Siamo sicuri di salvarci con Salvini? -

Marcello Veneziani 9/1/2015 il giornale

C'è un battaglione disperso di fanti e ufficiali della destra che chiameremo La Disperata, e che da nord a sud sta votandosi a Salvini.


Non so se per estrema speranza o per pura disperazione, ma le due cose alla fine coincidono.


Sentono tre quattro parole chiave che riguardano l'Europa, la sua moneta e  i poteri economici o dal lato opposto i migranti clandestini, i rom e un vago accenno alla famiglia e alla tradizione e dimenticano tutto il resto.


Puntano come un rimedio omeopatico sull'altro Matteo e rimuovono padanie, secessioni e curriculum del sullodato. Fanno bene, fanno male? Non so ma li capisco, condivido il loro disagio e constato lo stesso sfacelo ma poi non riesco a trovare in Salvini un leader seppure a noleggio (rent a leader).


Dal canto suo lui fa bene a cavalcare la Disperata, è bravo a tentare di sfondare al centro sud provando quel che Bossi una volta tentò ma allora c'era una destra nazionale più grossa della sua Lega.


Una variante subordinata è tentare le nozze Salvini-Meloni considerando che il primo non passava da Firenze in giù e l'altra da Firenze in su (la Toscana è zona franca, sotto il granduca Renzi). L'aspirazione finale non dovrebbe essere l'annessione alla Lega o garantire un ruolino ai residui riciclati e agli orfanelli d'Italia, ma una confederazione che li comprenda e li trascenda. Ma chi farà la sintesi super partes o la lega italo-padana e la destra nazionale-locale?


Nell'attesa la Disperata fa scalo a Salvinia come in un centro accoglienza, dove condividere le pen...


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I pi¨ letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext