Dio non è tatuato

di Camillo Langone | 10 Agosto 2015 il foglio

Il tatuaggio è una porta aperta a Satana. Pure il piercing non scherza, ma risveglia il sadico che è in me



I tatuaggi sono come l’abbronzatura, donano alle brutte e tolgono alle belle.


Odio l’estate perché favorendo l’esposizione dei corpi mi ricorda con fastidiosa frequenza che:


1) le donne belle sono spesso stupide;


2) le ragazze cattoliche sono spesso pagane;


3) il mio sguardo è spesso colpevole.


Punto primo: rovinare per sempre una pelle candida con un pensierino momentaneo, ipotecare il futuro a 17 anni (i tatuatori esercitano grande fascino sui minorenni), considerare ribellione o comunque manifestazione della propria personalità uno dei comportamenti più ovini del nostro tempo, è prova di scarsa perspicacia.


Punto secondo: Dio è offeso dai tatuaggi che nella Bibbia sono proibiti in lungo e in largo, dal Vecchio al Nuovo Testamento. Che sedicenti cattolici possano conciarsi come cannibali del Borneo dimostra il degradarsi del cristianesimo a religione privata e autoassolutoria. Solo riferendosi a un “Vangelo secondo me” è possibile immaginarsi vegetariani e cristiani, astemi e cristiani, animalisti e cristiani, tatuati e cristiani.


Ci sono preti tatuati e i vescovi lasciano correre: anche il clero si autoassolve, il pesce puzza dalla testa, la religione fai-da-te viene predicata dai pulpiti. Per brama di piacere, per sete di applausi o timore di fischi, si benedicono invasioni e ramadan mentre ci si guarda bene dal condannare le esplicite violazioni all’esplicita legge di Dio.


Di un simile collasso educativo sono corresponsabili le famiglie, conosco solo un caso di genitore che ha minacciato (con buon esito) di diserederare la figlia qualora si fosse imbrattata indelebilmente.


Eppure è facile: ai figli tatuati si lascia soltanto la legittima mentre agli altri anche la disponibile.


Sul punto tre glisserei volentieri, la parola di Dio non ha bisogno dei miei ghirigori, solo che non sto scrivendo un’omelia bensì un articolo profano e allora mi tocca buttarla sul personale e confessare che il tatuaggio piccolo lo trovo schifosetto come una macchia di sugo sulla camicia, ma la camicia sporca poi te la cambi mentre la caviglia o il polso tatuati te li tieni sporchi per tutta la vita, zozzone che non sei altro; che il tribale sul fondoschiena mi sembra un invito all’accoppiamento more ferarum e perciò sfoggiarlo è un imbestiarsi e un imbestiare pure me che guardo e come faccio a non guardare; che i tatuaggi di grandi dimensioni, le inchiostrate mostrificanti che sequestrano buona parte dell’epidermide, mi fanno pensare all’imminente caduta della civiltà occidentale.


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I più letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext