RENZI, IL VUOTO SORTO SUL VUOTO

27/8/2015 MARCELLO VENEZIANI


"L'ottimismo di Renzi si proietta nella politica e diventa il suo unico messaggio e contenuto e anche la sua unica legittimazione per governare.


Si rivolge agli italiani e baratta l'ottimismo col consenso. Oltre questa linea rosea fiorentina, con difficoltà riusciremmo a trovare un ambito culturale renziano; non c'è nessuna elaborazione ideale e intellettuale del suo pensiero, nessun pensatoio, è un fenomeno sorto sul vuoto e sul collasso di ogni altro orizzonte politico e culturale.




La stessa cosa alla fine dovrebbe dirsi delle opposizioni, del tutto separate da ogni riferimento culturale, compreso il neoberlusconismo che ha perso lungo la strada ogni residuo riferimento culturale (non sono stati sostituiti Baget Bozzo e Colletti, Pera e Martino, Melograni e Urbani, Ideazione).


È la prima volta che ciò accade e in modo così totale da comprendere forze di maggioranza e di minoranza, leader di governo e di opposizione.


Perfino il partito più pragmatico e più refrattario alla cultura che ha governato per mezzo secolo l'Italia, la Democrazia Cristiana, aveva bene o male un mondo di riferimento, la Chiesa, il Papato, la Conferenza episcopale, le parrocchie, le associazioni cattoliche, la stampa d'ispirazione cristiana." M.V.


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I più letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext