.


Appena ho saputo della sua morte sono andato a rileggere i primi capitoli di “Dalla parte dei vinti” (Mondadori), laddove la resistenza appare “una guerra comunista contro gl’italiani”, una collezione di rappresaglie provocate ad arte, con cinismo stalinista, un pretesto per uccidere, quasi sempre a tradimento, “militari in servizio, funzionari, parroci, civili cattolici, proprietari, creditori privati e nemici personali o rivali in amore”.


“Non fu guerra civile”, scrive, semplicemente “si era aperta una voragine, l’antifascismo democratico era scomparso nei conventi e i comunisti riempirono il vuoto”. Questa ricostruzione convince anche me che all’epoca sarei stato, immagino, fra i renitenti nascosti nei conventi. Buscaroli avrebbe dovuto perdonare, o almeno avrebbe dovuto dimenticare, si sarebbe risparmiato settant’anni di veleno. Ma ci sono uomini disposti a passare per ossessionati pur di non commettere omissione: impossibile non ammirarli e non pregare per loro.



Le nomine neomatriarcali in Rai sono la dimostrazione della guerra contro la virilità




“Vile maschio dove vai?”. Mi sovviene una vecchia canzone di Rino Gaetano leggendo delle nomine neomatriarcali in Rai (Campo Dall’Orto è sordo alla parola di Cristo e non sa che “il Creatore da principio li creò maschio e femmina”).


I nomi dei nuovi direttori anzi delle nuove direttrici sono stati annunciati poco dopo la risposta di Taylor Swift a Kanye West, volgarissimo rapper che nella serata dei Grammy Awards non è stato biasimato in qualità di buzzurro, come si meritava, bensì in qualità di maschio, fra gli applausi di tanti uomini appartenenti alla tipologia prefigurata da Nietzsche in “Al di là del bene e del male”: “Rimbecilliti amici delle donne”.


La guerra contro la virilità è in pieno svolgimento e nel mio campo non vedo alcuna volontà di reazione, vedo soltanto vili maschi bramosi di alzare bandiera bianca. Che la alzino, che guardino Rai 2 e Rai 3, che se lo meritino fino in fondo il media dei passivi, la televisione.


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I più letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext