Preghiera del 27/7/2012

27/7/2012 Di Camillo Langone

Beato Cristiano Cavina, davvero beato te. Beato te che fai il pizzaiolo e non frequenti ambienti editoriali e giornalistici. Beato te che dopo il battesimo cattolico hai ricevuto il battesimo romagnolo col Sangiovese e con lo stesso vino hai battezzato tuo figlio che porta il nome di tuo nonno (Giovanni) perché "niente se ne va davvero; tutto gira, e prima o poi torna indietro da te". Beato te che sei stato chierichetto e lupetto e sei oggi così cristiano, di fatto oltre che di nome, da lodare il Padre per cose che ad altri autori avrebbero ispirato lagne e bestemmie: "Non ho mai ringraziato abbastanza il Signore per avermi regalato un'infanzia irlandese: crescere in una casa senza termosifoni, fredda come la tundra siberiana, è stata una medicina prodigiosa". Beato te che ignorando l'ambizione letteraria persegui con letizia quasi francescana il tranquillo obiettivo di fissare su carta le storie della collina romagnola (poco o niente a che fare con la famosa riviera). Beato te che non hai alcun bisogno di questa mia preghierina né di altri articoli o recensioni, siccome il tuo "Romagna mia!" (Laterza) è un piccolo mondo che esiste a prescindere: beato te e beato il tuo paese.


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I più letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext