E di colpo lo sconosciuto diventò il migliore

Marcello Veneziani - Sab, 31/01/2015 - IL GIORNALE

Era una voce che da anni saliva dall'Italia, dai media, dalle istituzioni, dalle imprese e dai sindacati, da donne, vecchi e bambini: M-a-t-t-a-r-e-l-l-a

Si sentiva bisogno di lui, tutti reputavano che i decenni in cui Sergio Mattarella era stato coricato nell'oblio, nelle terze file e nel frigorifero, fossero stati una grande perdita per il Paese o una grande astuzia per tirarlo fuori all'occorrenza, come la risorsa segreta della Repubblica.


E ora tutti a dire quanto è bravo, santo, eroico Nuvola Bianca, è lui l'uomo necessario all'Italia.



Ma in tutti questi anni non ve ne eravate mai accorti, non avendo mai pensato a lui a proposito di niente? Continuo a non capire per quale sragione il capo dello Stato non debba essere una figura di primo piano, un leader di statura internazionale, di grande prestigio o di grande popolarità, che ha inciso nella storia del Paese.


Per carità, Mattarella è una persona ammodo.


Ma è forse il garbo il criterio per scegliere il capo di qualunque impresa, pubblica o privata? Figuratevi il capo dello Stato.


È come eleggere Miss Italia pensando a Miss Eleganza.


Renzi è tornato alla Prima Repubblica nella scelta del nome, della biografia e dei requisiti, alla canuta Dc della partitocrazia old style


. In più ha aggiunto un requisito: lo voglio morbido, taciturno, insignificante e invisibile, perché il reuccio sono solo io.




Così, alla chetichella, spuntò una figura mosciarella.


E Matteo partorì Mattarella.


Lo chiamavano il Rottamatore...



Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I più letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext