BERGOGLIO - FLOP

https://www.facebook.com/Antonio-Socci

I DATI DI "ITALIA OGGI" 


Papa Francesco è piuttosto scarso sui numeri. La presenza di fedeli alle manifestazioni per Papa Benedetto è stata molto più folta. 
MA NON DICEVANO CHE DOVEVAMO ACCETTARE TUTTE LE COSE CHE NON CONVINCONO PERCHE' COSI' AVVICINAVA I LONTANI?


http://www.italiaoggi.it/giornali/dettaglio_giornali.asp?preview=false&accessMode=FA&id=2044312&codiciTestate=1&sez=giornali&testo&titolo=Papa+Francesco+è%3B+piuttosto+scarso+sui+numeri


Papa Francesco è piuttosto scarso sui numeri
La presenza di fedeli alle manifestazioni per Papa Benedetto è stata molto più folta
 di Alessandra Nucci 

L'inaugurazione di un Giubileo, di norma, attira un sacco di pellegrini a Roma, con tutti i rischi e i disagi che ciò comporta. Il Giubileo 2015, indetto da un Pontefice così universalmente popolare, anche fra i non-credenti, come Papa Francesco, faceva presagire un numero di arrivi ancora più imponente del solito. Invece per l'apertura della Porta, Santa Piazza San Pietro era tutt'altro che stracolma, l'aeroporto era quasi deserto, niente congestione del traffico e dei centomila arrivi preventivati si stima ne siano arrivati la metà.

I motivi citati dalla stampa includono la preoccupazione per gli attentati terroristici, il freddo, le ristrettezze economiche, la diluizione dell'evento con la prima inaugurazione avvenuta pochi giorni prima in Africa. Ma, sebbene sia presto per giudicare l'andamento dei pellegrinaggi, che potranno aver luogo nel corso di tutto un anno, i numeri ridotti dell'inaugurazione richiamano alla mente altri dati sorprendenti di questi primi due anni e mezzo dall'ascesa al soglio del primo pontefice gesuita.


Il 26 agosto, per la centesima udienza generale di Papa Francesco, la Prefettura per la Casa Pontificia ha pubblicato i primi dati ufficiali delle presenze fino quel momento. In tutto le cento udienze avevano attirato un totale di 3.147.600 persone, che suddivise per anno davano:

- 1.548.500 presenze alle 30 udienze del 2013,

- 1.199.000 presenze alle 43 udienze del 2014,

- 400,100 presenze alle 27 udienze tenute fino al 26 agosto 2015.


La forte diminuzione nelle presenze risulta ancora più chiara se si guarda alle media delle presenze, in cui ogni anno la frequenza all'udienza generale risulta dimezzata rispetto all'anno prima: nel 2013 a ogni udienza papale furono presenti in media 51.617 persone; nel 2014 la media scese a 27.883 e nell'agosto 2015 arrivava ad appena 14,818. Ancora più basso il numero finale per la centesima udienza: poco più di10.000.


Al confronto, i dati dell'affluenza registrati sotto Benedetto XVI fanno la loro figura. Dai dati pubblicati dalla Casa Pontificia risulta che fra udienze generali, udienze particolari, liturgie ed Angelus, nei suoi otto anni da Supremo Pontefice, Josef Ratzinger abbia attirato a Roma circa 20 milioni di persone. Sono numeri che si rilevano dall'emissione di biglietti (gratuiti) e dalle stime ufficiali dell'affluenza in occasione di eventi per i quali nessun biglietto viene emesso.


Se si considera certa stampa negativa che ha guatato tutto il Pontificato di Papa Benedetto per coglierne i difetti, è significativo che le masse dei fedeli che correvano a vedere e ascoltare il «papa rotweiller» siano stati sempre ben al di sopra dei due milioni annui. I resoconti entusiasti sulla stampa di ogni parola o gesto profferito da PF facevano immaginare che il suo pontificato sarebbe stato quello della svolta nei numeri, man mano che i lontani o i tiepidi si fossero riavvicinati alla Chiesa e ai sacramenti. Ma anche in questo senso le cose finora sono andate diversamente.


Lo si constata dall'Istat ovvero dalle statistiche ufficiali dello Stato italiano, il cui ultimo sondaggio dice che la percentuale di persone che va in chiesa almeno una volta alla settimana non solo non è aumentata con Papa Francesco, ma è addirittura diminuita, fino al minimo storico del 28,8 per cento. Condotto su un campione di 24mila famiglie, per un totale di circa 54mila individui diffusi su un territorio di 850 paesotti di varie dimensioni, l'indagine dice in altre parole che poco più di una persona ogni quattro entra in una chiesa almeno una volta alla settimana. Sotto Papa Benedetto questo indice non era mai sceso sotto il 30 per cento, attenstandosi in genere intorno al 32/33 per cento.


In questa era dei due papi, non si tratta di indire un derby asincronico fra il regnante e il dimissionario, ma di domandarsi se la popolarità di questo Papa sia dovuta a un effetto mediatico, cioè al rilievo data dalla stampa alle scelte clamorose con cui Papa Bergoglio ha indirizzato le sue attenzioni a personaggi lontani, di altre religioni o che addirittura si sono distinti per delle battaglie anti-cattoliche, mentre ai politici cattolici ha riservato talvolta delle rampogne micidiali. Finché in risposta ai saluti affettuosi del Papa non vedremo entrare in Chiesa i tipi come Marco Pannella o Emma Bonino, è forse logico e fatale che i numeri dell'affluenza siano diminuiti.




Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I pi¨ letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext