Home  »  Articoli  »  Peak Merkel

Peak Merkel

Di FunnyKing , il 10 gennaio 2016

Peak Merkel


(un po per uno in braccio alla Mamma)


Non ci voleva molto a sentenziare la fine politica di Angela Merkel (e probabilmente la perdita secca di consensi della CSU-CDU) dopo l’immensa cazzata fatta col inaudito discorsetto estivo di accoglienza ai rifugiati politici.


Vi ricordate?


Un tripudio sui nostri ridicoli media sussidiati: tutti a incensare il buonismo, la civiltà, la nuova via tedesca e dunque europea all’integrazione.


Non sono passati neanche 6 mesi e stiamo già assistendo alle macerie fumanti della politica tedesca ed europea di “accoglienza”.


Per primi hanno reagito i paesi a sovranità meno limitata, l’Ungheria, alcuni paesi della ex-jugoslavia, la Polonia e i paesi baltici. Poi i paesi nordici DOC, Svezia e Norvegia, poi la Slovenia. Infine è arrivato il bel capodanno di Colonia.


E cosa ti fa Angelona?


Un bel discorsetto alla nazione, la Germania sarà inflessibile e espellerà dal sacro suolo teutonico i “migranti” colpevoli di reati.


Domanda? Espellerà dove?

Ai confini della Germania?

Li rimanderà alle nazioni di origine?

Ai confini dell’area Euro?

Ai confini dell’Unione Europea?


Boh.


Diciamo che hai confini della Germania la vedo duretta ho il sospetto che i paesi confinanti non la vedano nella stessa maniera.


Come ho avuto modo di dire questa estate non ho la più vaga idea su quale ragionamento avesse portato la signora Merkel ad aprire le braccia della Germania ai migranti.


Forse la necessità di svecchiare la forza lavoro?


Forse un oscuro gombloddo massonico per ottenere una qualche reazione utile per qualche astruso fine?


Forse stupidità.?(la stupidità capita)


Forse un ordine “superiore”?


Ad ogni modo, la frittata tedesca è fatta, nell’anno di grazia 2015 la Germania si è imbarcata a bordo 1,1 milioni di rifugiati e migranti, una cifra enorme in grado di da sola di produrre effetti visibili immediati sulla società. E il 2016 promette anche numeri più grossi, senza contare quel piccolo problemuccio chiamato Ucraina.


Ah a proposito parrebbe sia in arrivo un bel Polar Vortex Split proprio in Europa. Ma ne parleremo più in la.


E quindi allegria, stiamo assistendo alla notte di Angela Merkel e credo anche al tramonto delle politiche di inclusione tedesche.


Bisognerà cominciare a seguire da vicino l’evoluzione del consenso politico in Germania.


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I pi¨ letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext