Se il McDonald's si pappa l'Expo

Camillo Langone Marco Zucchetti - Ven, 03/04/2015 - 08:30

È giusto che il marchio più visibile dell'Esposizione universale sia quello del fast food più famoso del mondo, "main sponsor" della manifestazione?

Una «M» gialla che appare dalla tangenziale di Milano a indicare, come una stella cometa, il sito di Rho-Fiera dove il 1 maggio si aprirà Expo.


Sono tanti gli automobilisti che hanno notato l'insegna di McDonald's campeggiare a nord della metropoli milanese.

E la domanda ha cominciato a serpeggiare sui social network: è giusto che il marchio più visibile dell'Esposizione universale sia quello del fast food più famoso del mondo, «main sponsor» della manifestazione? Un dibattito che sta unendo paladini no global e sostenitori moderati dell'impresa italiana e che affonda le sue radici nella polemica lanciata da «Slow food»: «Non conta solo nutrire il pianeta, come recita lo slogan di Expo, ma anche “come”».


Polemica fomentata da un sondaggio di «Ballarò» ostile a CocaCola e McDonald's come sponsor. A rendere ancora più attuale la «battaglia» fra detrattori e sostenitori dell'hamburger all'Expo, il fatto che i punti vendita milanesi si stanno moltiplicando e che ieri al «villaggio McDonald's di via del Burchiello hanno preso il via le selezioni per 50 nuove assunzioni.


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I più letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext