Ama il Patrimonio tuo

di Camillo Langone | 29 Aprile 2015 IL FOGLIO

Il ministro Dario Franceschini ha offerto al Nepal “tutta la nostra disponibilità a intervenire direttamente per il recupero e il restauro del patrimonio artistico”.


Il giornalista Paolo Conti sul Corriere ha plaudito: “E’ giusto che sia così, l’Italia guida la lista dei paesi col maggior numero di siti Patrimonio dell'Umanità Unesco. Intervenire è una nostra precisa responsabilità”.


Sono affermazioni senza logica e forse senza copertura. Il Nepal ha vicini potentissimi e ricchissimi ed espertissimi nel produrre o riparare pressoché tutto, inoltre affini dal punto di vista linguistico-religioso (l’India) e politico (la Cina).




Noi cosa possiamo aggiungere? E poi quand’è che siamo stati nominati patroni dei siti Patrimoni Unesco dell’intero pianeta?


Proprio per il fatto che ne abbiamo da conservare ben cinquanta è evidente che non possiamo occuparci di quelli altrui.


Infine, a proposito di terremoti ricordo che in Abruzzo e in Emilia (la regione di Franceschini) la ricostruzione langue, che il Duomo di Guastalla è chiuso, che il Duomo dell’Aquila è chiuso, che la Basilica di Collemaggio è chiusa, che la Torre di Finale Emilia è a terra.


Per quale motivo questi edifici così belli e simbolici non mobilitano Franceschini e gli altri amanti dell’esotico?


Forse perché non sono né induisti né buddisti né maoisti, le tre fedi che vanno per la maggiore in Nepal?


Ama il Patrimonio tuo.


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I più letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext