14 Febbraio 2015 PREGHIERA

CANILLO LANGONE IL FOGLIO

Don Giussani, io non ti chiamo Don Gius come fa Renato Farina nel suo ultimo libro su di te, appunto “Don Gius” (Piemme).


Non ti ho conosciuto personalmente e comunque non sopporto i nomignoli, mi sembra svalorizzino le persone.


Ti ho letto, questo sì, e ora sono felice di rileggerti nelle pagine di Farina.



Vorrei ringraziarti per tante frasi, qui mi limito a una: “Gesù Cristo poteva guarire tutti i malati della Palestina e non li ha guariti”.


Io sono presentemente molestato da una quantità di medici, scrittori, lettori, vescovi, semplici preti, presidenti ed ex presidenti di svariate istituzioni, tutte persone secondo le quali io, proprio io, dovrei salvare tutti gli africani che si gettano in mare davanti alla Sicilia. Non precisano come, i molestatori restano subdolamente nel vago, ma siccome nessun salvataggio è gratis e lo sanno perfino loro, credo pensino che debba farlo con i miei soldi, con le mie tasse, insomma con la mia vita.



Costoro sono colpevoli di empietà: solo un empio può immaginare che io, proprio io, il niente che sono io, possa e debba fare qualcosa che nemmeno Gesù Cristo intese fare. Intuivo che fosse così: adesso, grazie a te, ne ho la certezza.


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I più letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext