Camorra, MoVimento 5 Stelle, Quarto: Ipocrisia al Potere

Di FunnyKing , il 13 gennaio 2016

(li si contano gli “onesti” di Quarto?)


Ho osservato con un certo divertimento al polemica legata ai voti camorristici presi dal MoVimento 5 Stelle attraverso almeno uno dei suoi eletti (e sottolineo “almeno uno”) nel comune dell’Interland Napoletano di Quarto.


Il dibattito e la propaganda politica che ne è seguita non è nulla di diverso dal consueto inutile e ammuffito teatrino italiano:


  • I partiti mainstream italiani “si sono tolti il sassolino dalle scarpe” e possono a ragione dire che il MoVimento 5 stelle ha preso voti dalla Camorra
  • Il MoVimento 5 Stelle si è difeso anch’esso a ragione avendo espulso subito il consigliere indagato e poi anche Sindaco e Consiglieri rei di non avere obbedito alla disciplina di partito cioè rei di non essersi dimessi.

E tutti a discutere di inutili e insignificanti dettagli tipo:


  • I tentennamenti dei vertici M5S sulla questione
  • Il fatto che il Sindaco di Quarto “parrebbe” essere parte lesa
  • Le decine di indagati e condannati di PD – FI etc etc che se ne stanno al loro posto senza interventi dei ripettivi partiti.

Ma nessuno parla della questione fondamentale: I cittadini elettori di Quarto e se è davvero possibile eleggere una giunta a Quarto senza i voti della Camorra.


Forse non ve lo ricordate, ma il MoVimento 5 Stelle fu eletto a Quarto anche perchè tutte le altre liste dei partiti mainstream (escluso NCD)  furono escluse per palesi irregolarità.


E Forse non vi ricordate che Rosa Capuozzo fu eletta dopo una gestione commissariale dopo lo scioglimento della precedente giunta per Mafia ( o Camorra in questo caso).


Capisco che è politicamente scorretto dire certe cose tuttavia forse sarebbe il caso di discutere della vera questione, ovvero:


  1. Se a quarto esista un qualsiasi possibile consenso elettorale di cittadini che non siano essi stessi parte integrante e/o collusi con associazioni di stampo camorristico.
  2. Se a quarto sia possibile trovare abbastanza candidati per formare una lista che non siano essi stessi parte integrante e/o collusi con associazioni di stampo camorristico.

Mi spiace farlo notare, ma il muro su cui ha sbattuto la faccia il MoVimento 5 Stelle non ha nulla a che fare con carenze organizzative o modelli di selezione della classe dirigente, e neppure dai provvedimenti del vertice dell’M5s.


Il muro su cui ha sbattutto la faccia il MoVimento 5 stelle è rappresentato dalla stragrande maggioranza del Demos di Quarto.


Che fare dunque?


Delle due l’una:


  1. Abdicare ad una funzione politica etica
  2. Continuare a provare mettendo in conto altre 10-100-1000 Quarto, dicendo anche prima che arriveranno altre Quarto e stabilendo delle procedure chiare e linee guida da seguire in questi casi.

Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I pi¨ letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext